X

Accedi

Accedi ora per confermare

Password dimenticata?

...o entra con Facebook:

Non hai ancora un accout su AndroidPIT? Registrati

Pocket Planets - Il nostro sistema solare, tascabile!

Michele V.
0

Proprio di recente, la notta d San Lorenzo la pioggia meteorica delle Perseidi ha abbellito i cieli con migliaia di stelle cadenti, ma a causa dell'inquinamento luminoso che si trova in tutte le città, i cieli notturni non sono così spettacolari come se visti da un ambiente più rurale. Se come me siete appassionati di astronomia, un'applicazione come Pocket Planets fa proprio al caso vostro: porta il nostro intero sistema solare nel cellulare per dargli un'occhiata più da vicino e la cosa migliore è che si adatta alla tasca posteriore dei pantaloni.

4 ★★★★

Valutazione

Versione testata Versione corrente
1.0.0 1.0.4

Funzioni & Uso

 

Dispositivo sul quale è stato effettuato il test: Samsung Galaxy S3
Versione Android: 4.0.4
Root:
Modifiche: Nessuna

Per gli utenti al primo assaggio con Pocket Planet, c'è una breve descrizione su come utilizzare i controlli. Se si vuole è possibile leggersela tutta, ma i comandi di quest'applicazione sono comunque molto intuitivi.

Il primo punto di vista è quella della Terra. Nell'angolo in basso a sinistra si trovano informazioni riguardanti la distanza dell'oggetto (cioè la Terra) così come altri fatti, quali la data e l'ora correnti.
Si può ingrandire l'immagine per guardare le cose più da vicino e utilizzare il dito per visualizzare gli oggetti intorno. Sono inoltre disponibili due lenti e la possibilità di fissare la fotocamera su un determinato oggetto.

Si passa di oggetto in oggetto attraverso il menu, siano essi pianeti, lune, il sole, asteroidi, pianeti periferici o altri corpi celesti. Il tour visuale attraverso la fotocamera è veramente bello, in modo che lo si riesce a godere a pieno.

Le impostazioni standard della fotocamera sono quelle di seguire l'oggetto corrente, ma è anche possibile modificare questa funzione dal menu, in modo da muoversi liberamente nello spazio.

E' possibile controllare le voci d'enciclopedia per scoprire dettagli ulteriori sugli oggetti, che sono elencati in ordine alfabetico. Ci sono informazioni sul raggio, la massa, le orbite, la rotazione e molto altro ancora. C'è anche una divertente sezione del tipo "Lo sapevi che...".

E' possibile modificare leggermente la visualizzazione, cambiando le informazioni che devono essere visualizzate, così come modificare gli effetti e l'illuminazione.

In conclusione

Pocket Planets è perfetta per gli appassionati di astronomia. La struttura è ottima, i movimenti di macchina belli e le informazioni fornite più che soddisfacenti. In breve, l'applicazione fornisce tutte quelle funzionalità che si si può attendere e sperare da un simulatore del sistema solare. Spettacolare!

Schermata & Comandi

 

La grafica di Pocket Planets è perfetta.
I controlli sono intuitivi, ma lo scorrimento è un po' lento, il che si rivela un aspetto negativo.
Quando si sposta la fotocamera è necessario tenere il dito sullo schermo, a meno che non si desidera interrompere il movimento. Ho visto versioni più sofisticate di questa caratteristica in altre applicazioni, come per esempio in Google Earth.

Velocità & Stabilità

 

Pocket Planets carica rapidamente ed è relativamente fluida. Tuttavia se si lascia l'applicazione andare per conto suo, bisogna ricaricare il movimento. Peccato.

Prezzo / Prestazioni

 

Pocket Planets è disponibile per 2,49 euro sul Play Store di Google, un prezzo equo se si considera le informazioni contenute nell'applicazione.

E' anche disponibile una versione di prova gratuita, per verificare se l'applicazione è compatibile con il proprio dispositivo.

Schermate

Pocket Planets - Il nostro sistema solare, tascabile! Pocket Planets - Il nostro sistema solare, tascabile! Pocket Planets - Il nostro sistema solare, tascabile! Pocket Planets - Il nostro sistema solare, tascabile!

Applicazioni simili

Nel caso tu ne conoscessi, sarebbe grandioso se potessi farcelo sapere.

Sviluppatore

Bruno Oberdorfer

Commenti

Commenta la notizia:

Author
2

Il miracolo della tecnologia?