Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
5 min per leggere 3 Condivisioni 1 Commento

1 App, 3 opinioni: i nostri esperti su "Where's My Perry?"

perry

Ogni settimana tre membri del nostro team condividono le loro opinioni su una app, sia le buone che le cattive. Oggi è il turno di Anna, Alessandro e Valentyna che condividono con voi le loro impressioni riguardo "Where's My Perry?".

"Where's My Perry" è il seguito di "Where's my Water", un'applicazione prodotta dalla Disney che ha avuto un grande successo. Il gioco offre un simpatico mix di folli esperimenti scientifici, come per esempio usare raggi laser, giacchio, terra e rocce per dirigere l'acqua per la sua destinazione finale. Vale la pena scaricarlo? Leggiamo insieme cosa ne pensano i nostri esperti!

Anna

annaEditor per il sito francese. Vorrebbe mettere come pricipale occupazione sul suo curriculum: globetrotter. E' ossessionata da immagini, giochi e widget meteo di zombie. Ha smesso di parlare con qualcuno solo perché aveva una suoneria ridicola. Possiede un Galaxy S2 ricoperto da impronte digitali. Odia le applicazioni che inviano le notifiche che non hai mai chiesto e può trascorrere ore giocando a sudoku anche se l'applicazione è brutta, ma è sempre conquistata da un buon design. Ama le giraffe, il tiramisù ed è allergica al sole.

PRO
Disney è insuperabile per la sua bravura nelle animazioni e lo mostra in questo gioco per l'ennesima volta nella grafica, nei colori e nell'attenzione per i dettagli. Per chi non ci capisce niente di scienze come me, è veramente appassionante confrontarsi con la combustione, la solidificazione, l'evaporazione e dover mettere in pratica queste 'conoscenze' in un gioco. Forse potrei anche tornare a scuola e riuscire a fare quei compiti di fisica che vivevo come un incubo. Mi è piaciuta molto la modalità questionario, che dà un buon ritmo al gioco, e collezionare indizi segreti che ha risveglianto la Sherlock Holmes sempre presente in me.

CONTRO
Senz'altro "Where's My Perry?" è divertente. Ma a 25 anni, giocare in pubblico con un'applicazione che ha come protagonista un ornitorinco in impermeabile potrebbe essere anche un po' imbarazzante. Detto questo, mi rendo anche conto di non rientrare nel target demografico immaginato dagli sviluppatori.

La mia domanda è: che ci sia una sorta di fuga dei cervelli dalla Disney? Avrei pensato che avessero cercato quanto meno di nascondere il fatto che "Where's My Perry?" è un semplice copia e incolla di "Where's My Water?".E' così difficile avere un minimo d'immginazione? Non voglio iniziare un grandioso dibattito politico-filosofico, ma cavalcare il successo di "Water" con un'applicazione appena appena aggiornata e farla pagare 0,79 € mi sembra un po' troppo. Dare soldi ad uno sviluppatore indipendente non è mai stato un problema per me. Ma arricchire ulteriormente uno tra gli studios più grandi del mondo, beh, mi irrita un po', soprattutto se hanno appena aggiornato la versione precedente.

Alessandro

alexEditor per il sito italiano. Il primo dispositivo che ha flashato è stato un HP iPAQ... più o meno mille anni fa. Usa Linux e adora tutto quello che è open source. Pensa che se non sta nella tasca dei jeans è un tablet, non un telefono.

PRO
Chiunque abbia gradito la fisica basata sull'acqua di "Where's My Water?" apprezzerà anche "Where's My Perry?". La stravagante e coinvolgente miscela di fisica e chimica garantisce una corsa divertente. Questo gioco è divertente da giocare tanto quanto il suo predecessore ed è difficile non iniziare un nuovo livello il secondo dopo che si è finito il precedente. La colonna sonora è ottima, la grafica affascinante e non ho verificato nessun genere di interruzione o sfasamento durante tutto il tempo che ho usato l'applicazione.

CONTRO
In confronto con "here's My Water?" la grafica sembra in un primo momento più dettagliata, ma alcuni dettagli andrebbero ancora migliorati. Per esempio, l'acqua non sembra che si comporti come acqua; sembra qualcosa di viscido invece che liquido. Può sembrare un piccolezza, ma e pretendi di creare un esperimento scientifico, hai bisogno dei giusti ingredienti.

Dopo aver aver provato una dozzina di livelli, ho trovato qualche difficoltà ad immaginarmi una sfida che non potesse essere risolta in meno di 20 secondi anche da un bambino di cinque anni. Forse la fisica è diventata un po' più complessa, ma i livelli restano sempre troppo facili. Considerato che il gioco non è gratuito e che è stato sviluppato dalla Disney, mi sarei aspettato qualcosa di più.

Valentyna

vaentinaLaureata in Studi sulla pace e risoluzione dei conflitti, avrebbe voluto seguire le orme di Madre Teresa. E' finita a scrivere di nuove tecnologie. Ora che possiede un Galaxy Note, ha praticamente smesso di usare il computer. Progetti per il futuro: imparare il cinese ed acquistare il Galaxy Nexus 7, ma probabilmente non in quest'ordine.

PRO
Ammazzare il tempo con un giochetto stupido sulla metropolitana è un passatempo che non mi fa sentire troppo colpevole. Se Angry Birds non mi ha coinvolto troppo, c'era riuscito invece il coccodrillo Swampy di "Where's My Water?". Questo seguito non mi dispiace. L'ornitorinco Perry sembra un po' un James Bond degli anfibi, che viaggia attraverso il sistema fognario mentre tu sblocchi uno dopo l'altro i livelli risolvend degli esperimenti scientifici. Al centro del gioco c'è un'intigrante miscela di fisica e chimica, come quando trasformi l'acqua in ghiaccio, poi in vapore e poi di nuovo in acqua. Crea dipendenza. Il raporto qualità/prezzo anche.

CONTRO
Stranamente, il livello di difficoltà non progredisce in modo logico. Alcuni livelli molto duri sono seguiti da altri super-facili, e poi seguiti di nuovo da livelli difficili. Ci avrei ragionato un po' di più su come organizzare la struttura di difficoltà del gioco. Inoltre, il numero di livelli è un po 'misero per un'applicazione a pagamento. Cari sviluppatori, cercate di risolvere questi problemi!

1 Commento

Commenta la notizia:
3 Condivisioni

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK