Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
5 min per leggere 24 Condivisioni 8 Commenti

5 ottimi motivi per desiderare il nuovo LG G5!

Sono finiti i tempi bui, i giorni in cui vagavamo nell'ombra alla ricerca di indiscrezzioni succulente sul G5, perché lo smartphone più interessante del momento è finalmente ufficiale. Il nuovo LG G5 è l'ennesima dimostrazione della volontà del brand sudcoreano di accontentare i propri utenti. 

Non siete convinti? Dopo averlo ammirato sul grande schermo della conferenza stampa ed averlo testato per qualche minuti un un hands-on, ci siamo convinti: il G5 è lo smartphone più interessante del momento. Ecco 5 motivi per cui dovreste desiderare un LG G5 a tutti i costi! 

androidpit lg g5 12
Ecco perchè vale la pena acquistare un LG G5! / © ANDROIDPIT

1. Offre un design elegante e funzionale

Il nuovo LG G5 presentato dal brand il 21 febbraio in occasione del MWC di Barcellona, non ricorda nessuno dei suoi predecessori. Forse richiama il design offerto dal Nexus 5X, creato dallo stesso brand, ma si mostra avvolto completamente in metallo, caratterizzato da bordi curvi, angoli smussati ed un profilo sottile e piatto. Dimenticatevi il corpo curvo che caratterizza il suo predecessore. 

Bello da vedere, il G5 non rinuncia però ai dettagli ritenuti fondamentali dagli utenti: la possibilità di espandere la memoria ed estrarre la batteria. Com'è possibile che un unibody metallico dia la possibilità di estrarre la batteria? Grazie ad un vano nascosto lungo il bordo inferiore, estraibile schiacciando un tasto che si mimetizza con la cornice nell'angolo in basso a sinistra.

androidpit lg g5 8
La fotocamera sporge leggermente dalla scocca del G5. / © ANDROIDPIT

Alcuni di voi potrebbero non apprezzare la leggera sporgenza della doppia fotocamera posteriore, che purtroppo fa ballare un po' il dispositivo se appoggiato su di una superficie piana, ma va ammesso che il nuovo look del G5 è decisamente più attramente rispetto a quello delle generazioni precedenti. Sono spariti inoltre i tasti tipici sulla scocca, sostituiti da un lettore d'impronte digitali che fa anche da tasto d'accensione. Il regolatore del volume è invece stato spostato lungo il bordo sinistro.

2. Garantisce prestazioni fotografiche uniche

Mettiamo subito le mani avanti ed i puntini sulle i: non abbiamo testato a fondo le prestazioni fotografiche del G5 e ci basiamo al momento sulle dichiarazioni fatte dai rappresentanti del brand e sulle specifiche tecniche. Detto ciò, il nuovo comparto fotografico del G5 promette prestazioni uniche, grazie all'utilizzo di ben due diversi obiettivi, uno di 16MP e l'altro di 8MP grandangolare. Come funziona esattamente questa fotocamera?

In sostanza i due sensori si alternano automaticamente a seconda della messa a fuoco e dello zoom, passando da una visuale più stretta a quella più ampia dell'obiettivo grandangolare. Non è tutto, il G5 ripresenta la modalità manuale offerta dai sui predecessori, permette di lanciare l'app della fotocamera in qualsiasi momento semplicemente selezionando due volte il tasto del volume basso ed offre un'interfaccia software semplificata, nella quale si nascondono tantissime modalità di scatto interessanti. 

androidpit lg g5 21
L'interfaccia software della fotocamera è molto semplice! / © ANDROIDPIT

Non accontentatevi di una fotocamera intelligente, in grado di passare da un tipo di inquadratura all'altra automaticamente, ma preparatevi ad un'esperienza più intuitiva e funzionale grazie al modulo chiamato Cam Plus introdotto dal brand. Non è bello da vedere e renderà più spesso il design, ma servirà a controllare meglio le impostazioni della fotocamera tramite tasti fisici, dare una migliore presa ed ergonomia al dispositivo durante gli scatti, e, allo stesso tempo, espandere l'autonomia del G5. Non si potrebbe chiedere di meglio. 

3. Rivoluzionerà la vostra esperienza audio

Il modulo dedicato alla fotocamera non è l'unico introdotto da LG e ne troviamo un altro chiamato Hi-Fi Plus dedicato all'esperienza audio del dispositivo. Sviluppato in collaborazione con Bang & Olufsen, questo modulo offre un convertitore (DAC) da digitale ad analogico a 32-bit accompagnato da un amplificatore. In parole semplici, attaccando questo modulo, perderete l'utilizzo del jack delle cuffie, ma otterrete un'esperienza audio degna di uno speaker Bluetooth. 

androidpit lg g5 4
Basta staccare un modulo ed attaccarne un altro! / © ANDROIDPIT

4. Arriva con una serie di interessanti gadget connessi

LG non si è fermato ai moduli, ma ha presentato al pubblico di Barcellona diversi gadget connessi che accompagnano il G5 ed offrono diverse funzionalità aggiuntive. Non poteva mancare un visore VR dedicato alla realtà aumentata, chiamato 360 VR, una fotocamera a 360 gradi dotata di 13MP di obiettivo, una videocamera robotica chiamata Rolling Bot (più un simpatico giochino che altro), degli auricolari senza fili, un telecomando intellignete per controllare i droni e tanto altro ancora. 

Lg g5 03
Gli amici del G5 presentati a Barcellona! / © LG

5. Libera tutti da bloatware e funzioni inutili

Abbiamo notato con piacere un'interfaccia più semplice e pulita sul G5 rispetto alle generazioni precedenti. Accompagnata da Android 6.0.1 Marshmallow, l'UX di LG si mostra meno colorata, caratterizzata da icone più stondate e sobrie e, a nostro avviso, adattata in modo più uniforme al Material design di Google. 

LG ha deciso di semplificare l'utilizzo e di lasciare più spazio agli utenti, limitando le app preinstallate ad una ventina, inclusi i servizi Google, liberandosi di alcune app della casa inutilizzate come Q Slide, ad esempio, e liberandosi dell'app drawer. Una scelta drastica, che potrebbe non piacere a tutti, ma che secondo me rende l'esperienza software più intuitiva, eliminando passaggi intermedi e permettendo di avere sott'occhio tutte le app con un semplice swipe. 

androidpit lg g5 19 w782
Le icone delle app sono state semplificate! / © ANDROIDPIT

Voi comprereste un LG G5? Quale delle novità vi ha colpito di più? 

8 Commenti

Commenta la notizia:
  • "In parole semplici, attaccando questo modulo, perderete l'utilizzo del jack delle cuffie, ma otterrete un'esperienza audio degna di uno speaker Bluetooth." sicura??? Mah. Controlla meglio ché magari qualcuno ci crede...

    • Anche se qualcuno ci credesse quale problema ci sarebbe ?

      • Il problema sarebbe... che è semplicemente falso! Prima di tutto non si perde il jack per le cuffie, anzi il modulo è concepito proprio per l'ascolto in cuffia in alta qualità. Seconda cosa, lo speaker bluetooth non c'entra un bel niente. Non si tratta di un altoparlante esterno ma di un modulo DAC.

      • Io non penso molto all'audio ma ricordiamoci di parlare con la cara Daria, magari può sbagliare anche lei, e non dico che abbia sbagliato, ma siamo sempre cortese quando glielo facciamo notare

      • È da tre settimane che è scritta questa castroneria (a me interessa MOLTO la parte audio) e la cara Daria avrebbe potuto degnarsi non dico di rispondere ma almeno di informarsi meglio e rettificare.

      • Dai siamo gentili con lei, è una ragazza, comportiamoci da galantuomini e poi lei è sempre gentile con noi. Io suppongo che non si sia accorta dei commenti

  • Daria, se lo dici tu, devo davvero pensare che è un ottimo consiglio anche se per adesso tengo il mio

  • È senz'altro un deciso passo tecnologico in avanti. Ma gli accessori presentati da Sony ed a noi in altro articolo di ieri dalla nostra grande Daria sono, come ho già detto nel mio commento all'articolo stesso, un'altra cosa, decisamente più innovativi ed entusiasmanti e forieri di un luminoso futuro che potrebbe cambiare veramente il nostro vivere lo smartphone (ma perché continuiamo a chiamarlo "smart"? Serviva a differenziarlo dagli altri che, però, non ci sono praticamente più...).
    Quindi, in conclusione, cambierei il mio Note3 solo con un Telefono con quegli accessori, per ora Sony

24 Condivisioni

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK