Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

4 min per leggere 5 Commenti

A chi importa di Android O?

Alzi la mano chi ha in tasca uno smartphone che gira Android 7.0 Nougat! A meno che abbiate acquistato un dispositivo con il croccantino integrato, avrete probabilmente dovuto attendere qualche mese prima di poter godere delle sue feature. Nel mentre Android O si è fatto vivo nella prima anteprima per sviluppatori ma... a chi importa veramente?

Android O: cosa bolle in pentola?

Un po' a sorpresa l'anteprima per sviluppatori di Android O è sbucata fuori due settimane fa. Il nome ufficiale della versione 8.0 di Android è ancora sconosciuto (anche se le quotazioni per Oreo sono piuttosto alte) ma quanto meno abbiamo potuto dare un'occhiata alle prime feature anche se, come sempre, non per forza saranno parte della versione finale.

AndroidPIT android O Oreo 2056
Facciamo una scommessa sul fatto che si chiamerà Oreo? / © AndroidPIT

Le impostazioni sono state ancora una volta modificate e la possibilità di aprire il menu principale con uno swipe da qualsiasi sezione è stata rimossa. Allo stesso tempo però le diverse voci sono state semplificate ed alcuni opzioni, come Utente e Account sono state combinate. Le notifiche poi vengono ora categorizzate a seconda del tipo consentendo agli utenti di controllarle con maggiore libertà.

Arriva anche il backup degli SMS (li utilizzate ancora?) che raggiunge quello di dati ed applicazioni già presente. Il file explorer diventa più facilmente accessibile: vi basta cliccare direttamente sull'app invece che accedervi dalle impostazioni.

La prossima Developer Preview arriverà a metà maggio in occasione della Google I/O

Google ha anche pensato a consumi e prestazioni ed ha deciso di impostare un limite alle app che operano in background, una chicca che in molti apprezzeranno. A ciò si aggiunge il Picture in Picture volto a migliorare il multitasking, le icone che si adattano all'interfaccia del dispositivo, una migliore connettività (arriva la compatibilità con il codec LDAC) ed un'ottimizzazione dei tasti capacitivi indietro e multitasking anche se, per ora, non sappiamo in che direzione.

Google cerca di migliorare il suo software per gli utenti con non pochi ripensamenti da una release all'altra. La prossima Developer Preview arriverà a metà maggio in occasione della Google I/O. In quest'occasione, oltre a conoscere qualche altro dettaglio su Android O, potrebbe essere aperto il programma beta. Le nuove feature sembrano interessanti e fino al rilascio della versione finale ne spunteranno delle altre ma questo non è il punto. Il problema è un altro: a chi interessa davvero sentir parlare di Android O ora?

Un dolce dal gusto amaro

Gli appassionati di Android, i giornalisti tech e gli sviluppatori sono senza dubbio i più interessati all'argomento. Ma la maggior parte degli utenti che ancora attende l'arrivo di Nougat o che magari ha già rinunciato alle sue feature perché ahimè non ha in tasca uno degli eletti top di gamma, non credo siano particolarmente attratti dalle prime comparse di Android O. Perché dovrebbero del resto?

E poi c'è anche chi ha un Android in tasca ma in realtà non ha idea della versione integrata... non parlo di voi che state leggendo questo articolo ma se fate qualche domanda in giro ai vostri amici vi renderete conto che non tutti sono interessati a questi "dettagli".

Quello della frammentazione è, si sa, uno dei problemi principali dell'universo Android. Google e brand produttori hanno le loro colpe ovviamente ma a pagarne le conseguenze sono sempre e comunque gli utenti, quegli stessi che sono disposti a pagare non poco per acquistare i loro smartphone. Ed è un peccato che il colosso americano non li ripaghi (anzi, non ci ripaghi) per la nostra fedeltà.

AndroidPIT survive android updates 7654 2 1
Alcuni trucchi possono aiutare a ricevere prima gli aggiornamenti. / © AndroidPIT

Probabilmente se gli aggiornamenti di software venissero rilasciati contemporaneamente su tutti i dispositivi Android poco dopo l'ufficializzazione, il risutlato sarebbe diverso. Può essere curioso farsi un'idea delle nuove caratteristiche ed ottimizzazioni su cui Google lavora ma trattandosi di un qualcosa che sarà realtà tra circa 5 mesi e, a dirla tutta, non subito tangibile (per alcuni addirittura irraggiungibile) l'entusiasmo non può salire alle stelle. 

Ed è per questo motivo che da editor quando ho dovuto scrivere le prime righe su Android O mi sono quasi sentita in colpa verso di voi, verso tutti gli utenti che stanno ancora aspettando Nougat, che lo hanno atteso per mesi o che, ancora peggio, non lo vedranno mai girare sul proprio dispositivo. Dall'altro lato però non possiamo neppure trascurare gli sviluppi del mondo Android e chissà, presto magari parleremo di una gestione degli aggiornamenti più immediata e fruibile a tutti. O forse, ancora meglio, non ne parleremo più perché il problema non sussisterà. 

Mentre attendiamo che qualche provvedimento concreto venga annunciato e messo in pratica da Google, vorrei sapere da voi: quanto siete interessati, oggi, alle novità introdotte da Android O? Cosa vorreste sentire alla prossima Google I/O?

12 Condivisioni

5 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Alex 13-apr-2017 Link al commento

    Non solo non sanno che versione di Android hanno, ma cambiano cellulare ogni anno perché la batteria non regge più..... Facebook e luminosità a palla, nel frattempo, se la ridono


  • Ho un Samsung e calcolando la rapidità con cui aggiornano penso che lo vedrò quando comincerete ha parlare di Android "P" però ciò non toglie che mi interessa sapere tutto del mondo del Robottino, sperando che la nuova versione sia nominata AP


  • Io non ho visto nemmeno Marshmallow sul mio telefono (Sony Xperia Z) ma ho dovuto procedere a custom ROM, e tante preghiere per i bootloop iniziali (incompatibilità dell'interfaccia al primo posto)


  • Bhe, io da amante Android mi tengo sempre informato sIlle ultime novità, e anche se per ricevere Android O sul mio s7 edge ci vorrà almeno un anno, sono incuriosito e cerco tutte le ultime novità.
    Non parliamo delle persone che difendono Android a spada tratta senza nemmeno sapere che versione hanno sul proprio smartphone: è odiosissimo quando qualcuno ti chiede di aiutarlo con un qualche problema, e quando gli chiedi che versione ha lui ti risponde che non lo sa!!😠😠😠