Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

3 min per leggere 1 Commento

Accessori e prezzi: c'è chi offre soluzioni economiche e chi ne abusa

In un mercato redditizio come quello degli smartphone alcuni produttori abusano dei prezzi degli accessori. I brand fanno riferimento a questi accessori che costituiscono un business proficuo parlando di personalizzazione. L'abuso però è sempre dietro l'angolo! Vediamo da vicino che si spinge un po' troppo lontano.

Fotocamera esterna

Moto Mod Hasselblad True Zoom di Motorola

Nonostante gli sviluppi fatti dagli smartphone in ambito fotografico, i brand continuano ad offrire nuovi accessori capaci di migliorare le abilità dei propri dispositivi. L'esempio migliore sono gli smartphone modulari di Motorola.

Il Moto Mod Hasselblad True Zoom è l'esempio perfetto di accessorio troppo costoso (parliamo di circa 300 euro) rispetto a ciò che offre realmente. Ha un'etichetta vicina a quella di una Reflex o di una fotocamera ibrida entry-level. L'aspetto peggiore è che il Moto Mod Hasselblad True Zoom non è neppure così interessante. Il suo zoom 10x è una delusione e non porta alcun valore aggiunto agli scatti del Moto Z.

Hasselblad
Deludente e costoso. © AndroidPIT

Il contro-esempio

Il Pixter Pro è una lente aggiuntiva per smartphone. Con un design a molletta, può aggrapparsi a diversi modelli di smartphone differenti. In questo modo potrete continuare ad usarlo anche quando sostituirete il vostro smartphone con uno nuovo. Il Pixter Pro offre angoli più ampi. E se alcuni di voi potrebbero rimpiangere l'assenza di uno zoom ottico, basterà guardare al prezzo (39,99 o 49,99 euro a seconda del modello scelto) per ricredersi.

Ricarica senza fili

L'opzione offerta da Vertu

La ricarica wireless è riuscita a convincere diversi utenti grazie alla sua semplicità. La ricarica senza file sta entrando sempre più nelle case degli utenti e, a testimonianza di ciò, basta guardare alle postazioni di ricarica sempre più vendute da brand come Ikea.

Da Vertu, produttore che realizza smartphone di lusso, le opzioni sono belle salate. Per la ricarica senza fili si raggiungono (tenetevi pronti) i 520 euro. In cambio avrete un bel pezzo di alluminio aeronautico. E' così che Vertu pensa alla ricarica senza fili.

androidpit wireless charge vertu
Alluminio e pelle di vitello per 520 euro. © Vertu

Il contro-esempio

Ikea offre una stazione di ricarica senza fili QI (uno degli standard più comuni compatibili con la linea Galaxy Di Samsung) per 35 euro. Un altro vantaggio è che potrete acquistarlo in diversi colori e che per 69,99 euro potrete avere una tripla stazione di ricarica.

I cavi

Cavo Apple Lightning per 25 euro

Il mercato dei cavi è uno dei più importanti e sviluppati nel mondo degli accessori. I cavi di ricarica sono, in effetti, molto fragili e tendono a deteriorarsi con facilità. Se riscontrate dei problemi caricando il vostro smartphone, il cavo potrebbe essere la causa del problema. Apple, in questo campo, vince il primo premio: il cavo USB di ricarica di Cupertino costa infatti ben 25 euro.

androidpit cable lightning usb
Apple ed i suoi cavi di ricarica: un modo a sé. © Apple

Il contro-esempio

Fortunatamente è possibile trovare un cavo USB dello stesso tipo su Amazon ad un prezzo tre volte inferiore. Ed il cavo è certificato Apple!

Vi viene in mente qualche altro brand che abusa del prezzo degli accessori? Condivideteli con noi in un commento.

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati