Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Commento

Android 4.0 per molti ma non per tutti

android 4.0 ICS logo

Mentre i nuovi device escono con già con Ice Cream Sandwich, continua il rolling out dell'aggiornamento ad Android 4.0 per i dispositivi equipaggiati con le versioni precedente del robottino verde. E' di queste ora la notizia che nel futuro prossimo chi acquisterà un Galaxy S2 lo troverà direttamente con Android 4.0, mentre i possessori di molti smartphone Motorola non sono così fortunati.

Nelle ultime settimane, infatti, molti produttori hanno reso pubblica la propria roadmap degli update ad Android 4 e naturalmente hanno anche fatto sapere quali device non riceveranno ICS.

E' questo per esempio il caso di Motorola, che con un comunicato abbastanza secco, ha affermato che non aggiornerà i device per i quali ritiene che Android 4.0 non porti miglioramenti. Naturalmente si parla di alcuni dei telefoni più vecchi e con hardware non nuovissimo, per cui Motorola, ma in generale ogni produttore, non si sente di rischiare un aggiornamento che non porti davvero benefici agli utenti.

C'è da considerare infatti che non solo l'update in sé costa molto lavoro ai produttori, ma che un aggiornamento azzardato, che si riveli più problematico che vantaggioso, potrebbe risultare catastrofico per l'immagine dell'azienda, nonché per il carico di lavoro post-vendita.

E' evidente quindi il perché i produttori stiano procedendo coi piedi di piombo con gli aggiornamenti ad Android 4.0. D'altro lato questa cautela, seppur fastidiosa per chi non avrà l'update, dovrebbe far dormire sonni tranquilli agli utenti preoccupati di trovarsi tra le mani un device poco usabile perché l'hardware non può supportare adeguatamente ICS.

In ogni caso, anche chi rimarrà tagliato fuori dall'Ice Cream Sandwich ufficiale, potrà sempre rivolgersi ai diversi forum, XDA per primo, per installare sul proprio smartphone un aggiornamento non ufficiale. Sempre se se la sente di rischiare!

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK