Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

3 min per leggere 1 Commento

Android per principianti: i processori negli smartphone

Quando arriva il momento di acquistare uno smartphone è meglio conoscere qualche informazione preliminare sui processori. Perciò oggi su Android per Principianti, anche alla luce dell'arrivo di Intel nel mondo smartphone, parleremo delle differenze tra i processori. Leggete il nostro articolo di oggi per scoprire cos'è e come funziona il “cervello” del vostro smartphone.

Cos'è un processore?

Un processore è l'unità centrale del nostro dispositivo, ed è incaricato di organizzare i processi del vostro device e gestire l'esecuzione del sistema operativo e delle applicazioni. L'unità di misura è il Gigahertz (GHz), e con questa unità di misura si stabilisce la quantità di hertz che il processore è in grado di gestire in un secondo. Più è alto questo valore, più il processore sarà veloce e potrà rapidamente leggere dati ed effettuare procedure.

Al momento attuale, la maggioranza degli smartphone viene prodotta con processore dual-core o quad-core. Per chi pensa che avere un processore dual-core equivalga ad avere uno smartphone il doppio più veloce rispetto a un single-core, sgombriamo il campo da equivoci: avere due o più processori serve allo smartphone per effettuare diversi processi allo stesso tempo, ma non ne raddoppia la velocità.

Intel e i dispositivi mobili

Negli ultimi tempi è stato presentato il nuovo Motorola RAZR i, il primo smartphone con un processore Intel, nota casa produttrice di processori per personal computer. Questo processore è single-core, anche se, dalle dichiarazioni di Intel, il processore sarebbe in grado di creare un secondo nucleo virtuale con cui potrebbe effettuare due procedimenti allo stesso tempo.

Quello che Intel ha e che gli altri produttori non hanno è la tipologia di processore semiconduttore e la sua particolare architettura. Un momento però, cos'è l'architettura? È il disegno del processore ed il modo in cui interagiscono i diversi blocchi interconnessi all'interno della struttura.

Architettura, nucleo, velocità...Riordiniamo le idee

In questa sede non è necessario addentrarci molto approfonditamente negli aspetti tecnici dei processori. Ci sono solo un paio di cose che è necessario tenere a mente. Esistono due tipi di architetture di processori: la prima, denominata CISC, è stata sviluppata da Intel, mentre l'altra, detta RISC, è utilizzata da ARM ed è molto più adatta agli smartphone (di questo tipo sono, tra gli altri, i processori TI, Snapdragon, Nvidia e Exynos). La differenza fondamentale è che le istruzioni nei processori CISC sono più articolate e complesse, mentre i RISC si basano su indicazioni semplici ed essenziali, che possono quindi essere eseguite più rapidamente.

Naturalmente, la scelta di uno smartphone a seconda del tipo di processore montato dipende da molti fattori: in generale, potrebbe essere più importante per un device la possibilità di effettuare più di un'operazione simultaneamente. Al momento, i processori quad-core hanno una velocità tra gli 1,4 e gli 1,5 Ghz. Per il momento, i test effettuati sul processore Intel hanno dimostrato che tale processore è più lento dei dual-core e dei quad-core.

Speriamo che queste informazioni vi saranno utili al momento di acquistare un nuovo smartphone, e ci auguriamo di avervi chiarito un po' le idee su cosa sia un processore e quale sia il suo utilizzo. Alla prossima settimana!

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più