Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
3 min per leggere 1 Commento

Apple chiede 2,5 miliardi di risarcimento a Samsung

apple risarcimento samsung

Apple pretende da Samsung 2,5 miliardi di dollari. Due miliardi sono cifra che secondo la casa di Cupertino Samsung ha guadagnato ingiustamente copiando il design dei prodotti della Mela, mentre 500 milioni sono i mancati guadagni di Apple dovuti al comportamente scorretto di Samsung. Solo? No, Apple potrebbe voler chiedere fino a tre volte tanto.

Premesso che un tribunale britannico ha prosciolto Samsung dall'accusa di aver copiato la forma dell'iPad solo pochi giorni fa, le cause riguardanti il design, di iPhone questa volta, si basano su un'immagine che è stata postata anche su twitter da John Paczkowski di AllThingsD:

design smartphone

 

La figura si commenta da sola: prima dell'uscita dello smartphone di Cupertino, i terminali Samsung erano profondamenti diversi, mentre adesso un profano non li distinguerebbe dall'iPhone. Ma non è detto che questo basti a convincere i giudici – in fondo televisori, lavatrici, ecc. non si assomigliano tutti? - ma soprattutto, come avrebbe fatto Samsung a "rubare" il design di Apple se il primo smartphone simile all'iPhone, il Samsung F700, è uscito solo un mese dopo la presentazione del telefono della Mela?

Le accuse di aver copiato la forma dei dispositivi Apple non sembrano essere così convincente insomma, ma c'è un'altra ragione per cui a Cupertino si concentrano sui brevetti che riguardano il design. Questi sono i soli negli Stati Uniti che consentono di chiedere un risarcimento per “ingiusto profitto” e, per essere precisi, permettono di chiedere indietro tutto quello che è stato guadagnato tramite l'uso di progetti depositati da altri. Nel caso in questione, la cifra guadagnata da Samsung usando proprietà intellettuali di Apple sarebbe appunto 2 miliardi di dollari: moltissimi soldi anche per un colosso come quello coreano. Ma non è finita, perché la casa di Cupertino chiede anche un risarcimento per il proprio mancato guadagno, altri 500 milioni, più 25 milioni di risarcimento per la violazione di brevetti vari, come lo zoom con il tap, per cui l'ingiusto profitto non è invocabile. Totale 2'525'000'000 di dollari.

La cifra già così sarebbe enorme, ma la legge americana potrebbe consentire a Apple di triplicarla nel caso dimostrasse che Samsung ha violato consapevolmente le proprietà intellettuali altrui oppure che avesse il sospetto di poterle violare e non abbia fatto niente per esserne sicura e impedirlo. Si tratterebbe di 7,5 miliardi di dollari. Per quanto la cifra in ballo sia enorme, la perdita economica non sarebbe certo il problema maggiore di Samsung. La casa coreana dovrebbe trovare il modo di produrre device con appeal per i consumatori e allo stesso tempo abbastanza diversi dall'iPhone da non incorrere nelle cause future di Apple. A giudicare dall'immagine in alto, sarebbe davvero un'impresa, a meno che noi tutti non iniziamo a preferire i telefoni triangolari con angoli squadrati.

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK