Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Commento

Apple iPad mini: presentazione ufficiale, foto e specifiche

Dopo la presentazione dell'iPhone5 tenuta il mese scorso, questa volta Apple ha dato appuntamento ai suoi fans in California per l'iPad mini, il nuovo dispositivo che dovrebbe porsi in diretta concorrenza dei tablet a 7'' come Kindle Fire o Nexus 7. Molto si era già detto in precedenza su questo device, dalle note più aneddotiche (si narra che Steve Jobs fosse contrario all'idea di sviluppare una versione mini dell'iPad), fino alla discussione sulle specifiche che ora sono finalmente ufficiali. Vediamo insieme le foto e le specifiche.

Dopo una prima fase della presentazione dedicata ai nuovi MacBook Pro, si è passati finalmente al tanto atteso iPad mini. Il display dell'iPad mini misura 7,9'' e la risoluzione dello schermo (forse il punto debole del dispositivo) è 1024x768 pixel con formato video 4:3. Queste dimensioni del display, inedite per un device di questo tipo, rendono l'iPad mini il 40% più grande dei concorrenti a 7''.

Il sistema operativo del nuovo device Apple è iOS6, e il device verrà presentato in colori bianco e nero.  La camera frontale è FaceTime HD e sul retro si trova un'altra camera iSight a 5MP. Anche sull'iPad mini è presente il connettore Lightning che già aveva fatto il suo debutto con l'iPhone 5. Il design ultra sottile è inoltre ancora la caratteristica dominante dell'iPad mini, ed il peso è consistentemente inferiore all'iPad tradizionale (-53% secondo quanto detto alla presentazione).

Per quanto riguarda la durata della batteria, durante la presentazione è stato più volte assicurato che l'autonomia del dispositivo potrà raggiungere le 10 ore. Vedremo se le promesse del management di Apple si riveleranno vere o se si sia trattato solo di dichiarazioni “pubblicitarie”.

Durante la presentazione si è parlato anche di prezzo ufficiale (a partire da 329$), ma bisogna tenere conto che si tratta di un prezzo per gli Stati Uniti. Dato che negli USA l'acquisto dei device è spesso legato a lunghi contratti con i gestori telefonici, non saremo sorpresi se per l'Europa e l'Italia il prezzo sarà decisamente più elevato.

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK