Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

3 min per leggere 1 Commento

Apple mette Android sempre più all'angolo: l'84% dei ricavi dei giochi

 Newzoo ricavi mobile gaming

Sull'importanza di una buona offerta di contenuti in un sistema operativo per smartphone così come sulla possibilità di monetizzare questo sviluppo, si parla spesso. Un altro tema ricorrente che in qusto momento Android affronta grandi problemi proprio in questo campo. Che non siano soltanto parole, ma uno stato di fatto lo dimostrano i numeri diffusi di recente dalla società di ricerche di mercato Newzoo riguardo il tema "Mobile Gaming". In base a questi dati, l'84% di tutte le entrate derivanti dai giochi per dispositivi mobili negli Stati Uniti vanno ad Apple.

Le cifre si basano sui valori di 17.000 persone e il loro comportano con i 200 migliori giochi nell'App Store di Apple, così come nel Google Play Store. Bisogna sottolineare che negli Stati Uniti i giochi per dispositivi mobili sono la fetta maggiore dei ricavi per quanto riguarda le applicazioni per smartphone. La crescita di questo settore è notevole. Il numero di giocatori mobili negli Stati Uniti è cresciuto da 75 a 101 milioni. Di questi circa il 69% usa uno smartphone, mentre il 21% gioca sui tablet. Naturalmente, molte persone giocano i cosiddetti casual games, soprattutto sulla strada verso il lavoro oppure semplicemente per distrarsi. Nella maggior parte dei casi, si tratta di applicazioni gratuite che si possono scaricare nei principali App Stores.

Il numero dei giocatori che pagano per avere il proprio gioco tuttavia aumenta continuamente. Circa 37 milioni di persone negli Stati Uniti paga infatti per i mobile games. Cioè, quasi il 35% in più dello scorso anno.

Android zoppica dietro Apple - e pure parecchio...

I 37 milioni di giocatori appena menzionati danno molti più soldi ad Apple, che ad Android. Nel complesso, il settore del mobile gaming garantisce cinque volte più denaro ad Apple che ad Android. Le ragioni sono naturalmente piuttosto complesse. Una delle principali ragioni è però che Apple garantisce un metodo di pagamento molto più semplice. Una volta che avete si associa il proprio ID Apple ad una carta di credito, per effettuare qualsiasi pagamento è sufficiente un semplice click in combinazione con la password. Non è più necessario inserire di nuovo la carta di credito o altre informazioni di pagamento.

Soprattutto nei cosiddetti In-App Purchases, questo sistema ha grandi vantaggi. I pagamenti possono essere effettuati direttamente dall'applicazione, senza dover fare un'ulteriore deviazione nel negozio. Questo sistema è presente anche su Android, ma è molto meno intuitivo e semplice rispetto agli avversari di Cupertino. E' un aspetto importante da sottolineare. Dopo tutto, il 91% dei ricavi del mobile gaming avvienre attraverso l'In-App. In altre parole: è difficile ottenere denaro dalla vendita di giochi - il denaro si guadagna con i beni virtuali e i piccoli accessori per i giochi.

E' tempo che Google cominci a lavorare più aggressivamente ai suoi problemi del Market e a quelli relativi al pagamento, se non vuole perdere la sua fedele comunità di sviluppatori. Come si può facilmente scoprire, anche in Windows Mobile sono le modalità di pagamento molto più semplici ed immediate che su Android. Dovesse Windows 8 avere un grande successo, potrebbe portare con sé un grande esodo di sviluppatori.

 

Fonte: Venture Beat

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più