Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

BMW: il suo futuro contro Tesla, Google e tutti gli altri

BMW: il suo futuro contro Tesla, Google e tutti gli altri

Tesla è una new entry nel mondo dell'automobile, ma la sua influenza è enorme. Oltre ai veicoli elettrici, è soprattutto il suo modo di lavorare e la sua potenza in termini di servizi e software ad aver cambiato il modo di progettare (e utilizzare) un veicolo. Le case automobilistiche tradizionali lo hanno capito e hanno iniziato la loro rivoluzione. In questo piccolo gioco, BMW sembra certamente essere la più attrezzata per il futuro.

Il mondo dell'automobile nel 2019 ha poco in comune con il mondo degli anni '80 ed avrà certamente poco a che fare con il mondo del 2050. Una cosa è certa: l'adattamento è la sopravvivenza. Ma non ha senso negare le proprie radici, altrimenti si rischia di destabilizzare i clienti. BMW lo sta sperimentando da diversi anni. Il produttore bavarese noto per il suo "piacere di guida" ha capito le nuove sfide che l'industria automobilistica deve compiere una transizione di successo o rischia di perdere il suo status.

Un'elettrificazione della sua gamma

Il primo segno è la diversificazione e l'elettrificazione della sua gamma. Spinta dallo scandalo del dieselgate, incoraggiata dalle autorità pubbliche, costretta dalle sfide della mobilità futura e dai cambiamenti climatici, BMW non ha molta scelta.

Pioniere nelle auto elettriche con il lancio della BMW i3 nel 2013, ha completamente perso il suo vantaggio. Peggio ancora, nel segmento premium, dove è stata finora leader, la concorrenza sta diventando sempre più agguerrita, con Tesla in testa. Questa situazione spiega probabilmente la nomina di Oliver Zipse in sostituzione a Harald Krüger, a capo del gruppo.

AndroidPIT BMW MWC 2018 9440
Con la i3, BMW aveva assunto un ruolo guida nel mercato elettrico, ma poi l'ha perso. / AndroidPIT

BMW ha in programma di offrire 25 veicoli elettrici nel suo portafoglio, di cui 12 elettrici e 13 ibridi plug-in. Tuttavia il produttore non pensa che il mercato sia necessariamente pronto. Alla luce dei dati attuali delle vendite di auto elettriche in Europa, non può che avere ragione.

Gradualmente la gamma di BM elettriche è in sviluppo. BMW sta riducendo drasticamente i suoi costi di 12 miliardi di euro entro il 2022, ma sta investendo parecchio nello sviluppo di piattaforme flessibili (elettriche e termiche) per le sue auto, così la nuova Mini elettrica è stata lanciata al Salone dell'auto di Francoforte. La piccola city car ha una batteria agli ioni di litio da 32,6 kWh per un'autonomia di 230 chilometri. L'iX3 seguirà l'anno prossimo e poi sarà il turno di iNext e così via.

BMW ha inoltre confermato la sua volontà di investire nella tecnologia dell'idrogeno, presentando a Francoforte un prototipo basato sulla X5. In totale, il marchio prevede di vendere più di un milione di veicoli elettrici nel 2021.

androidpit bmw i hydrogen
BMW sta lavorando anche su auto ad idrogeno. / AndroidPIT

Continuare la digitalizzazione del marchio

Il secondo segno del cambiamento del marchio si è potuto vedere di persona al Salone dell'auto IAA 2019: nonostante BMW fosse presente, il suo stand si è ristretto rispetto alle precedenti edizioni. L'azienda di Monaco di Baviera sta ora gestendo il proprio budget in modo diverso e investendo di più nella tecnologia digitale. Il marchio si concentra su eventi come il CES di Las Vegas o il MWC di Barcellona. Questa scelta non sorprende dato il cambiamento del comportamento dei consumatori e l'importanza della tecnologia digitale.

Di conseguenza sono disponibili più servizi connessi in auto ma anche all'esterno (applicazioni più complete). Gli assistenti vocali stanno diventando sempre più importanti e l'approccio del team di Monaco di Baviera è sempre più simile a quello dei giganti digitali e di Tesla.

Gli automobilisti sono in evoluzione e si aspettano più tecnologia nei loro veicoli. Indipendentemente da come guidano (condivisione di servizi, noleggio, acquisti, ecc.), si aspettano servizi e facilità d'uso equivalenti a quelli dei loro smartphone. È quindi necessario disporre di un'importante politica di aggiornamento del software e di monitoraggio durante l'intero ciclo di vita dell'auto. Tesla è l'esempio da seguire a questo proposito.

BMW sviluppa internamente tutto ciò che serve a questo scopo e, a differenza di alcuni dei suoi concorrenti, evita di acquistare piccole start-up. La combinazione di due tecnologie può talvolta complicare le cose e richiedere più tempo.

androidpit bmw vision m next
Speriamo che un giorno BMW lanci questo concetto su una vettura di serie! / AndroidPIT

La sfida ai giganti digitali

Ultimo ma non meno importante, il produttore vuole competere con i giganti della tecnologia: Google, Samsung, Intel, Qualcomm (e altri) stanno spendendo soldi per l'auto di domani. L'auto autonoma è al centro della posta in gioco e BMW vuole evitare di diventare in futuro un semplice produttore di attrezzature.

Alejandro Vukotich, Senior Vice President Fully Automated Driving and Driver Assistance di BMW, ne è ben consapevole e promette un'auto autonoma di livello 3 nel 2021. È fiducioso del successo del gruppo e del ruolo del marchio nel cambiare il futuro della mobilità.

Come vedete l'automobile nei prossimi anni?

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica