Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Bosch: le celle a combustibile sono il futuro della mobilità
Hardware Mobility 3 min per leggere 1 Commento

Bosch: le celle a combustibile sono il futuro della mobilità

La maggior parte dei veicoli elettrici di tutte le dimensioni e forme hanno componenti Bosch al proprio interno. Per mantenere questa posizione, il gruppo ha ora annunciato una collaborazione con il produttore svedese di celle a combustibile Powercell. Bosch prevede che entro il 2030 un'auto elettrica su cinque farà il pieno con l'idrogeno.

Le sole batterie agli ioni di litio non sono ovviamente sufficienti per elettrificare il traffico stradale. L'idrogeno può essere reintegrato più rapidamente e, in particolare, può portare in modo più efficiente veicoli di grandi dimensioni come gli autocarri dal punto A al punto B. Per sfruttare anche questo mercato, Bosch ha stipulato una partnership con Powercell.

L'ex controllata Volvo sta sviluppando una batteria basata sulle celle a combustibile elettrolitiche polimeriche (PEM). La startup deve collaborare con Bosch per sviluppare il prodotto in modo da renderlo pronto per la produzione in serie. Allo stesso tempo, Bosch si è assicurata la licenza per la produzione in serie. Il periodo target è quello del "2022 al più tardi". Il comunicato continua come segue:

"Per Bosch, l'attività con la tecnologia delle celle a combustibile mobili ha un potenziale a lungo termine di miliardi. Bosch stima che fino al 20% di tutti i veicoli elettrici nel mondo sarà alimentato da celle a combustibile entro il 2030"

La legislazione accoglie a braccia aperte Bosch. L'Unione europea, ad esempio, prevede obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 del 15 per cento in media entro il 2025 e del 30 per cento entro il 2030. L'idrogeno al posto del diesel e le celle a combustibile al posto delle batterie sono considerate soluzioni promettenti.

Sempre dal comunicato: "Un chilogrammo di idrogeno contiene tanta energia quanto 3,3 litri di gasolio. Per percorrere 100 chilometri, un veicolo di 40 tonnellate ha bisogno di circa nove-dieci chilogrammi di idrogeno", ma purtroppo le pile delle celle a combustibile sono ancora troppo costose. Insieme a Powercell, tuttavia, Bosch intende ridurre significativamente questi costi. Con un costo di circa cinque euro al chilogrammo, il carburante è comunque ancora troppo costoso.

Bosch tiene alte le speranze. Semplicemente "l'industrializzazione e [...] la diffusione della tecnologia sul mercato" aiuteranno a ridurre i costi di produzione o per lo meno così afferma Stefan Hartung, amministratore delegato di Bosch e presidente della divisione Mobility Solutions.

powercell bosch brennstoffzelle057
La batteria con celle a combustibile ha una potenza massima di 150 kW, ma è significativamente più grande di una batteria agli ioni di litio. / © Bosch, Powercell

Lo stesso vale per la disponibilità del carburante. Dopo tutto, il carburante esplosivo rimane nel serbatoio solo pochi minuti. Nel veicolo viene bruciato insieme all'ossigeno in modo controllato attraverso le celle a combustibile suddivise in pile, producendo energia elettrica utile e vapore acqueo come scarto.

Se un veicolo deve avere più cavalli di potenza, vengono semplicemente installate più pile. Le pile attuali di Powercell hanno una potenza massima di 125 kilowatt. I prototipi sono già stati testati su camion e automobili. Bosch, da parte sua, vuole contribuire con un compressore d'aria con elettronica di potenza e un'unità di controllo con vari sensori.

Quando il più grande fornitore automobilistico si unisce, il ritorno delle celle a combustibile può essere ancora possibile dopo tutto...

Fonte: Bosch

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Il petrolio è inquinante ed è in via di esaurimento. Le alternative:
    1) le auto elettriche. No, perché per caricare queste batterie, per quanto efficienti ed innovative, ci vorrà sempre un'energia maggiore di quella immagazzinata. Quindi siamo in presenza di un processo in perdita e, quindi maggiormente inquinante
    2) l'idrogeno? È estremamente raro, pericoloso da trattare
    3) l'energia solare è inesauribile e andrà benissimo quando avremo trovato delle celle in grado di immagazzinarne in quantità sufficiente per muovere l'auto ad una velocità e per una distanza accettabili
    4) l'H2O. L'acqua sarà il combustibile del futuro. I suoi componenti, Idrogeno e Ossigeno, possono facilmente essere ricavati con una semplice idrolisi e l'idrogeno così ottenuto è un combustibile molto potente e, alla fine del processo di combustione dallo scarico uscirebbe ancora l'acqua (che raccoglieremo per ricominciare il ciclo). Quindi inquinamento zero