Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

C'è un urgente bisogno di regolamentare l'AI: è ancora possibile?

C'è un urgente bisogno di regolamentare l'AI: è ancora possibile?

I giornali e le aziende tecnologiche possono ripetere a voce alta e chiara che l'Intelligenza Artificiale rappresenta il futuro ma è importante ricordare che rappresenta anche un pericolo immenso. Questo non è uno scenario alla Terminator in cui la macchina supera l'uomo ma piuttosto il buon vecchio scenario in cui l'uomo potrebbe sfruttare in modo sbagliato la nuova tecnologia. La regolamentazione delle armi sarà una delle questioni più problematiche.

L'AI può teoricamente cambiare il mondo così come lo conosciamo. Una delle conseguenze più positive sarebbe la scoperta di una cura per il cancro, per esempio, ma come sempre bisogna accettare anche un'altra faccia della medaglia: l'intelligenza artificiale cambia il modo in cui facciamo la guerra e il suo utilizzo solleva talvolta questioni sociali, etiche e persino politiche, siccome i suoi benefici possono portare enormi guadagni.

AI robot 02
Intelligenza artificiale per aiutare o salvare l'umanità? / Jirsak/Shutterstock

Se JFK fosse ancora tra di noi potrebbe riassumere la situazione attuale affermando: "non bisogna chiedersi cosa l'AI può fare per voi ma cosa voi potete fare per l'AI". Delle regole devono essere imposte ora, se si vuole che la situazione rimanga sotto controllo. Questa tecnologia "potrebbe essere pericolosa per il capitalismo e per la democrazia stessa", afferma Forbes, e questo è il minimo che si può dire perché l'AI è sostenuta dai maggiori attori economici, fortemente interessati al suo aspetto particolarmente lucrativo.

L'esempio più convincente della necessità di regolamentazione è senza dubbio quello degli armamenti. Un ex Segretario di Stato americano, Henry Kissinger, ha spiegato concretamente che sarà "molto più difficile controllare lo sviluppo di armi dotate di AI rispetto alle armi nucleari". Questa frase dice molto sull'approccio che viene utilizzato con questa tecnologia. Non dobbiamo lasciarci ingannare dalla tecnologia e dai suoi creatori che vogliono farci credere che tutto sia buono e paradisiaco. L'uso dell'AI non è solo pacifista e la necessità di una regolamentazione è urgente.

Forbes afferma anche che "ironicamente, la regolazione dell'IA non sarebbe possibile senza una migliore AI". In altre parole, le macchine dovrebbero controllare gli esseri umani. Una conclusione molto triste (o strana, a seconda del punto di vista).

Cosa ne pensate a riguardo? L'uso militare della AI vi spaventa?

Fonte: Forbes

AI

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica