Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
9 Condivisioni 1 Commento

Chi ha detto che Android sarebbe dovuto essere innovativo?

Android è stato accusato da tanti, compresi alcuni membri di AndroidPIT, di non essere abbastanza innovativo. Apple domina forse Android nel campo dell'innovazione; forse Google dovrebbe fare di più in questo campo. Io però ho una visione diversa della situazione.

L'innovazione è morta, lunga vita all'evoluzione

Credo che il motivo principale per cui si percepisce Android lento e restío di fronte all'innovazione sia per lo più legato al modo in cui Google implementa nuove feature. Lo fa attraverso primordiali versioni beta che strisciano verso un infinito orizzonte in via di completamento. Apple, dall'altro lato, è solito rilasciare nuove feature in modo da renderle più digeribili, quanto meno in un modo che sembra essere più completo.

AndroidPIT android N vs iOS 10
Entrambi i sistemi operativi continuano la loro marcia inarrestabile verso il progresso, ma come? / © AndroidPIT

Tuttavia molte di queste feature, sia da parte di Apple che di Google, consistono in novità che la maggior parte dei consumatori e dei fan degli smartphone sarebbero riluttanti nel definirle innovative. Nulla di ciò che è stato presentato in questi anni potrebbe essere pensato come la Next BigThing (stai zitto 3D Touch)! Non è però colpa di Google o Apple ma piuttosto un processo naturale. Gli smartphone hanno lasciato poco spazio all'innovazione, e se ci sarà qualcosa di grande in arrivo, probabilmente non la vedremo arrivare.

In questo campo sostengo che l'nnovazione strisciante, o evoluzione, dovrebbe essere l'obiettivo primario, ed è ciò in cui Google eccelle.

Innovazione strisciante

Google Now è stato rialsciato quattro anni fa e Popolar Science lo ha nominato l'innovazione dell'anno circa tre anni fa. Ora si sta trasformando in Google Assistant, potenziando le sue capacità.

Mentre Google Now e Google Assistant potrebbero essere considerate feature innovative, sono state in via di sviluppo per molto molto tempo, e non si presentano come un improvviso schiaffo in faccia che la maggior parte della gente associa all'idea di innovazione. Sono un esempio di innovazione strisciante e Google è anni luce avanti rispetto non solo ad Apple ma a qualsiasi azienda che operi in questo campo quando si tratta di algoritmi di apprendimento automatico e applicazioni pratiche.

AndroidPIT google now voice commands 1
Google Now è l'assistente personale leader nel mondo. / © AndroidPIT

Google Wallet ha visto la luce cinque anni fa, ApplePay è stato sfornato due anni dopo. Android Pay nasce nel febbraio 2015 come un diretto rivale del servizio di Apple.

Google Wallet e Google Play rappresentano entrambi una forma di evoluzione, sfruttando un servizio che abbiamo ed utilizziamo da tempo - le carte di credito - e traducendole in qualcosa di meno ingombrante e più pratico. Google sta facendo passi da gigante anche in altri campi, come ad esempio quello della realtà aumentata con Project Tango.

Google è il re raccapricciante

In questo gioco di evoluzioni, Google regna sovrano. Attraverso un gran numero di versioni beta e ottimizzazioni, le strane suddivisioni di Google stanno venendo fuori proponendo lo sviluppo di alcune tra le più interessanti feature per smartphone mai viste prima ed estendendole all'Internet delle cose con Google Home e Android Auto.

Google i o Home 00
Google Home da un lato spaventa ma in futuro probabilmente tutti ne avremo uno in casa! / © Google

Non fraintendente un passo lento con la totale assenza di ambizione. Amiamo tutti le storie in cui si narrano di geni che cambiano il mondo, ma si tratta di situazioni disperatamente rare. Se accadono realmente non vale la pena rimanere in attesa e continuare a lamentarsi per la loro inesistenza. Sono situazioni che non si aspettano, ma che accadono improvvisamente. Ciò su cui possiamo contare, e ciò per cui Google merita il nostro riconoscimento, è la perseveranza nella ricerca di progetti capaci di insinuarsi nella nostra vita lentamente.

Anche il supporto per la realtà virtuale integrato da Android Nougat attraverso la piattaforma chiamata Daydream, è il risultato di anni di sviluppo e la naturale evoluzione della tecnologia. Realtà virtuale e realtà aumentata, potrebbero essere la prossima Next Big Thing di cui pensiamo di aver bisogno. Ma non arriverà all'improvviso: arriverà perché Google ha lavorato a lungo per renderlo possibile.

Siete d'accordo con me nel dire che Google spinge verso l'evoluzione degli smartphone più di quanto altre aziende stiano facendo?

1 Commento

Commenta la notizia:
  • Devo dire che non sono assolutamente convinto che nella fattispecie l'innovazione e l'evoluzione non coincidano

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK