Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Cina: gravi conseguenze ad USA e Canada per l'arresto del CFO di Huawei

Cina: gravi conseguenze ad USA e Canada per l'arresto del CFO di Huawei

Il CFO di Huawei, Meng Wanzhou, si trova ancora in Canada in stato di fermo dopo essere stata arrestata una settimana. Meng sarebbe coinvolta in alcuni affari con l'Iran, una pratica illegale negli Stati Uniti, mandanti dell'arresto in territorio canadese. La risposta cinese non è si è fatta aspettare e non è sicuramente delle migliori.

Secondo NBC News, la Cina avrebbe convocato l'ambasciatore degli Stati Uniti Terry Branstad, il quale ha incontrato il Vice Ministro degli Esteri cinese Le Yucheng. Durante l'incontro, quest'ultimo avrebbe fortemente protestato contro l'arresto del CFO di Huawei, aggiungendo che gli Stati Uniti dovrebbero rinunciare al mandato di arresto nei confronti di Meng.

meng wanzhou 1280
Meng Wanzhou, il CFO di Huawei arrestata settimana scorsa in Canada. / © Huawei

In seguito, il Vice Ministro degli Esteri ha anche incontrato l'ambasciatore canadese, John McCallum. Secondo alcune fonti, l'agenzia governativa cinese ha riferito alle autorità canadesi che se il paese non rilascerà immediatamente Meng dovrà affrontare "gravi conseguenze", definendo l'arresto "irragionevole e di natura vile". Gli Stati Uniti si stanno già "riparando" avvisando i propri alleati di non utilizzare le apparecchiature Huawei per costruire le loro infrastrutture 5G, un duro colpo per il più grande fornitore globale di apparecchiature di rete.

Pensate che questo sia solo l'inizio?

Fonte: Phone Arena

Articoli consigliati

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica