Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
4 min per leggere 64 Condivisioni 11 Commenti

Ecco come avere il lettore d'impronte digitali su qualsiasi Android

Ma dove vai se il lettore d'impronte digitali non ce l'hai? Usando un refrain che fa molto anni 80, si potrebbe sintetizzare cosi l'ultima tendenza dei maggiori brand che negli ultimi mesi stanno dotando i loro smartphone di uno scanner biometrico, meglio conosciuto come lettore d'impronte digitali.

In principio fu l'iPhone a proporre un lettore biometrico incorporato e la risposta di Android non si fece attendere tanto con Samsung che lo installò nel Galaxy S5 (con risultati non proprio ottimali). Il secondo tentativo della casa coreana fu decisamente migliore con il Galaxy Note 4. In seguito praticamente tutti i top di gamma sono stati equipaggiati con uno scanner biometrico. Sfruttabile principalmente come strumento di sicurezza, il lettore d'impronte digitali non è però disponibile su tutti i dispositivi in circolazione: per chi non può fare a meno di questo gadget, abbiamo testato delle app che vengono in nostro soccorso.

androidpit samsung galaxy s5 review 15
Il pioniere degli scanner biometri su Android: il Samsung Galaxy S5! / © ANDROIDPIT

Pro e contro

Nel Play Store abbiamo trovato due app che fanno al caso nostro ed entrambe sfruttano la fotocamera dello smartphone per il riconoscimento delle impronte. Se il bisogno di privacy è una vostra priorità e un PIN o una password non sono per voi sufficienti, non potete fare altro che scaricare Fingerprint Applock o ICE Unlock Fingerprint.

Innanzitutto, cominciamo con i problemi che accomunano entrambe le app: essendo fondamentalmente versioni beta, queste applicazioni hanno bisogno di ulteriore tempo di sviluppo. Rispetto ad un lettore biometrico reale, il riconoscimento delle impronte è davvero molto lento. Inoltre ci sono vari problemi di compatibilità ed i dispositivi che supportano una o l'altra app sono ancora pochi.

Samsung Galaxy S6 home button
Il Galaxy S6 incorpora il lettore d'impronte digitali frontalmente, nel tasto home! / © ANDROIDPIT

Ma andiamo dritti al sodo e scopriamo subito cosa offrono e come si utilizzano le due app che abbiamo deciso di chiamare in causa.

1. Fingerprint applock

Fingerprint applock è stata la prima app ad essere stata lanciata e sicuramente fa e farà da apripista a molte altre applicazioni simili. La strada per migliorare è ancora lunga, e si vede, ma applock si presenta con un'interfaccia gradevole e la sua frubilità è molto intuitiva.

Dopo aver installato l'app, bisognerà prima abilitarla accendendo nelle impostazioni al menu Accesibilità. Fatto ciò, dall'app è possibile registrare il proprio dito: inizia quindi la serie di foto che saranno necessarie all'app, tramite la fotocamera, per riconoscere le impronte digitali.

Fingerprint applock
Ora potrete avere anche voi un lettore d'impronte digitali sul vostro Android! / © ANDROIDPIT

Le foto necessarie sono almeno sette e la procedura non è molto diversa da quella che si deve seguire con un lettore integrato, la sola differenza è la lentezza del processo. I pregi di Fingerprint Applock però ci sono tutti, il riconoscimento funziona senza alcun intoppo e tramite il lettore è possibile bloccare le app, accedere alle impostazioni ed installare nuove app. Purtroppo non è possibile sbloccare il display (per ora).

2. ICE unlock fingerprint scanner

Ice Unlock è molto simile alla prima app, ma con una sostanziale differenza: lo si può utilizzare per sbloccare il display. Sembra poco, ma in questo modo l'app si avvicina molto di più ad uno scanner biometrico vero e proprio in quanto a vicinanza di utilizzo. 

Potrebbero addirittura esserci dei vantaggi rispetto al lettore di impronte digitali normale: stando a Diamond Fortress, la società che ha sviluppato quest'app, sfruttando la fotocamera non ci si deve preoccupare che il dito sia sporco e non occorre esercitare una pressione precisa affinchè la lettura avvenga regolarmente.

Alla Diamond Fortress potrebbero anche avere ragione, ma aspettare una decina di secondi per sbloccare il display è qualcosa che alla lunga diventa certamente snervante. Si può apprezzare questa peculiarità nel video di presentazione dell'app. Provate a immaginarvi tutta la trafila di sblocco nell'uso quotidiano.

ICE Unlock Fingerprint Scanner Install on Google Play

E voi come proteggete la vostra privacy su Android? Credete sia utile lo scanner biometrico?

11 Commenti

Commenta la notizia:
  • Ciao,come si imposta la seconda app come sblocco schermo?

  • Dunque su quale delle due app mi conviene buttarmi? ;)

    • Io direi la seconda, l'altra non ti permette di sbloccare il display che dovrebbe essere la funzione principale dello scanner! (Ma ripeto: sono entrambe applicazioni molto giovani!)

  • il primo fù motorola atrix,che si confrontava con l'iphone 4 che non lo aveva (2011)
    nello stesso anno in cui debuttò sull'iphone 5s (2013),ben due anni dopo quindi,ricordo che anche htc one max montava il lettore di impronte digitali,quindi anche prima di samsung che lo propose successivamente con S5 (2014)
    il fatto che l'iphone lo abbia portato alla produzione di massa è un altro discorso.
    scusa per la puntualizzazione,ciao

  • Enzo 23-set-2015 Link al commento

    Scanner biometrico utile per operazioni bancarie e simili. Per proteggere i dati sul proprio telefono decisamente no. Ma in che mondo viviamo? Che c'hai le spie in casa o al lavoro che stanno lì pronte appena ti distrai a tuffarsi nei fatti tuoi nel tuo telefono? 😧 Allora cambia casa o cambia lavoro. Se non ti fidi di chi hai intorno cambia aria, o se invece hai così tante cose da nascondere cambia vita.😉 Si, biometrico utile ma non indispensabile.

    • Ciao Enzo,
      Io credo che "utile ma non indispensabile" valga per qualsiasi hardware installato su uno smartphone, certo che si potrebbe farne a meno, ma è un mezzo in più per gestire il dispositivo, una forma avanzata di un codice PIN se vogliamo metterla sulla questione privacy. Ci sono persone che per principio o per dati sensibili presenti nella memoria, stanno molto attente a questo aspetto. Senza contare, come tu hai ben scritto, le applicazioni a livello bancario e istituzionale.

  • siamo sicuri che in principio fu l'iphone?

    • Direi proprio di si! Poi non è da escludere che qualche altro brand abbia fatto degli esperimenti ma l'iPhone è sicuramente quello che l'ha portato alla produzione di massa.

64 Condivisioni

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK