Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Opinion 3 min per leggere 1 Commento

Così immagino la linea A di Samsung per il 2018

Mentre alcuni produttori lavorano su una sola serie di prodotti (per esempio Apple con la gamma top), Samsung dispone di una vasta scelta di smartphone che va dalla fascia bassa ai veri flagship. La sua serie A, e in particolare l’A5, potrebbe attirare gli sguardi su di sé nel corso del prossimo anno.

Samsung dovrebbe optare per uno schermo borderless

La serie S, pioniera della gamma top di Samsung, crea la tendenza che influenza la serie A. Quest’ultima, simbolo della fascia media del produttore coreano, fa il possibile per assomigliare alla serie S ma deve subire qualche restrizione tecnica ed estetica. Quindi l’A5 (2017) si ispira nel design al dispositivo della serie S di quell’anno: l’S7. La logica potrebbe sembrare confusa dato che le cifre dietro la S cambiano tutti gli anni mentre i numeri di A no ma la cosa da sottolineare è l’influenza che esercita il flagship sulla fascia media.

Il Galaxy S8 è noto per il suo schermo Infinity, ovvero un display che occupa gran parte della superficie del dispositivo. Se Samsung seguisse la logica seguita finora, è possibile che anche i dispositivi della serie A (2018) monteranno uno schermo Infinity. Possibile o probabile?

I flagship di Samsung (S8, S8+ e, più tardi, il Note 8) sono arrivati nell’anno dello schermo borderless, come anche l'iPhone X, il Google Pixel 2 XL, l’LG V30 e G6...Era quindi opportuno cavalcare l’onda di questa nuova tecnologia ma oramai anche altri ne hanno approfittato, specialmente Wiko con i suoi Wiko View. In altre parole, lo schermo borderless non è più la feature (quasi) unica della gamma top di Samsung, si diffonde a macchia d’olio e potrebbe arrivare sulla serie A.

AndroidPIT Samsung Galaxy S8 2032
A caratterizzare lo schermo Infinity sono i bordi sottili. / © AndroidPIT

Non tecnologie rivoluzionarie ma le migliori prestazioni

La questione delle prestazioni deve essere trattata con le pinze poiché il confine tra voglia e necessità è sempre più labile. Chi tra noi ha bisogno del miglior smartphone sul mercato? Alcuni avranno bisogno di maggiore potenza, per esempio per alcuni giochi che richiedono molte risorse, perciò una scheda grafica potente potrebbe evitare i lag. Ma gli altri? Ascoltano la musica, guardano video, navigano su Internet, comunicano tramite messaggi o telefonate, e utilizzano i social network.

Ciò è in gran parte possibile con un Galaxy A5 del 2017, anche se non del tutto. È vero che non è veloce quanto l’S7 ma ciò che conta per me (e sono certo anche per tutti i clienti di questa gamma) è poter godere di un utilizzo fluido. Non è necessario tentare di concorrere con i flagship assicurando massime prestazioni che, alla fine, non fanno grande differenza nell’utilizzo “semplice” del dispositivo.

Cosa s’intende per flagship oggi? Qualità ottimale della fotografia, presenza di tecnologie specifiche (compatibilità con la realtà virtuale e realtà aumentata, ecc.). Ecco cos’è la serie S. La serie A non avrà probabilmente tali pretese ma le sue prestazioni dovrebbero aumentare per garantire maggiore fluidità, soprattutto durante i giochi. La serie S per le tecnologie di punta, la serie A per un utilizzo “normale”.

In breve, il design della serie Galaxy A (2018) dovrebbe evolversi nella direzione dell’S8 ed i suoi dispositivi dovrebbero rispondere alle necessità della maggior parte delle persone senza entrare in competizione con la gamma top che ha altre ambizioni. Certo possiamo aspettarci qualche variazione di prezzo ma questo è scontato…

Cosa vi aspettate dalla serie A del 2018?

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati