Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

5 min per leggere Nessun commento

Conrad Connect collega i dispositivi Smart Home nel cloud

Nell'ancora aspro paesaggio della domotica smart, è difficile far comunicare i dispositivi disponibili. Nel nostro articolo dedicato al collegamento in rete dei dispositivi IoT di diversi produttori, diamo uno sguardo a Conrad Connect. La compagnia tedesca sta sviluppando un servizio web che unirà tramite il cloud i servizi web dei vostri dispositivi e permetterà di controllarli e farli comunicare in maniera complessa.

Dopo che abbiamo recentemente parlato di Athom Homey e vi abbiamo raccontato come i dispositivi smart home di diversi produttori utilizzano hardware speciale per parlare tra loro con un solo bridge e completamente offline, è il momento di avventurarci tra le nuvole. Conrad Connect è una soluzione cloud dedicata allo stesso problema. Questa offre alcuni svantaggi rispetto alle alternative offline, ma anche vantaggi tangibili.

Bridge. Bridge ovunque...

La maggior parte dei produttori di apparecchiature smart home utilizzano uno standard radio per i loro dispositivi IoT (Internet of Things) che i router non supportano ancora. Per questo motivo è necessario collegare un modulo radio, il cosiddetto bridge, tra il router e il vostro dispositivo smart home. Questo è l'unico modo per inviare i comandi dallo smartphone attraverso la WLAN al router, da lì al bridge e dal bridge ai singoli dispositivi smart compatibili.

AndroidPIT philips hue 9105
Senza i bridge solitamente i dispositivi smart home non comunicano ne tra di loro, tanto meno con gli smartphone. / © AndroidPIT

Gli appassionati del settore e alcuni ingegneri hanno rapidamente riconosciuto i problemi che ciò comporta:

  • I clienti avranno presto molti bridge collegati ai loro router
  • I dispositivi di marche diverse non saranno in grado di comunicare tra loro

L'alternativa: bridge di terze parti compatibili con più marchi

Anche se i dispositivi di due produttori si affidano entrambi a Zigbee, ciò non significa che il bridge di un produttore controlli anche i dispositivi dell'altro. Tali mal di testa possono essere risolti da bridge di terze parti, come Amazon Echo PlusQIVICON Home Base, WibutlerAthom Homey o altri.

Tuttavia, in alcuni casi questo approccio presenta delle insidie. In primo luogo, molti di questi bridge di terze parti sono compatibili solo con una frazione dell'hardware dell'internet degli oggetti sul mercato, per cui potrebbe essere necessario utilizzare più bridge in parallelo. D'altra parte, i dispositivi IoT potrebbero non ricevere più aggiornamenti software e diventare così un potenziale rischio per la sicurezza della vostra casa connessa.

AndroidPIT athom homey 0907
I rilevatori di movimento Devolo attivano le lampade Philips. / © AndroidPIT di Irina Efremova

Conrad Connect accoglie a braccia aperte la diversità

Se non avete paura di collegare più bridge, probabilmente vi conviene utilizzare un servizio come Conrad Connect. Conrad Connect si basa su un concetto di smart home che si controlla completamente online. Molti produttori di dispositivi IoT, oltre ai loro ponti, offrono anche servizi web. Questi servizi web offrono spesso un'interfaccia per le proprie applicazioni, interfacce web o anche per applicazioni di terze parti. Ed è qui che entra in gioco Conrad Connect.

"Conrad Connect è teoricamente compatibile con tutti i servizi cloud accessibili tramite un'interfaccia REST", spiega Giorgi Jashiashvili, responsabile marketing della sede centrale di Conrad Connect a Potsdamer Platz, Berlino. I partner devono solo registrarsi tramite la piattaforma. Già molte aziende sono diventate partner, tra cui:

Amazon Echo, Ccontrol, Devolo, Dio, Easysmarthome, Egardia, Fitbit, Fitbit, Foobot, Fresh-Energy, Garmin, Google Home, GreenIQ, Home Connect, Honeywell, Innogy, Jawbone, lametrico, LIFX, linemetrica, Logitech, Mediola, Mediola, Mobile Alerts, myStrom, Nest, Netatmo, Nokia, Osram, Philips Hue, Polar, Raspberry Pi, Relayr, Smappee, Somfy, Spotcam, Sygonix, Tado, Tapkey, Telldus, Tukuoro, WiZ, Zipato.

I vantaggi sono ovvi: Conrad Connect visualizza i prodotti sulla piattaforma e li linka al negozio della casa madre Conrad Elektronik. Naturalmente, gli utenti di Conrad Connect preferiscono acquistare dispositivi che possono essere Conrad-connessi.

Progetti, ricette e una comunità esperta

Sia la registrazione che l'utilizzo di Conrad Connect sono completamente gratuiti. Un piano freemium sarebbe concepibile a lungo termine, ma per il momento non è previsto, spiega Jashiashvili. Diversi utenti si sono già iscritti e hanno creato progetti avanzati da condividere.

conrad connect osram demo project
L'editor grafico dei progetti ricorda da vicino i diagrammi di flusso di Athom. / © AndroidPIT

I progetti sono concatenazioni logiche di diversi eventi nella vostra smart home. Gli elementi possono essere di diversa natura:

  • Sensori compatibili, come ad esempio il sensore di CO2 Netatmo
  • Servizi online come Weather Underground
  • Timer
  • I passi dei vostri fitness tracker Garmin
  • L'invio di un SMS
  • Un comando vocale di Alexa o di Google Assistant
  • Una porta NAND o un altro operatore logico
  • Una ricetta IFTTT
  • Una luce o un dimmer
  • Un lucchetto smart
  • E molti altri ancora...

Interessante la possibilità di integrare ricette IFTTT e di inviare SMS. L'intero sistema è sorprendentemente simile ai diagrammi di flusso di Athom Homey. La differenza sta nel modo in cui i singoli dispositivi sono collegati in rete. Conrad Connect si trova completamente nel cloud, su server online invece di una scatola fisica nella vostra casa.

conrad connect devices services
Conrad collega il vostro hardware con il software. / © AndroidPIT

Conrad Connect costruisce un rapporto di fiducia

Durante la configurazione iniziale, Conrad Connect consente di accedere gradualmente a tutte le apparecchiature smart home. Questo può essere fatto in modo sicuro tramite OAuth, cioè senza che Conrad Connect veda le password dei rispettivi produttori IoT. L'unica note preoccupanti nell'informativa sulla privacy sono infatti causa di terze parti come Google, Facebook o AddThis. Conrad Connect stessa difficilmente raccoglie dati su di voi e presumibilmente non li condivide con nessuno.

Conrad Connect: il club dei visionari

Nel lungo periodo Conrad Connect potrebbe aver scommesso sul cavallo giusto. Nonostante i produttori di router installino sempre più spesso antenne per gli standard radio utilizzati nell'area IoT, le lampadine Zigbee e i rilevatori di movimento Z-Wave possono essere gestiti anche senza bridge grazie ad una migliore standardizzazione. Gli approcci hardware di cui vi ho parlato sopra saranno presto obsoleti.

Conrad Connect, ha già creato una piattaforma che sarà ancora rilevante nell'era successiva ai bridge. Resta da vedere se sarà poi offerto gratuitamente o se diventerà a pagamento.

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati