Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
Scritto da:

Smartphone rubato o smarrito? Ecco cosa fare!

Scritto da: Jessica Murgia — 5 giorni fa

Non riuscite a trovare lo smartphone in tasca, né in borsa, ma siete certi di averlo portato con voi? Le opzioni sono tre: avete una pessima memoria, lo avete appena smarrito o vi è stato rubato. Cercate di fare mente locale su ciò che vi è successo nelle ultime ore e passate subito all'azione per evitare di compromettere i dati personali salvati sul vostro telefono e per cercare di recuperare il vostro smartphone Android.

AndroidPIT smartphone jessica
Attenti allo smartphone! / © ANDROIDPIT

Dopo aver speso tutti i vostri risparmi su un nuovo Samsung Galaxy S7 o un Huawei Mate 8, qualsiasi reazione è lecita ma l'aspetto che più dovrebbe preoccuparvi non è il valore dell'hardware quanto, piuttosto, i dati in esso contenuti. Email, contatti, foto, documenti di lavoro, credenziali del conto in banca: è importante mettere subito in salvo i dati sensibili salvati sul vostro dispositivo. Ecco cosa dovete assolutamente fare quando non trovate più il vostro smartphone Android

1. Bloccate o resettate il vostro smartphone a distanza

Prima di rivolgervi alle autorità competenti, nel caso in cui siate stati previdenti ed abbiate attivato la funzione dedicata, dovrete bloccare il vostro smartphone da remoto in modo da renderlo inutilizzabile. Vi basterà utilizzare il pc o un altro dispositivo per riuscire a mettere in salvo i vostri dati con un semplice click o cancellarli una volta per tutte, il tutto accedendo alla Google Device Manager.

Generalmente attivo di default sullo smartphone, Google Device manager può essere attivato manualmente accedendo alle impostazioni di Sicurezza e successivamente alla sezione Amministratore dispositivo. Attivando la voce Consenti blocco da remoto e resetta potrete, in un secondo momento, bloccare il telefono o effettuare un wipe a distanza per renderlo inutilizzabile. Tutta la vostra musica, le vostro foto e le vostre app, ad eccezione dei contenuti della vostra SD card, verranno magicamente cancellati e nessuno potrà accedervi. 

gestione dispositivi
Scoprite dove si trova il vostro Android e gestitelo a distanza! / © ANDROIDPIT

2. Localizzate il vostro smartphone 

Grazie a Device Manager di Google potrete inoltre localizzare il vostro Android perduto, sempre a patto che il malintenzionato non l'abbia spento. Ma sul Play Store esistono diverse altre applicazioni che permettono di rintracciare il dispositivo perso o rubato tramite computer, nel caso il servizio di Google non dovesse sembrarvi completo.

Tra le migliori app di questo genere troviamo Anti Theft, è facile da utilizzare e permette di rintracciare un dispositivo grazie alla funzione di tracking basata sul web (Anti Thief utilizza la localizzazione GPS ed altri metodi di triangolazione). Utilizzando il sito di Avast potrete verificare dove si trova il vostro telefono in qualsiasi momento. Le funzioni gratuite, come l'attivazione di una sirena personalizzabile e la cancellazione della memoria per mantenere i vostri dati privati al sicuro, possono essere attivate dal telefono di un amico attraverso un comodo SMS o direttamente accedendo al sito sopra menzionato.

androidpit google maps gps 1
Localizzate il vostro smartphone! / © ANDROIDPIT
Anti-Theft - Find my Phone Install on Google Play

3. Recuperate il codice IMEI

Per chi di voi non ne avesse mai sentito parlare, il codice IMEI (International Mobile Equipment Identity) è il DNA di un dispositivo, quel codice numerico di 15 cifre che permette di identificarlo in modo univoco. Recuperarlo è molto semplice ed è uno step essenziale per potersi poi rivolgere al proprio operatore telefonico o alla polizia per bloccare il telefono nel caso in cui non siate riusciti a farlo con il metodo indicato sopra.

Per risalire al vostro codice IMEI potete:

  1. Digitare sulla tastiera del vostro dispositivo *#06#: aspettate qualche secondo ed il codice IMEI verrà magicamente visualizzato sul display
  2. Accedere alle Impostazioni del vostro dispositivo, cliccate poi su Altro>Info sul dispositivo ed infine su Stato: qui troverete la voce IMEI
  3. Il codice IMEI potrebbe anche essere sotto la batteria del vostro dispositivo: estraete la scocca posteriore e la batteria e verificate voi stessi (se avete un Galaxy S6 o un altro dispositivo dal design unibody con batteria non estraibile potete provare a cercarlo all'interno della confezione)
  4. Aprite questo link, inserite le credenziali del vostro account Google, aprite la sezione Android: accanto al nome del vostro dispositivo troverete specificato anche il corrispettivo codice IMEI
AndroidPIT IMEI code
Avete controllato sotto la batteria del vostro dispositivo? / © ANDROIDPIT

4. Denunciate il furto alle autorità competenti e al vostro operatore

Ora che avete recuperato il codice IMEI del vostro smartphone e lo avete localizzato, non vi resta che denunciare il furto alle autorità competenti e contattare il vostro operatore. Esporre denuncia ai carabinieri o a chi di competenza potrebbe non aiutarvi a recuperare il cellulare (sappiamo tutti che queste denunce vanno solitamente a finire nel dimenticatoio), ma vi permetterà di bloccare il terminale per impedire al ladruncolo di utilizzarlo, rivenderlo o curiosare tra i vostri dati personali.

Con la denuncia in mano, ed un valido documento d'identità, potrete contattare telefonicamente, via fax o di persona, il vosto operatore telefonico che bloccherà subito il vostro dispositivo. Successivamente avrete la possibilità di richiedere una nuova SIM associata al vostro vecchio numero di telefono. 

huawei p8 dual sim
Denunciate il furto e chiamate l'operatore per bloccare il numero ed ottenere una nuova SIM! / © ANDROIDPIT

5. Prevenire è meglio che curare

Come potete vedere bloccare e localizzare il telefono rubato può trasformarsi in una procedura semplice e veloce se prima si seguono alcuni accorgimenti, scaricando delle app dedicate, annotando il codice IMEI e proteggendo i propri dati con una password complicata. Tra gli altri consigli che in caso di furto potrebbero rivelarsi utili, vi ricordiamo inoltre il backup dei dati: salvateli sempre in cloud e su pc.

Per il resto ricordatevi di fare maggiore attenzione quando vi trovate in luoghi affollati, sui mezzi pubblici, chiudete bene borse e zaini ed evitate di tenere lo smartphone nella tasca posteriore dei pantaloni.

Con questi cinque consigli, nel malaugurato caso in cui il vostro telefono venisse rubato, saprete come agire prontamente per limitare i danni. Avete qualche altro utile consiglio da proporre? 

Editor e fan di Android: con lei tutti i più intimi segreti di Android vi verranno presto rivelati! Viaggiatrice incallita, amante del buon vino e del buon cibo, pazza per lo shopping e appassionata di tecnologia! Cosa non manca mai nella sua borsa? Un libro, un lettore mp3, il suo smartphone Android e una batteria esterna!

23 Commenti

Commenta la notizia:
  • Io ho installato Cerberus da tempo.. è decisamente la migliore oltre ad avere n-mila funzioni utili, se avete rootato il telefono la si puo spostare direttamente nella rom in modo da far sopravvivere l'app ad un eventuale factory reset.

  • Se capisco bene, solo sapendo l'IMEI (letto sulla confezione o sotto la batteria) si può rintracciare/bloccare lo smartphone? Mi hanno raccontato di una persona, che presa dall'euforia di vedere il nuovo giocattolo, ha aperto la scatola, lo ha tirato fuori, messo sopra il tavolino al bar, e dopo aver guardato il resto del contenuto, il manuale, etc., si è alzato con la scatola in mano e lasciato il telefono sopra il tavolino; quando si è reso conto della cosa ed è tornato indietro: telefono sparito... c'è soluzione? Come il genio abbia risolto (se ha risolto) non mi è dato sapere (il racconto verteva sulla "distrazione")...

    • Con un'opportuna e motivata iniziativa giudiziaria, partendo da un esposto o da una querela nella quale si chiede l'identificazione dell'IMEI, è tecnicamente possibile identificare la posizione del telefono a patto che sia alimentato, anche a bassa intensità di corrente. Il problema è che non sempre la Procura competete autorizza la tracciatura di un telefono tramite IMEI, si tratta di procedimenti costosi che devono essere motivati quindi spesso si cerca un telefono tramite IMEI solo se chi lo possiede è una persona socialmente pericolosa. Questo però non significa che le Procure non autorizzino questo tipo di tracciatura, essendo nella discrezionalità del PM dare questa autorizzazione, anche in base alle argomentazioni esposte nell'atto, non è difficile trovare situazioni diverse in procure diverse

      • Ok, ma nello specifico, come nel caso che ho riportato, in cui non si abbia avuto tempo di leggere e segnare l'IMEI, e non si ha quindi modo di comunicarlo a chi di dovere?

      • Io avevo capito che si fosse allontanato con la scatola lasciando li il telefono. Ad ogni modo se avesse perso anche la scatola sulla quale c'era scritto l'IMEI e non avendo avuto il tempo di trascriverlo potrebbe provare a tornare dal venditore. Alcuni venditori, ma non tutti, trascrivono l'IMEI dei telefoni per poterli identificare più velocemente in caso di richieste di assistenza in garanzia. Se poi il venditore non l'ha trascritto, il proprietario non l'ha trascritto e non ha più la scatola su cui poterlo leggere, allora ci sarebbe un'altra opzione ma è ai limiti della cinematografia. Se c'era una Sim dentro al telefono e si trova un comando delle forze dell'ordine nelle immediate vicinanze si può fare subito la denuncia esplicitando la presenza della sim nel telefono. In questo modo, dal momento che all'atto dell'inserimento della Sim, IMEI ed ICCID della Sim si associano, se il ladro non ha tolto la Sim, è possibile trovare la Sim e quindi lo smartphone. Ma si deve avere l'immediata disponibilità della polizia postale o comunque la collaborazione senza indugi delle forze dell'ordine e poi bisogna essere rapidi, cioè se chi lo ha preso ha il tempo di togliere la Sim, non si risale più al telefono. Allo stesso modo se chi lo ha preso toglie la Sim e la mette in un altro telefono, pur facendo la ricerca si troverà questo dispositivo e non quello rubato

      • Avevi capito bene, ma date le poche informazioni, mi sono basato sul fatto che ne sulla scatola del mio cinesino, ne dentro, c'è scritto nulla e se anche su quella della storia in questione fosse stato così: telefono sparito (appena preso, quindi senza sim all'interno), scatola senza informazioni (ne dentro ne fuori), di conseguenza impossibile sapere l'IMEI, salvo far fare, per esclusione, una ricerca al venditore, che avrebbe dovuto registrare a suo tempo (se possibile) tutti gli IMEI in arrivo e avere in mano la lista da cui spuntare i venduti, tra cui quello in esame... insomma mi pare davvero improbabile senza che il compratore sappia l'IMEI poter rintracciare uno smartphone sparito...

      • Esatto, mi pare improbabile perché sarebbe come cercare una persona senza sapere chi si sta cercando

  • Leggo questo articolo aggiornato, ad ogni modo ci sono delle cose che mi sentirei di suggerire a chi perde o subisce il furto dello smartphone. Come prima cosa anche se lo si riesce a rintracciare non bisogna recuperarlo da soli, meglio chiedere aiuto alle forze dell'ordine che sono tenute per dovere civico e contratto ad andare in soccorso al cittadino. Poi c'è una lamentela verso il servizio find my mobile di Samsung che localizza i dispositivi un po' come fa Google solo che sul display esce scritto che sei stato localizzato. Insomma se il ladro si accorge che lo stiamo cercando che senso ha ?
    In ultimo per fare la denuncia di smarrimento, consiglio di recarsi preferibilmente presso le stazioni o i comandi di compagnia dell'arma dei carabinieri. Spesso, nella maggior parte dei commissariati di polizia gli uffici denunce chiudono e resta attivo solo il pronto intervento, quindi occorrerebbe andare in questura che spesso è l'unico ufficio della polizia ad avere l'ufficio denunce aperto 24 ore. Anche alcune stazioni piccole dei carabinieri non possono vidimare la denuncia quindi la cosa migliore è chiedere al 112 quale è la caserma h24 più vicina oppure recarsi al comando di compagnia. Chiaramente se anche così si viene invitati a tornare dopo numerose ore avendo come unica garanzia il fatto di aver parlato a voce con il piantone, conviene esigere qualche informazione in più perché se nel lasso di tempo che la denuncia ancora non è stata scritta qualcuno usa il nostro telefono per un procurato allarme ed il piantone ha memoria corta, l'intestatario della sim sarà chiamato a rispondere dei reati commessi. Infine un suggerimento. Telefonando al numero di assistenza della compagnia è possibile dare gli estremi della propria sim e del proprio documento d'identità e bloccare la sim, successivamente poi si potrà fare con calma la denuncia per lo smartphone, chiaramente al solo scopo di segnalare che non siamo più responsabili del traffico su quello smartphone, non conviene sperare che le forze dell'ordine si mettano a cercarlo. Un po' è inusuale, un altro po' si fanno tagli al personale sempre più consistenti e poi diciamoci la verità, non c'è la volontà ne politica ne civica per fare queste cose, se lo stato volesse, si potrebbe fare ma è pur vero che vengono trascurati fatti ben più gravi che non dovrebbero essere permessi in una società civile

  • è possibile ritrovare il cellulare rubato ed identificare i ladri con una ragionevole probabilità di certezza leggendo questo articolo

    androidiani.com/forum/android-tips-tricks/503230-importante-ritrovare-i-dispositivi-android-rubati-ed-identificare-i-ladri.html#post7413131"

  • Salve io volevo chiedere nel caso dovessi perderlo, se sarebbe possibile rintracciare una volta scaricata l'app giusta un tablet Android che però non ha Sim (visto che lo uso solo x internet col WiFi di casa) attraverso il mio smartphone android e se si quale appartiene dovrei scaricare? Grazie

  • Come mai non avete inserito nella lista Cerberus? Dicono che sia la più completa in assoluto.....

  • perfavore chi può aiutarmi

    • Ciao Nicola, ho letto i tuoi commenti grazie alla notifica sulla mia email. Ad ogni modo purtroppo se non hai applicazioni già installate non puoi farlo a distanza. Se era un Samsung ed hai i controlli remoti attivati ed hai un account Samsung registrato ed abbinato al telefono puoi andare su findmymobile.samsung.com/login.do, qui metti le credenziali login e password che hai messo quando ti sei registrato e poi puoi cliccare tu trova il mio dispositivo.
      Se poi non hai un Samsung o non hai registrato ed abbinato l'account Samsung, allora prendi il pacco del telefono e vedi se hai l'IMEI. Portalo alla più vicina stazione dei Carabinieri o ad un commissariato della Polizia di Stato, fai la denuncia ed indica l'IMEI. In teoria dovrebbe essere possibile rintracciarlo anche se di sicuro lo potranno bloccare. Solo due consigli. Il primo, se devi fare denuncia oggi che è domenica vai in un comando di compagnia dei carabinieri o in questura per la polizia. Sai nei festivi, nelle piccole stazioni non ci sono sottufficiali per vidimare le denunce. Secondo ed importante. Se localizzi il telefono, NON ANDARE A RECUPERARLO DA SOLO, chiama la Polizia o i Carabinieri e chiedi il loro intervento, anche se ti accompagna un solo operatore di Polizia o un solo Carabiniere è sempre meglio. Spero che tu riesca a recuperarlo. Ciao

      • Un'app poco conosciuta ma molto utile è iKey Monitor: funziona sia su iPhone che Android e controlla i dispositivi su cui è installata, inviando le registrazioni via mail.

  • ciao Luca puoi aiutarmi perfavore io non capisco Niente posso istallare l'ostacolo Android anche dopo che mi è stato rubato dammi una risposta grazie

  • La cosa migliore da fare è prendere l'IMEI e portarlo al momento della denuncia. Almeno così lo bloccano ma a trovare il telefono è meglio che non ci pensiate proprio

  • Mi fa piacere perché l'argomento è rimasto sullo smarrimento degli smartphone in generale anche se va detto che chi ha uno smartphone Samsung può usare anche il servizio findmymobile per ritrovare il proprio smartphone ma così facendo il ladro, o comunque chi dovesse aver trovato il telefono, riceve sul display la notifica dell'attivazione della funzione.
    Aggiungerei una cosa e cioè che anche se sono suggerimenti validi ed efficaci, in quanto io stesso li avevo già precedentemente provati, l'autrice e la redazione non sono responsabili di eventuali danni causati dall'uso dei suggerimenti esposti e metterei in evidenza che la cosa migliore per bloccare un qualsiasi tipo di telefono, sia esso smartphone oppure no, resta sempre quello di fare denuncia di smarrimento fornendo contestualmente alla denuncia il codice IMEI del dispositivo

  • bene, ho bloccato il cellulare con gestione dispositivi android attraverso un altro telefono, poi lo ho ritrovato ma non si sblocca più, pur inserendo esattamente la password indicata al momento del blocco mi ripete sempre che è errata

  • Se posso vi consiglio anche di provare Androidlost, fantastica app gratuita che permette via pagina web, o tramite sms, di localizzare, lanciare messaggi, scattare foto, cancellare memoria, far vibrare, squillare, recitare un testo con il text-to-speech, inviare sms nascosto se sim viene cambiata, e molto altro ancora al vostro smartphone Android.

Mostra tutti i commenti

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK