Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 Condivisioni 3 Commenti

Galaxy Note 7: cosa può fare Samsung se gli utenti non gli vanno incontro?

Eccoci di nuovo qui a parlare di Samsung e del suo scottante (letteralmente) Galaxy Note 7. A causa dei problemi legati alla batteria, degenerati in alcuni casi in delle vere e proprie esplosioni, il brand sudcoreano ha deciso di ritirare i dispositivi in commercio fornendo agli utenti la possibilità di scegliere tra la sostituzione dell'unità o il rimborso. Peccato però che gli utenti non sembrano voler collaborare...

Nell'ultima settimana abbiamo letto e riportato diversi avvenimenti riguardanti l'esplosivo Note 7. Uno di questi riguardava un bambino americano di soli 6 anni portato dai genitori in ospedale a causa di alcune lesioni causate proprio dall'esplosione del Note 7 che teneva tra le mani. In realtà ad esplodere non è stato il nuovo phablet del brand ma un Galaxy Core Prime (sì, c'è comunque di mezzo Samsung). Questa precisazione non vuole certo alleggerire la gravità della situazione: i Note 7 rilasciati sul mercato devono essere restituiti perché potrebbero essere pericolosi.

L'impegno del brand nel voler risolvere il problema e tutelare la sicurezza dei propri utenti è chiaro. Basta accedere al sito ufficiale di Samsung per trovare tutte le indicazioni e gli step da seguire per poter sostituire il phablet o richiedere in cambio il rimborso. Secondo quanto riportato da Apteligent però gli utenti non sembrano voler abbandonare il Note 7 e continuano ad utilizzarlo sottovalutando il richiamo del brand.

Apteligent GalaxyNote7 Adoption
Gli utenti sembrano sottovalutare il problema ed il richiamo di Samsung. © Apteligent

Come potete vedere dal grafico riportato sopra, dopo l'annuncio dei problemi legati alla batteria il comportamento degli utenti non è cambiato poi tanto. Dopo il richiamo di Samsung alcuni utenti sembrano aver capito la gravità della situazione ed il tasso di utilizzo del Note 7 è sceso leggermente per poi risalire successivamente. 

Come può quindi Samsung andare incontro ai propri utenti se questi sembrano non voler capire la gravità della situazione e l'importanza della restituzione dell'unità in loro possesso? Il brand ha deciso di rilasciare un aggiornamento che impedisce al dispositivo di caricarsi oltre il 60%. Al momento disponibile solo in Corea del Sud, arriverà probabilmente anche in Europa.

Aggiornamento o meno, il nostro consiglio è, ancora una volta, quello di seguire le direttive di Samsung e di restituire il prima possibile il dispositivo. Voi avete già un Note 7 in tasca? Lo avete già restituito?

 

3 Commenti

Commenta la notizia:
  • Ma leggevo che samsung spegnerà da remoto tutti i note non restituiti... Ma allora non è vera questa notizia??

  • Ciao Jessica.
    La domanda che pone il tuo articolo è di fondamentale importanza e la soluzione mi sembra una soltanto: Samsung dovrebbe rivolgersi alle autorità competenti per il ritiro coatto, con eventuale sostituzione, del Note7. Come dice il proverbio "a situazioni estreme, estremi rimedi.

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK