Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Ecco cosa succede quando una delle migliori AI fallisce un semplice test di matematica
Hardware AI 1 min per leggere 1 Commento

Ecco cosa succede quando una delle migliori AI fallisce un semplice test di matematica

Probabilmente avete già sentito parlare di DeepMind, una delle tante filiali di Google specializzata in intelligenza artificiale. L'AI della società è diventata particolarmente popolare per aver battuto giocatori professionisti a titoli come StarCraft, oppure per la sua facoltà nel riuscire a rilevare problemi agli occhi. Nonostante le sue prodezze, l'AI di DeepMind ha fallito in un semplice test matematico di un liceo.

Quel che è peggio è che DeepMind è stata addestrata a conoscere l'algebra prima prima di eseguire il test. Pur essendo abbastanza preparata, non è stata comunque in grado di ottenere la sufficienza, ma bensì 14 punti su 40. Un fallimento!

AI robot 04
Per alcuni aspetti, le macchine non raggiungono (ancora) il livello umano. / © Phonlamai Foto/Shutterstock

Naturalmente, oltre all'aspetto ludico della situazione, le cose sono spesso più complicate di quanto sembrino. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la matematica non è solo un semplice calcolo, ma comporta anche abilità cognitive in grado di poter sviluppare delle logiche, priorità, ecc. La macchina capisce e impara in modo diverso, per cui alcune operazioni matematiche non possono essere eseguite come nella stessa modalità dell'uomo.

Siete anche voi rimasti sconvolti dal fallimento di DeepMind?

Fonte: Medium

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Non mi sconvolge davvero: ancora non abbiamo a che fare con vere IA generali, ma solo con sofisticati sistemi di machine learning basati su immensi database, di fato incapaci di generalizzare e, come detto nell'articolo, di organizzare realmente la soluzione di un compito...