Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

8 min per leggere 47 Commenti

10 stupidi errori da evitare con il vostro smartphone Android

Se siete dei seguaci Android sono certa siate già a conoscenza di tutti, o quasi, i suoi segreti: dai migliori widget per personalizzare l'homescreen, fino alle feature introdotte da Android Pie. Ma siete sicuri di trattare il vostro smartphone con cura ed attenzione? Non ci vuole molto, basta stare alla larga da questi errori.

Lasciarlo in carica tutta la notte

Alzi la mano chi di voi ogni notte, prima di andare a dormire, scrive gli ultimi messaggi su WhatsApp, programma la sveglia e poi spegne lo smartphone. Come immaginavo nessuno di voi, me compresa, pensa di andare a dormire spegnendo prima il proprio dispositivo: potrebbe sempre succedere qualcosa di grave e non possiamo certo rischiare di non essere rintracciabili. E allora, per evitare una simile situazione, attacchiamo lo smartphone alla presa di corrente e lo lasciamo in carica per tutta la notte. Un gesto che sarebbe meglio evitare.

Gli smartphone moderni, una volta raggiunto il massimo livello di carica, si disattivano automaticamente quindi potete stare tranquilli per la batteria. Ciò non toglie che il dispositivo possa avere dei problemi o dei difetti di fabbrica di cui non siamo a conoscenza e che potrebbero essere causa di situazioni spiacevoli.

androidpit USB 12
Spegnete lo smartphone prima di andare a dormire. / © AndroidPIT

Se prima di buttarvi a letto lo smartphone registra solo il 20% di carica vi consiglio di spegnerlo o quantomeno di attivare la modalità aereo. In questo modo la rete WIFI verrà disattivata evitando di consumare altra energia e l'indomani mattina potrete caricare lo smartphone per qualche ora (anche per pochi minuti se dotato di Quick Charge) senza deteriorare la batteria.

Sugli effetti delle radiazioni che lo smartphone potrebbe procurare al nostro cervello vi sono opinioni contrastanti ed ancora tanti studi in corso ma, non avendo un'idea chiara di come effettivamente funzionino le cose, sarebbe meglio spegnere tutto e dormire sonni tranquilli oppure lasciare lo smartphone in un'altra stanza.

Installare inutili task killer

Se fino ad ora avete dato per scontato che Babbo Natale esista e che i task killer possano fare miracoli sulle prestazioni del vostro Android, è arrivato il momento di entrare a far parte del mondo degli adulti e di lasciarsi alle spalle simili credenze popolari.

Questi servizi infatti, chiudendo le app attive in background e creando così spazio all'interno della RAM, non fanno altro che rallentare ulteriormente il lancio e l'apertura delle applicazioni precedentemente "uccise". Non è corretto affermare che tutti questi servizi siano tutti inutili ma prima di scaricarli considerate le potenzialità del vostro dispositivo e accedete al menu delle impostazioni per verificate voi stessi quali app stanno consumando più memoria, quali dati stanno pesando sulla cache ed eliminate file ed app inutili manualmente.

AndroidPIT smartphone clean 02
Prima di installare un task killer considerate se vi serve davvero. / © AndroidPIT

Salvare le foto nella memoria interna

I software e le app che permettono di salvare e sincronizzare foto e dati di ogni tipo in cloud sono davvero tanti, ma non sempre ci ricordiamo di loro e continuiamo ad accumulare i nostri ricordi all'interno della caotica memoria interna del nostro dispositivo. Errore!

Oltre al fatto che la memoria del nostro smartphone ha dei limiti, e non è purtroppo espandibile all'infinito, non dimenticate che lo smartphone potrebbe improvvisamente smettere di funzionare o potreste dimenticarlo da qualche parte lasciandolo in balia di malintenzionati e curiosi le vostre foto personali (e non voglio qui scendere nei dettagli). Sfruttate quindi i servizi in cloud, lasciate libera la memoria da foto indiscrete ed utilizzate delle app per bloccare contenuti che devono assolutamente rimanere privati.

AndroidPIT best cloud storage apps 6
Salvate le foto in cloud per averle sempre a disposizione. / © AndroidPIT

Utilizzare password facili da intuire

Sì, si tratta di un consiglio che può sembrare stupido ma secondo il report rilasciato ad inizio anno da Keeper, che realizza software di gestione password e cassette di sicurezza digitali per aziende, la maggior parte degli utenti si affida a password facilissime da intuire. La password più utilizzata dagli utenti nel 2016 è stata 123456, seguita da 123456789 e QWERTY.

Nonostante sia più facile ricordare la propria data di nascita, utilizzarla come password del vostro smartphone non è una buona idea. Affidatevi ad una combinazione di lettere, numeri e simboli, alternando maiuscole e minuscole per complicare la vita ad hacker e malintenzionati. E se avete problemi a ricordare le password complicate che avete impostato per sbloccare lo smartphone o accedere alla vostra email vi basta scaricare un password manager, come ad esempio LastPass o Enpass, dal Play Store.

Androidpit privacy stalker
Mettete al sicuro i vostri dati utilizzando delle password non scontate. / © AndroidPIT

Tenerlo nella tasca posteriore dei jeans

Tenere lo smartphone nella tasca posteriore dei pantaloni è probabilmente un gesto automatico, a cui non pensate neppure più, ma potrebbe rivelarsi una scelta pericolosa soprattutto quando, una volta rimasti soli tra le mura del bagno, vi calerete giù le braghe ed il vostro smartphone finirà dritto sul pavimento o, nel peggiore delle ipotesi, nel water.

Se ormai il danno è fatto e gli anni di kung fu non vi hanno resi così scattanti da riuscire a salvare il vostro Android, date uno sguardo alle nostre guide che vi permetteranno di rianimare lo smartphone e di recuperare i dati al suo interno:

AndroidPIT samsung galaxy s7 water active
Non tenete lo smartphone nella tasca posteriore dei vostri jeans! / © AndroidPIT

Fare il root senza avere idea di dove mettere le mani

Abbiamo spesso consigliato ai più audaci androidiani di addentrarsi nel mondo nascosto di Android e rootare il proprio dispositivo per avere accesso ad app che altrimenti non avrebbero mai sperimentato, per modificare i suoni di sistema e l'animazione d'avvio, per accedere a delle impostazioni nascoste che permettono di gestire meglio la batteria e tanto altro ancora.

La procedura di root va però seguita passo dopo passo, senza improvvisazioni, altrimenti si rischia di mettere fuori uso il proprio dispositivo. Se volete lanciarvi nella personalizzazione estrema con Android fatelo pure, ma avvicinatevi al mondo del root seguendo delle guide dedicate e consapevoli di ciò che state per fare:

android root apps teaser hero nexus 5
Rootate il vostro Android solo se sapete dove mettere le mani. / © AndroidPIT

Sostituirlo con un iPhone

Se siete dei fedeli fan di Android quest'idea non passerà mai e poi mai nell'anticamera del vostro cervello, ma si sa, l'uomo è per natura un essere debole ed in alcune particolari situazioni arriva a perdere il senno. Quando ci si ritrova con lo smartphone che crasha continuamente, la batteria che si scarica nel bel mezzo di una chiamata, WhatsApp che si blocca e si aspettano le feature di Oreo annunciate un anno fa, è normale perdere la pazienza.

Prima però di fiondarvi all'Apple Store più vicino vorrei ricordarvi che potreste avere questi e molti altri problemi anche con un iPhone XS, per fare un esempio. Certo, quello degli aggiornamenti non è un problema per gli utenti Apple ma passando all'altra sponda dovrete rinunciare ad un alto livello di personalizzazione ed alla vasta scelta di smartphone a prezzi differenti che Android mette a disposizione. Se il vostro smartphone fa le bizze respirate profondamente, riavviatelo ed andate alla ricerca di una guida dedicata al problema che avete riscontrato, perché su Android c'è sempre una soluzione.

AndroidPIT apple iphone xs max vs iphone x
Android vs Apple: la sfida infinita! / © AndroidPIT

Usare lo smartphone mentre si guida

Sappiamo tutti che mentre si guida lo smartphone non va usato eppure spesso lo afferriamo un attimo per controllare la strada su Maps o rispondere ad un messaggio WhatsApp. In alcuni casi però quell'attimo di distrazione può essere fatale: secondo l'Aci 3 incidenti su 4 sono dovuti alla distrazione e gli smartphone sembrano essere una delle cause principali.

Utilizzare lo smartphone in auto è possibile, ma solo se si sfruttano i comandi vocali ed il vivavoce.

Parlare al telefono mentre si fa benzina

Se pensate che queste cose succedano solo nei film americani avete ragione solo in parte. Il rischio di saltare in aria in una stazione di benzina, a causa della chiamata inaspettata di vostra madre, non è così alto, ma una serie di sfortunate combinazioni potrebbero trasformare questa leggenda metropolitana in realtà. Basta infatti una perdita di benzina che arriva a bagnare il malcapitato che, in quel preciso momento, riceve una chiamata: le onde elettromagnetiche emesse dal cellulare potrebbero dare vita ad una scintilla che causerebbe un'esplosione in stile Die Hard. 

Prima di impanicarvi e di far spegnere i cellulari ai vostri amici ogni qualvolta vi avvicinate ad una stazione di benzina, ricordate che saltare in aria per una chiamata ricevuta nel momento sbagliato non è così semplice. Allo stesso tempo però tenete a mente questo pericolo, anche remoto, e richiamate la mamma o la fidanzata qualche minuto più tardi, dopo aver riposto la pompa al suo posto, esservi rimessi alla guida ed aver attivato il vivavoce.

AndroidPIT Smartphone On fire
Fan di Die Hard? / © AndroidPIT

Non attivare la voce Gestione dispositivi Android 

Per chi di voi non ne fosse al corrente, sul vostro smartphone Android è presente un'opzione che, se attivata, vi permetterà di gestire da remoto il vostro dispositivo. Una volta attivata infatti, in caso di furto o smarrimento dello smartphone, vi basterà inserire le credenziali del vostro account Google ed accedere alla pagina web dedicata, per scoprire dove andare a ripescare il vostro Android.

Sfruttando questa funzione potrete bloccare il vostro dispositivo a distanza, localizzarlo, farlo squillare o cancellare tutti i dati in esso contenuti con un reset. Se non lo avete già fatto, aprite le impostazioni del vostro dispositivo e cliccate su Sicurezza>Altre impostazioni>Amministratori del dispositivo ed attivate la voce dedicata così, da questo momento in poi, nel caso in cui dimenticherete il vostro Android da qualche parte, saprete almeno come localizzarlo.

Quale tra questi errori siete soliti commettere con il vostro Android?

I commenti preferiti dei lettori

  • Dommy Dsd 23 set 2015

    Concordo pienamente con il punto 1 soprattutto sulla sicurezza dalle radiazioni. Il 18 ottobre 2012 la Corte di Cassazione ha stabilito il risarcimento per un uomo costretto per lavoro a stare al telefono almeno 5 ore al giorno. Detto questo in attesa di risposte dalla comunità scientifica, meglio essere prudenti. Validi anche i consigli sui task killer, sui root e sulle foto ed anche quello sulla benzina meglio non andare in panico ma sempre prudenza. Penso che andrebbe aggiunto anche NON USARLO MENTRE SI STA GUIDANDO

  • Daria Lombardi 28 gen 2015

    "Come spegnere lo smartphone in tre mosse" oppure "Spegni lo smartphone: e se poi te ne penti?"

  • Jessica Murgia
    • Admin
    • Staff
    28 gen 2015

    ahaha ok! Qualcosa del tipo "Uscire dal tunnel Android è possibile!"?

47 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Grande Jessica... non sostituirlo con un iPhone 😂😂


  • Gestione dispositivi Android o altre app proprietarie che funzionano in maniera analoga sono utili solo ai fini di un eventuale ritrovamento, in caso di smarrimento. Sperare che fungano da antifurto è solo una chimera. Si può discutere di tutto e del contrario di tutto, quello che continuo a non capire e che forse non capirò mai, perché ricorrere alla maleducazione? Probabilmente non sarà uno dei migliori articoli pubblicati su questo sito e sicuramente il web pullula di consigli simili a questi, ma perchè etichettarli come "cazzate" offendendo sia chi scrive sia chi legge?


  • A proposito di "Tenerlo nella tasca posteriore dei jeans"
    Io lo tengo sempre nella tasca anteriore però a quanto dicono sarebbe meglio tenerlo nella tasca dietro inquanto i glutei filtrano le radiazioni emesse.
    Insomma sarebbe meglio per evitare spiacevoli problemi di salute.
    Tenerlo dietro lo trovo scomodo per vari motivi.
    1. come scritto nell'articolo se ti cali le braghe c'è il rischio del tuffo
    2. se non ci pensi e ti siedi..
    3. è più esposto a malintenzionati
    4. trovo più comoda la tasca anteriore


  • Ciao Jessica , magnifico articolo , coloro che partecipano à l ' argomento dovrebbero moderare il loro egoismo
    Jessica certi sono veramente volgari
    il modo di spiegare in modo semplice è il migliore perchè molti sono veramente novizi . I task killer non hanno mai servito à qualcosa ma il forum è pieno di grandi "" professionisti "" . Grazie Jessica
    Sei un fenomeno , con rispetto . Isho


  • Mai tenuto nella tasca posteriore ma sempre in quella davanti, è decisamente più comodo...😉
    Che poi vorrei sapere chi è lo mette nella tasca di dietro... 🤔


    • Ciao Antonio , pensa io ne ho visto che mettono lo smart nella tasca dietro , e
      poi si lamentano che non funziona...🤔


  • Jessica, a parte che tu e Daria che ci mettete la faccia è già una cosa di per se onorevole, è anche gradevole. Forse i suggerimenti che date sono in parte conosciuti ma è quello che si fa ogni anno quando c'è l'influenza stagionale, lavarsi le mani, vitamina c, non prendere antibiotici senza parere medico. Insomma, io apprezzo i tuoi consigli perché ci può essere sempre qualcuno che non li conosce o che non sa tutte queste cose. Poi non capisco come tolleriate commenti maleducati. Intanto vi esprimo il mio apprezzamento :)


  • Cazzate che già si sapevano


  • Anche a me risulta che l'erogazione della corrente venga interrotta a ricarica completata e in ogni caso, la notte è l'unico periodo in cui si può effettuare una ricarica senza dover lottare con il filo; il tutto a scheda telefonica e wifi categoricamente spenti, ma a smartphone acceso; questo per il semplice motivo che 1) la sveglia non suonerebbe, 2) riaccenderlo consuma batteria e allora che l'ho tenuto sotto carica a fare? Per gli altri punti della lista in articolo, bé, metto tutta l'attenzione possibile... tipo non usarlo per vangare il giardino, come scudo anti proiettili, piatto per tagliare la carne... cosettte così, insomma.


  • Ottimo articolo, buoni consigli


  • Chiedo a chiunque possa aiutarmi... Ho un Samsung galaxy Tab 4 10.1'' LTE da un anno e mezzo... L ho rootato e da pochi giorni a questa parte quando vado per spegnerlo mi arriva la scritta "I criteri di protezione impediscono lo spegnimento"...
    Ho cercato dappertutto nel sistema del tablet ma non ho trovato nulla... Ho pensato di rivolgermi ad AndroidPit che è sempre preparato... Rispondetemi non ho voglia di riformattarlo (sarebbi la seconda volta)


  • Complimenti per l'articolo.
    Punto 1. Diffido di chi tiene in carica il cellulare ACCESO tutta la notte ma non chi lo tiene in carica SPENTO tutta la notte.
    2. Per le foto nella memoria interna, DIMMI TU JESSICA IN UN S6 DOVE LA PRENDO LA SD ESTERNA :D
    3.Android Gestione Dispositivi, Samsung offre il proprio servizio Find My Mobile più intuitivo


  • Sono d'accordo quasi su tutto ma aggiungiamo anche di non usare whatsapp alla guida


  • Concordo pienamente con il punto 1 soprattutto sulla sicurezza dalle radiazioni. Il 18 ottobre 2012 la Corte di Cassazione ha stabilito il risarcimento per un uomo costretto per lavoro a stare al telefono almeno 5 ore al giorno. Detto questo in attesa di risposte dalla comunità scientifica, meglio essere prudenti. Validi anche i consigli sui task killer, sui root e sulle foto ed anche quello sulla benzina meglio non andare in panico ma sempre prudenza. Penso che andrebbe aggiunto anche NON USARLO MENTRE SI STA GUIDANDO


  • Articolo molto interessante, se fosse uscito l'anno scorso mi avrebbe evitato una scelta drastica, dopo tre smartphone distrutti per i motivi descritti, ho deciso di abbandonare i brand rinomati e ho acquistato uno smartphone android corazzato e stagno fino a due metri di immersione; scegliendolo di una marca sconosciuta in Italia, ogni volta che lo tiro fuori dal marsupio mi guardano tutti in modo un pò sorpreso, ma vi garantisco che nel mio lavoro cadere di mano in cima a una scala o finire in un lavandino ostruito pieno di acqua saponata e altre nefandezze è all'ordine del giorno! Finora dopo nove mesi di strapazzi funziona come nuovo e non fa una piega, certificato IP68 dal fabbricante; bruttino sicuramente, ingombrate e pesante di certo, ma destinato a durare molti anni!
    P.S. Pagato meno della metà del Samsung impermeabile.


    • Posso chiederti la marca ?


      • Certo che puoi chiedermela, spero di non contravvenire ai regolamenti del blog, dicendoti che è un "No.1 Phone, modello X-MEN X1"; io personalmente mi ci trovo bene, anche perchè non ho mai inseguito i Bramd famosi, lo trovi su internet con un qualunque motore di ricerca.
        A presto Federico.
        Mauro


  • Hahahaha sostituirlo con un IFogn, mi sa che comunque non scampo alla prima, il resto non mi capita...


  • Punto 1: Non sono d'accordo in quanto il firmware del telefono, quando la batteria raggiunge la carica massima, taglia la corrente in ingresso a pochi milliampere per mantenere la carica. Basta un tester per verificarlo.


    • È vero, perchè la mattina, dopo la ricarica della notte, prima di riaccenderlo, il mio tablet xperia z mi segnala 97 o 98% e quasi mai il 100%.


  • Punto 1: Non concordo. I moderni alimentatori da muro,(o come li chiamate voi, caricabatterie) non erogano più energia nel momento in cui la batteria raggiunge la soglia dei 4,20volt e riempie tutti i mah possibili perché, stesso la batteria, raggiunta tale soglia innesca un sistema di taglio dell'alimentazione interrompendo il circuito e di fatti l'alimentatore, la mattina è freddo.

    Punto 2: Daccordissimo.

    Punto 3: D'accordo in parte... La memoria interna è più veloce di una qualsiasi memory card... Se si hanno 32-64gb di interna é meglio non metterla proprio la memory card, rallenterebbe solo il sistema.

    Punto 4 5 6 e 7 d'accordo... Anche se il mio benzinaio parla a telefono e fa benzina troppo spesso :)

    Aries98Utente disattivato


  • Mi meraviglio che in tanti si arrendono davanti al l'impossibilità di tenere sotto carica lo Smartphone per lo stretto necessario alla ricarica. In commercio, anche in moltissimi supermercati di alimentari, si trovano a prezzi accessibilissimi delle prese temporizzate. Come è fatta ? Immaginate un parallelepipedo di plastica di grandezza simile a uno Smartphone ma spesso dai 40 ~ 50 mm. Su una faccia c'è una spina che va inserita nella presa a muro; sulla faccia opposta c'è una presa comandata, da un timer, nella quale va inserita la spina del caricatore del nostro telefono. Queste prese, sopportando grossi amperaggi sono adatte anche al funzionamento programmato di grossi elettrodomestici. Spero di aver curato l'insonnia di tanti amici. Bay.


    • Ci hai dato informazioni in più rispetto a ciò che sapevamo perchè se leggi su, ho già nominato l esistenza di queste prese...sottolineando che non mi fido del loro funzionamento e della loro provenienza.


      • Mi sarà sfuggita la tua nota;comunque io ne possiedo alcune da oltre 25 anni, e pur usandole per elettrodomestici, sempre entro i parametri consigliati non ho mai avuto problemi Attualmente ne vedo in giro di meno sofisticati, ne ho e ne uso qualcuno, meno sofisticato del mio, e anchessi non mi hanno dato problemi. Concludendo: visto l'uso che se ne deve fare non penso che possano creare problemi. Grazie per l'attenzione e Buon Lavoro.


  • Volevo solo ironizzare sulle presunte "scintille" delle onde elettromagnetiche prodotte dai cellulari.. sono irrilevanti per la salute e tantomeno sprigionano scintille...
    Un cellulare o un apparecchio wifi domestico o alla massima potenza erogano un 1mw eirp, e sono totalmete innocui per la salute anche se parli al tel e scarichi a palla in wifi al distributore di benzina


  • Ma le onde non hanno amperaggio...si misurano in frequenza...se è alta fes scaldano il corpo che oltrepassaano...sii Daria, otttimo!
    Jessica ce la puoi fa!


  • Beh... quella dell'incendio al distributore me la devo segnare..
    Che amperaggio hanno le onde elettromagnetiche del segnale radio per dover addirittura provocare scintille??
    Sto pensando a tutte le ragazze che hanno tanta cura della loro chioma... domani buttano il device...lol...


  • "Come spegnere lo smartphone in tre mosse" oppure "Spegni lo smartphone: e se poi te ne penti?"


  • Jessica Murgia
    • Admin
    • Staff
    28 gen 2015 Link al commento

    ahaha ok! Qualcosa del tipo "Uscire dal tunnel Android è possibile!"?


  • Jessica Murgia
    • Admin
    • Staff
    28 gen 2015 Link al commento

    Ci sto lavorando su!


  • Jessica Murgia
    • Admin
    • Staff
    28 gen 2015 Link al commento

    Lo so, io non sono ancora riuscita a passare a quello step! Disintossicarsi dallo smartphone non è facile ;)


  • Jessica Murgia
    • Admin
    • Staff
    28 gen 2015 Link al commento

    ahahah Stefano!
    Per quanto riguarda la carica notturna anche io ho sempre lasciato lo smartphone in carica fino al mattino e puoi immaginare i risultati....ora però, impostando la modalità aereo, riesco quantomeno a preservare (in parte) la batteria. L'idea della presa di corrente temporazzita è geniale!


    • Io son più bravo perchè lo spengo così mi si puliscono anche le memorie "volatili"
      Per la presa sarebbe bello, ma ho appena controllato i cataloghi e soluzioni dirette non ce ne sono...basterebbe fare un circuitino 😅


    • Ci vorrebbe qualcosa per poter temporizzare l'uso massimo dello smartphone soprattutto per chiamate troppo lunghe verso lo stesso numero


  • Confermo sul punto della carica notturna...dopo un anno ho visto la batteria del mio Note calare di un bel 30%...ora l ho sostituita con una acquistata nel kit di ricarica esterno ( 29,90 sul sito degli Stokisti, 50€ in negozio 😆😆)
    È una comodità assurda caricare il telefono di notte però...ci vorrebbe una presa di corrente temporizzata così da impostare lo scollegamento dalla rete dopo x ore così da preservare le batterie...ho dato un occhiata a cosa c è in giro ma ho trovato solo cinesate...visto che son del settore, guardo cosa offrono i listini dei brand 💪
    P.s. lo smartphone nelle tasche posteriori è inevitabile se si han dei padelloni in mano! 😅

Articoli consigliati