Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Commento

Dall'Android Market al Play Store: e in futuro?

android -market e google play logo

(immagine da gizmodo.it)

Non molto tempo fa il market di Google ha raggiunto quota 15 miliardi di download dal momento della sua apertura. Nonostante si tratti di un periodo di tempo non certo lungo, di cambiamenti dal primo Android Market all'attuale Google Play Store se ne sono visti tanti. Ma dove vuole arrivare Google? Per capirlo ripercorriamo alcuni momenti fondamentali...

Annunciato nell'agosto del 2008 col nome di Android Market e reso disponibile nell'ottobre seguente, lo store di Google sta per compiere quattro anni. Di cambiamenti ne sono stati apportati tanti, ma forse il primo grosso indizio che il sito dove scaricare apps sarebbe diventato qualcosa di molto più importante lo abbiamo avuto nel luglio del 2011. Con la possibilità di acquistare libri (recentemente introdotta anche da noi) e noleggiare film, il vecchio market di app Android ha iniziato probabilmente a mostrare le sue vere intenzioni. Non mi stupirei se si venisse a sapere che per i dirigenti di Amazon e Blockbuster quello non è stato un bel giorno...

Altra “pietra miliare” dello store di Google è stato naturalmente il cambio della denominazione da Android Market a Google Play Store, avvenuto lo scorso marzo. Su quello che era "solo" il market per Android, ormai si trovano indifferentemente apps, film, libri e, dal novembre 2011, musica.

Come ben sappiamo, non tutte queste funzioni sono disponibili ovunque e in Italia, per esempio, ci dobbiamo accontentare di app e libri, in numero ancora limitato tra l'altro. Non c'è dubbio però, che sia nelle intenzioni di Google rendere l'offerta di prodotti in ogni mercato nazionale il più ampia possibile, come potrebbe far supporre l'adeguamento alle regolamentazioni fiscali di cui abbiamo già parlato.

Ma probabilmente non è finita qui. Le indiscrezioni riguardo un possibile Game Center per Android, sulla falsariga di quello di Apple, aprono ancora nuove prospettive. Come si potrà integrare il market di Google con un social network dedicato ai giochi Android?

E inoltre: conoscendo quanto G+ è considerato fondamentale per le strategie di business di Mountan View, quale sarà il ruolo del social network di Google in tutto questo?

L'omogeneizzazione dei termini di utilizzo di tutte le piattaforme di Google, da Youtube a Gmail, fa pensare che tutto il mondo marchiato BigG sia destinato sempre di più a diventare un ecosistema integrato, se non addirittura un'unica superpiattaforma. Come, però, è sicuramente ancore presto per dirlo.
 

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK