Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Dati di Facebook accessibili liberamente da Microsoft, Amazon, Spotify e altri

Dati di Facebook accessibili liberamente da Microsoft, Amazon, Spotify e altri

Il business di Facebook con i dati è più grande di quanto si pensasse. Il social network ha scambiato dati con oltre 150 aziende, almeno in parte all'insaputa degli utenti. Anche i messaggi privati sono stati perquisiti e condivisi. Nel frattempo, è stato affermato che i dati non sono stati venduti e non c'è stato alcuno scambio di denaro.

Facebook ha messo i dati dei suoi utenti a disposizione di numerose aziende, tra cui molti grandi nomi del settore tecnologico. Microsoft, Amazon, Netflix, Spotify, Yahoo, Sony, Apple e molte altre hanno così ottenuto l'accesso a nomi e indirizzi e-mail di teoricamente tutti i 2,2 miliardi di utenti di Facebook. Il numero di utenti interessati potrebbe non essere così elevato ma si tratta comunque di milioni di profili colpiti. Questo è il risultato di un'indagine approfondita condotta dal New York Times.

Non sono stati scambiati solo nomi e indirizzi e-mail. Facebook ha permesso al motore di ricerca Microsoft Bing, che almeno negli Stati Uniti gioca ancora un ruolo minore rispetto a Google, di cercare nella lista completa degli amici degli utenti tra tutti i nomi. A Netflix e Spotify è stato anche permesso di leggere i messaggi privati degli utenti di Facebook.

Facebook ha donato i dati

Cos'ha chiesto Facebook in cambio dei dati? Niente soldi, secondo il rapporto del New York Times. Le aziende volevano aiutarsi a vicenda a diventare ancora più grandi, "Tutti dovrebbero beneficiare dello scambio" è stato affermato. "Alla ricerca di una crescita esplosiva, Facebook ha ottenuto più utenti e ha aumentato i ricavi pubblicitari. Alle aziende partner sono state assegnate funzioni che hanno reso i loro prodotti più attraenti".

Facebook 01
Più comfort o meno privacy? Dipende dalla prospettiva. / © David MG/Shutterstock

Gli accordi hanno aiutato Facebook, secondo il rapporto, a migliorare la propria funzione "persone che potresti conoscere", che suggerisce potenziali amici su Facebook agli utenti. I dati delle liste di contatti di Amazon, Yahoo e Huawei sarebbero affluiti per potenziare tale funzione. La condivisione dei dati andava dunque in entrambi i sensi.

Facebook ha lasciato i propri utenti all'oscuro di queste procedure. Secondo Steve Satterfield, responsabile della privacy di Facebook che ha parlato con il New York Times, le aziende partner sono state viste come estensioni del social. Facebook ha quindi agito dal proprio punto di vista come fornitore di servizi che aiuta gli utenti a interagire con i propri amici di Facebook.

Ciò che i partner hanno fatto esattamente con i dati non è noto a Facebook. I contratti obbligherebbero le aziende partner a rispettare le linee guida di Facebook, dice Satterfield. Una portavoce di Facebook ha anche detto al giornale che il social non ha trovato alcuna prova di abuso dei dati da parte dei partner. Gli accordi sono stati tutti conclusi a partire dal 2010, tutte le partnership erano ancora attive nel 2017 e in alcuni casi anche nel 2018 dopo lo scandalo Cambridge-Analytica.

Facebook si vede erroneamente alla gogna

Facebook ha già risposto al rapporto, affermando di aver concluso alcune delle sue partnership negli ultimi mesi e che l'obiettivo principale del post del blog è stato quello di fornire agli utenti una maggiore tranquillità. Senza il consenso dell'utente, i terzi non avrebbero avuto accesso alle informazioni attraverso partnership o determinate funzioni.

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica