Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

OPINION 4 min per leggere 1 Commento

Il dibattito più esplosivo sulle auto che si guidano da sole deve ancora arrivare

Le auto che guidano da sole stanno per diventare una realtà lentamente disponibile al grande pubblico. Ma prima di un'adozione su vasta scala, le sfide etiche sulla sicurezza stradale dovranno emergere dal mondo accademico e dal dibattito pubblico. Infatti, vengono poste domande sempre più difficili sull'argomento alle quali ancora non si riesce a rispondere.

Waymo ha iniziato ad offrire un vero e proprio servizio di taxi robotico a Phoenix e dintorni, riuscendo a battere Uber e Lyft, i quali anch'esso sono ansiosi di raggiungere tale scopo, così come titani della vecchia guardia come Ford e General Motors. Vincere questa gara è un processo lento e costante, perché la strada per i veicoli autonomi è disseminata di ostacoli come un campo minato. Non solo tecnica, ma anche etica.

Se avete seguito lo sviluppo di questa tecnologia, probabilmente vi siete imbattuti nella questione del problema della sicurezza, un discorso sicuramente da affrontare. Nello scenario di un possibile incidente in cui più persone sono a rischio, quale vita avrebbe la priorità di essere salvata? Quella dell'autista? Del passeggero? Dei pedoni? O degli animali?

Non tutti sono d'accordo su chi dovrebbe essere risparmiato

In precedenza abbiamo fatto riferimento a uno studio che ha tentato di valutare come la gente si sentiva a questo proposito, esaminando quasi 40 milioni di decisioni prese da 2,3 milioni di persone in tutto il mondo. Lo studio pubblicato su Nature, evidenzia alcune tendenze generali come l'uomo dovrebbe essere risparmiato sugli animali domestici, che i giovani dovrebbero essere risparmiati sugli anziani.

Quando abbiamo esaminato per la prima volta lo studio, si prevedeva che questo tipo di problematica sarebbe stata una pietra angolare della resistenza ai veicoli che guidano da soli. Sono convinto che arriveranno comunque, vengono mossi troppi soldi dietro a tutto questo. La questione è piuttosto quale forma assumerà il dialogo che li circonda.

Self Driving Uber
Il taxi autonomo avrà molte responsabilità. / © UBER

Sono le differenze, piuttosto che le grandi tendenze, che sono davvero stimolanti. Perché quando si chiede alle persone di ordinare efficacemente la vita umana in una gerarchia di valori, in molti casi emerge un quadro informato da pregiudizi.

Ad esempio, in tutto il mondo abbiamo visto una preferenza rivolta alle donne piuttosto che gli uomini, gli atleti in sovrappeso, i dirigenti ai senzatetto. Nei blocchi raggruppati per aree geografiche e culturali sono stati riscontrati altri disaccordi, ad esempio, i paesi asiatici sono meno disposti a favorire i giovani rispetto agli anziani.

Anche se non è affatto chiaro che l'etica dell'autoguida dei veicoli AI sarà progettata secondo metodi di crowdsourcing o democratici, le aziende vorranno evitare i contraccolpi accontentando il maggior numero possibile di persone, o potenziali clienti. Anche la possibilità di azioni legali e contratti di assicurazione sarà un fattore determinante.

angry person
Aspettatevi accese discussioni sulle auto che guidano da sole. / © AndroidPIT

Che si tratti di una consultazione ufficiale o di un dibattito sul raffreddamento dell'acqua, siamo a pochi passi dalla scoperta che vostro cugino, collaboratore o legislatore eletto preferisce risparmiare le donne agli uomini o, ad esempio, i poliziotti alle prostitute, la popolazione autoctona agli immigrati, i ricchi rispetto ai poveri. Personalmente, non riesco a sopportare l'idea che i senzatetto vengano considerati più spendibili di altri.

L'Intelligenza Artificiale non riguarda soltanto il saper guidare in autonomia, ma alimenta anche il riconoscimento delle immagini. In Cina, ad esempio, l'AI è alla base di un sistema oppressivo per identificare automaticamente dissidenti, criminali e minoranze svantaggiate. Questo tipo di informazioni potrebbero essere utilizzate per permettere alle auto di decidere quale vita debba avere la priorità di vivere in caso di incidenti.

Se pensate che la guerra culturale e le accese discussioni su valori apparentemente incompatibili sullo stile di vita, la legge, l'immigrazione, i diritti degli animali, ecc. sono già un passo intenso in questo momento, aspettate solo che sia una vera questione di vita o di morte sulla strada.

Io per uno credo che auto autonome sarà complessivamente più sicuro che affidarsi a singoli piloti per comportarsi, ma non voglio vedere implementato un sistema che racchiude i pregiudizi di oggi in un'intelligenza artificiale non responsabile. Alcune regole saranno elaborate in un modo o nell'altro, ma nel doloroso processo di dibattito pubblico, potremmo dover affrontare alcune brutte verità su noi stessi e sui nostri compagni.

Come pensate che si svilupperà l'etica dell'autoguida?

Fonte: Nature

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Esiste un'altra opzione, cioè che si rimandi la scelta in caso di incidente ad un operatore umano, un po' Come si fa quando si preme il pulsante SOS nelle vetture recenti..