Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Opinion 6 min per leggere 2 Commenti

Huawei presenta il Mate 10 e sale sul palco con Apple e Samsung

A Monaco Huawei ha ufficializzato Mate 10, Mate 10 Pro e Mate 10 Porsche Design. Nonostante l'importanza del comparto fotografico, stavolta al centro dell'evento è stato il display ed il cervello del dispositivo.

Quando le dimensioni ed i numeri contano

Al centro stavolta è il display, nonostante la fotocamera non sia certo stata messa da parte. Ma il nuovo formato adottato già anche da altri brand, è la caratteristica principale del Mate 10 Pro che arriverà in Italia. Un formato più compatto per uno smartphone con diagonale di 6,0 pollici e di 6,4 millimetri di spessore che hanno fatto applaudire l'intera sala di giornalisti. Il pannello frontale è occupato dallo schermo in modo maggiore rispetto al predecessore, liberandosi degli angoli stondati. Huawei ha ottimizzato il display per leggere e navigare sul web e poter ad esempio utilizzare due app contemporaneamente.

Tutto ciò che Huawei aveva a disposizione sembra averlo voluto integrare nella sua nuova linea Mate 10

Il rapporto corpo/display è stato migliorato (anche se Il Mate 10, a differenza di Pro e Porsche Edition, ospita il lettore d'impronte digitali davanti) e Richard Yu, anche stavolta, ci ha tenuto a specificare che Huawei sul Mate 10 ha fatto meglio di Apple. Il tutto senza rinunciare ad una batteria di 4000 mAh per permettere agli utenti di sfruttarlo come si deve questo ampio schermo.

AndroidPIT huawei mate 10 pro 0010
Huawei Mate 10 Pro è davvero scintillante! / © AndroidPIT

La batteria promette un'autonomia del 30% superiore a quella del Mate 9, premiato lo scorso anno da Android Authority per la sua autonomia. I 4000 mAh del Mate 10 sono affiancati dalla SuperCharge che diminuisce i tempi di carica e che promette di essere sicura (un'altra frecciatina a Samsung, che dite?) 

E tra i numeri compaiono poi quelli del Kirin 970 (attesi e pre-annunciati) e di EMUI 8.0 (il passaggio dalla versione 5 alla 8 non vi deve fare credere che le migliorie apportate siano così tante) con Android 8.0. Tutto ciò che Huawei aveva a disposizione sembra averlo voluto integrare nella sua nuova linea Mate 10. Certificazione IP67 a protezione da acqua e polvere compresa (Mate 10 standard escluso).

Niente Face ID, il lettore d'impronte basta

Richard Yu ha specificato durante l'evento che una funzione di riconoscimento facciale sul Mate 10 non c'è perché non serve. Il lettore d'impronte digitale garantisce, a detta del CEO del brand, uno sblocco più rapido del dispositivo. Questo a marcare l'assenza di una feature al contrario presente sulla concorrenza: LG la integra sul V30, Apple sull'iPhone 8 e Samsung sul Note 8.

Ed a proposito di Samsung... Richard Yu non ha resistito a prendere in giro il Note 8 ed il posizionamento del lettore d'impronte digitale (già tanto criticato) mostrando in una slide il sensore della fotocamera ricoperto dalle impronte che hanno invano cercato il sensore di sblocco. E chi conosce Huawei sa come i lettori d'impronte digitai integrati sugli smartphone siano effettivamente rapidi oltre a sollevare, rispetto al riconoscimento facciale, meno dubbi circa la sicurezza. 

La fotocamera con AI integrata

L'intelligenza artificiale integrata lavora a braccetto con la fotocamera, riconoscendo be 13 diversi oggetti e contesti. Il riconoscimento degli oggetti, dal cibo, ad un mazzo di fiori o al vostro gatto, permette di offrire dei migliori risultati visibili ad occhio nudo negli scatti mostrati durante l'evento. Nell'utilizzo quotidiano andrà poi verificata la praticità di questa feature.

AndroidPIT huawei mate 10 pro 9989
La fotocamera riconosce la scena grazie all'AI e aggiusta i parametri. / © AndroidPIT

L'aspetto positivo è però che non servono lunghi setup, anche i meno addetti ai lavori potranno sfruttare i benefici di AI e Machine Learning che utilizzando una serie di algoritmi permettono alla fotocamera di riconoscere subito il soggetto inquadrato e lavorare sulla qualità dell'immagine. Per gli amanti dei numeri, presenti sul Mate 10 le lenti Leica, sensore di 20MP monocromo ed RGB di 12MP.

Conclusioni

I nuovi dispositivi non salgono mai soli sul palco. I riferimenti, scherzosi e meno, ad Apple e Samsung sono sempre presenti agli eventi Huawei. La presentazione della linea Mate 10 non è stata da meno. Forse perché mettere a confronto i diversi dispositivi riesce a fare capire meglio le ottimizzazioni apportate, le differenze (promesse) in termine di prestazioni nell'uso quotidiano.

Ma la linea Mate 10 sembra essere davvero completa. Il Mate 10 non è più un phablet ben fatto ma troppo ingombrante: il suo corpo si è assottigliato, è diventato resistente ad acqua e polvere, ha ottimizzato il pannello frontale a favore di uno schermo capace di meglio gestire il multitasking e l'esperienza multimediale in generale. Ultimo processore della casa integrata, AI presente, ultima versione Android sotto la scocca con l'ultima versione della skin di Huawei (che vi piaccia o meno è questione di gusti). Cos'altro? La possibilità di utilizzare il Mate 10 in PC Mode, senza l'utilizzo di una dock dedicata come la DeX di Samsung, lo rende adatto anche a chi utilizza il dispositivo per lavoro. 

AndroidPIT huawei mate 10 pro 0007
Huawei non è più un'azienda che deve farsi conoscere, ha già dimostrato cosa può fare. / © AndroidPIT

Il prezzo per la versione Porsche è folle, soprattutto se si cerca di trovare le differenze con il Mate 10 Pro. Il Mate 10 non arriva in Italia e quindi esce automaticamente di scena anche se con il suo jack per le cuffie e la possibilità di espandere ulteriormente la memoria per 100 euro in meno avrebbe potuto costituire un valido candidato.

Il Mate 10 Pro ha tutto ciò che Huawei si sentiva di offrire ora, guardando alla tecnologia a propria disposizione ed a ciò che avversari come Apple e Samsung hanno fatto. Il confronto ci sta però credo Huawei non abbia bisogno di continuare a menzionare questi due brand: il suo nome se lo è fatta, così come ha guadagnato la fiducia degli utenti. Comprare il Mate 10 Pro piuttosto che il V30 o il Note 8 ora è solo un questione di gusti, ed etichette di prezzo. Il resto non conta (fanboy esclusi).

E voi vi lascerete ammaliare dal Mate 10 Pro oppure opterete per la concorrenza di Samsung o LG?

1 Condivisione

2 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Huawei questa volta sembra aver fatto proprio un bel lavoro. Finalmente quello che mi aspettavo da uno Smartphone 😉


  • Se volessi acquistarne uno...
    Ovviamente se utilizzassi molto la S-pen, la scelta sarebbe obbligata.
    Differentemente, in base alle mie impressioni su ciò che ho letto ed, inevitabilmente, alle personalissime emotività circa i tre brand, opterei per Huawei, LG, Samsung nell'ordine

Articoli consigliati