Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Commento

Facebook cerca di fare più soldi grazie ai narcisisti

FBhighlight

Qualcuno è mai fallito dopo aver fatto appello alla vanità del pubblico? Facebook probabilmente si è posta la stessa domanda, prima di decidere se avviare la sua ultima caratteristica. Il social network permette ora ad alcune persone in Nuova Zelanda di pagare per "evidenziare" il proprio status, in modo che più amici lo possano vedere. Per il momento la funzione è stata offerta solo a pochi utenti, ma potrebbe presto riempire il vostro News-feed.

Parte del fascino di Facebook è l'illusione della meritocrazia: i post che ottengono più "mi piace" sono effettivamente le cose che piacciono di più alla gente. La nuova caratteristica per sponsorizzare i post la farebbe finita con tutto questo, permettendo a chiunque di realizzare un marketing aggressivo con un po' di spiccioli e mettere in evidenza i propri aggiornamenti di stato ad amici o potenziali clienti.

Su un altro livello, si incoraggia considerevolmente il narcisismo. Chiunque pensi che i suoi commenti siano i più interessanti, e che ha qualche soldo da poter spendere a questo proposito, potrebbe cercare di forzare tutti noi di ascoltarlo. Nella migliore delle ipotesi è fastidioso, nella peggiore potrebbe far aumentare coloro che decidono di abbandonare la piattaforma.

Ora, c'è anche la possibilità per Facebook che questa nuova funzione incontri una reazione positiva e oltretutto non ha ancora annunciato di volerla estendere agli utenti di tutto il mondo. Di certo questa funzione renderebbe felici molti investitori - con sempre più persone che scelgono di leggere Facebook sul proprio smartphone, un numero minore di persone visualizza in realtà gli annunci pubblicitari. Questo potrebbe rivelarsi un nuovo flusso di entrate finanziarie per Facebook, ma insieme anche alla possibilità di far allontanare milioni di utenti.

Insomma, una scommessa rischiosa...

 

Fonte: Techcrunch

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK