Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Facebook presenterà la propria criptovaluta l'anno prossimo

Facebook presenterà la propria criptovaluta l'anno prossimo

Abbiamo iniziato a leggere dei primi rumori di quello che allora si chiamava Project Libra lo scorso dicembre, ma ora sappiamo che Facebook punta a presentare la propria criptovaluta, chiamata internamente GlobalCoin, entro il primo trimestre del prossimo anno in una dozzina di Paesi. A riportarlo è la BBC.

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, ha incontrato il mese scorso il governatore della Bank of England Mark Carney per discutere personalmente i rischi e le opportunità di una criptovaluta. Facebook è anche in trattative con funzionari del Tesoro americano su questioni operative e normative. Se Facebook potesse lavorare con i funzionari governativi e le banche centrali per mantenere stabile il valore della GlobalCoin, magari ancorandolo a una valuta come il dollaro USA, potrebbe essere in grado di aggirare una delle principali barriere all'adozione delle monete virtuali e guadagnare la fiducia dei consumatori.

La tecnologia Blockchain può consentire alle persone di inviare denaro più velocemente e ad un costo inferiore, anche oltre confine, eludendo le banche tradizionali. Facebook sta discutendo con Western Union per trovare "modi più economici e veloci dedicati alle persone senza un conto bancario per inviare e ricevere denaro" secondo il rapporto della BBC. Ciò potrebbe significare che si stia concentrando sui Paesi in via di sviluppo, come l'India in particolare, per il suo lancio iniziale.

Inoltre, il Wall Street Journal riferisce che Facebook sta proponendo direttamente ai commercianti di offrire commissioni di transazione più basse in cambio dell'accettazione della propria valuta. Garantire che un numero sufficiente di negozi accetti effettivamente GlobalCoin come pagamento, può incentivare le persone ad acquistare la criptovaluta. Allenterebbe anche la presa delle principali reti di carte di pagamento e le temute commissioni del 2-3 per cento per le transazioni che di solito addebitano, il che sarebbe ottimo sia per le imprese che per i consumatori.

Nelle prossime settimane, un piccolo gruppo di cofondatori lancerà un'associazione con sede in Svizzera, che quest'estate rivelerà maggiori dettagli sui suoi progetti. Ma, per ora, sappiamo che quest'anno Facebook inizierà a testare la sua valuta e che l'introduzione è prevista per il primo trimestre del 2020 in una dozzina di Paesi.

Vi terremo informati per ulteriori sviluppi. Investireste nella valuta criptata di Facebook?

Fonte: BBC

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica