Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

OPINION 4 min per leggere Nessun commento

Fatica digitale: l'ostacolo maggiore che la AR deve superare

La Realtà Aumentata è più spesso associata a giochi come Pokemon GO, cementandola nella coscienza popolare. Anche se l'AR sta trovando applicazioni in molti altri settori e le principali figure tecnologiche come Tim Cook sono più che entusiaste del suo futuro, la tecnologia non è ancora maturata. Può andare in molte direzioni, ma ci sono ostacoli da superare. Il primo tra questi, ma raramente menzionato, è la fatica digitale.

Dieci anni fa, gli smartphone hanno trovato la loro strada nella nostra vita quotidiana e l'hanno rivoluzionata. Se quel cambiamento sia stato positivo o meno è un dibattito che continua a far infuriare molte persone. Leggiamo spesso degli effetti tossici dei social media sulla nostra autostima o di come i telefoni abbiano distrutto la nostra attenzione con il loro flusso continuo di informazioni. Le aziende tecnologiche, d'altra parte, stanno diffondendo parole d'ordine come "benessere digitale", nel tentativo di frenare il contraccolpo.

Google well being app androidpit 01
Il modo in cui Google aiuta a gestire l'uso quotidiano della tecnologia. / © Screenshot: AndroidPIT

In che modo questo si collega alla Realtà Aumentata? Prima di tutto, la maggior parte dell'AR è attualmente disponibile attraverso applicazioni. Ancora più importante, l'AR ha il potenziale per diventare una parte essenziale della vita quotidiana delle persone, proprio come gli smartphone. Infatti, il suo mercato globale prevede una crescita di oltre 133 miliardi di dollari entro il 2021. Grandi nomi dell'industria tecnologica, come Tim Cook, prevedono anche che la Realtà Aumentata potrebbe essere indispensabile in futuro. Ha sicuramente un immenso potenziale di trasformazione, in senso letterale e figurativo. Eppure, quand'è che sarà troppo? Vediamo cosa ci riserva il futuro.

Presente e futuro prossimo

Siamo già sommersi di notifiche giornaliere e di e-mail di lavoro durante le vacanze. Molti si sentono obbligati ad essere sempre online nel timore di perdere opportunità, connessioni sociali e così via. L'aggiunta di un ulteriore strato di realtà, che è pieno di informazioni (che è un comune uso corrente di AR) suona bene sulla carta, ma dopo un po' di tempo diventa più difficile conservare informazioni utili tra il rumore.

AndroidPIT google glass 5505
Non abbiamo ancora visto l'ultimo modello di Google Glass. / © AndroidPIT

Diversi studi hanno già trovato una correlazione tra l'uso dello smartphone e l'indifferenza. Altre ricerche sostengono inoltre che troppi stimoli e un costante multitasking possono influire negativamente sulle funzioni cognitive. Questo è il motivo per cui la fatica digitale diventa una preoccupazione ancora più grande quando prendiamo in considerazione gli occhiali AR. Anche se i Google Glass non hanno ricevuto apprezzamenti a suo tempo, non è fuori questione che un'altra iterazione possa fare un ritorno sul mercato consumer un domani. Ma è solo un altro schermo che catturerà la vostra attenzione, causando non solo affaticamento degli occhi, ma anche distrazione.

Un futuro lontano

Le persone si lamentano già, ironicamente sui social media, quando i loro amici, parenti o figli sono incollati ai loro schermi e non prestano attenzione ad altro. Cosa succederebbe se gli occhiali AR diventassero mainstream come gli smartphone? Milioni di persone andranno in giro con la vista parzialmente ostruita. Non solo le interazioni sociali tra persone si deterioreranno, ma questo potrebbe portare ad un'ulteriore alienazione, ognuno vivrebbe nella propria bolla. Questo, a sua volta, potrebbe causare problemi di salute mentale. Dopotutto siamo animali sociali per natura e abbiamo bisogno di connessioni (reali, non virtuali) per funzionare.

casual cellphone contemporary 1471752
Abbiamo bisogno di vere connessioni e interazioni sociali per prosperare. / © Pexels

E non pensate che la realtà aumentata non conterrà annunci pubblicitari in un futuro prossimo o lontano. Immaginate di essere bombardati non solo con annunci fisici, ma anche con quelli AR mentre camminate per strada. Nella mia mente, questo è un vero incubo.

Sarebbe come entrare nel territorio di Black Mirror: non è fuori questione che potremmo ottenere delle lenti a contatto con capacità AR in futuro, rendendo impossibile sfuggire a contenuti fastidiosi o addirittura sfumando le linee di demarcazione tra reale e virtuale. Questo andrebbe addirittura oltre la fatica digitale. Questo cortometraggio di Keiichi Matsuda illustra perfettamente come sarebbe un tale futuro...

Colorato e divertente nei primi due secondi, ma travolgente e sgargiante non molto tempo dopo. Questa potrebbe essere la situazione che l'AR potrebbe creare in futuro, a meno che sia l'industria tecnologica che i consumatori non affrontino la tecnologia dal punto di vista dell'influenza sulla nostra salute mentale per capire cosa si può fare per evitare ulteriori effetti negativi e scenari da incubo come quello della Hyper-Reality.

Pensate che una più ampia adozione della AR porterà alla fatica digitale? Immagine un futuro della Realtà Aumentata più roseo? Fateci sapere nei commenti.

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati