Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

2 min per leggere Nessun commento

Furto di radiofrequenze: il vertice di Eolo finisce in manette

Eolo, l'internet provider presente in tutta Italia si è risvegliata questa mattina nel caos più totale. La Guardia di Finanza ha infatti arrestato il vertice dell'azienda, Luca Spada, con l'accusa di truffa ai danni dello Stato pluriaggravata, furto di radiofrequenze non autorizzate pluriaggravato e turbata libertà dell'esercizio di un'industria o di un commercio.

Secondo le indagini delle fiamme gialle, Eolo avrebbe fornito servizi di connessione ad internet in maniera completamente illegale tramite tecnologia wireless, sfruttando frequenze non ancora assegnate dal ministero dello Sviluppo Economico. Il fatturato illecito di 3,5 milioni di euro è stato prontamente sequestrato dalla Guardia di Finanza e, oltre Luca Spada, sono stati indagati altri cinque manager e la società stessa.

Eolo ha fatto sapere pubblicamente che questo non fermerà l'attività dichiarando quanto segue: “In riferimento a notizie circolate oggi, Eolo apprende con stupore che Luca Spada, amministratore delegato della Società, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per una vicenda chiarita 2 anni fapresso le sedi competenti. L’azienda e i suoi soci rinnovano la fiducia sia nei confronti del proprio top management che nelle autorità competenti, certi che la vicenda verrà chiarita nell’interesse di tutte le parti coinvolte”.

Siete anche voi dei clienti Eolo? Fateci sapere nei commenti cosa pensate di questo terremoto che si è abbattuto sulla società italiana.

Fonte: Ansa

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica