Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
3 min per leggere 1 Commento

Galaxy Note 2 contro Note 1: vale la pena cambiare?

Il Galaxy Note 2 è davvero un bell'oggetto: il display a 5'' e l'innovativa S-Pen lo rendono davvero un device interessante. Ma vale la pena cambiare se si è già in possesso del predecessore, il Galaxy Note? In questo articolo mettiamo a confonto i due phablet.

Design

L'aspetto del design è altamente soggettivo e dipende in larga misura dai gusti personali. Personalmente, anche se il Note 2 non è male, preferisco ancora il “vecchio” Galaxy Note. Il motivo è che il Galaxy Note 2 mi ricorda troppo una sorta di Galaxy S3 ingrandito. Il Note 1 e 2 si assomigliano in certi aspetti, ma hanno anche molte differenze. Soprattutto, il retro del Galaxy Note 1 è più liscio, si adatta maglio ad essere impugnato e non escludo sia anche di qualche grammo più leggero.

Vale la pena anche sottolineare come sul Galaxy Note 2 ci sia spazio solo per una scheda micro Sim. Se siete in possesso di una normale Sim dunque dovrete tagliarla o procurarvene una nuova.

S Pen

La S Pen del Note 1 è più piccola e sottile di quella del Note 2. La nuova S Pen può essere più comoda se non avete mani molto piccole, ed il tasto laterale della penna del Note 2 è più ergonomico e comodo nello svolgimento delle funzioni sullo schermo. La differenza principale, a parte la forma, è comunque il drastico miglioramento del software che interfaccia la penna con il display. Ora la S Pen è davvero una funzione supplementare che arricchisce di molto l'esperienza d'uso del Galaxy Note 2. Dunque in questa sezione i miglioramenti del Note 2 rispetto al predecessore sono notevoli.

TouchWiz

L'interfaccia TouchWiz del Note 2 presenta molti miglioramenti e adattamenti di funzioni rispetto a quella installata sul Galaxy Note 1. Le icone occupano una diversa area dello schermo, il look brillante è stato abbandonato per tornare alla semplicità e tutto il sistema sembra molto più ordinato e omogeneo che sul Note 1. Sul nuovo dispositivo si ha davvero l'impressione che il TouchWiz sia a tutti gli effetti una parte del software, e non semplicemente un'interfaccia del produttore. In ogni caso, se devo scegliere, la mia preferenza va sempre all'Android puro dei device Nexus.

Velocità

Qui le prestazioni del Note 2 sono decisamente superiori: tutto sembra scorrere sullo schermo in modo più fluido e reattivo, e la sensazione che ne deriva è molto diversa rispetto al Note 1. Dove il Note 1 aveva problemi, il nuovo dispositivo è invece scorrevole e affidabile. La combinazione tra il Project Butter di Jelly Bean e dell'hardware del Note 2 ha portato ottimi risultati ed è a tutti gli effetti un esperimento riuscito.

Testa a testa tra Galaxy Note e Galaxy Note 2!

Conclusione

Anche chi è già in possesso di un Galaxy Note dovrebbe farsi qualche domanda: il Note 2 è più veloce e reattivo del predecessore e mette a disposizione tutta una serie di nuove e utili funzioni. Ognuno deve fare i suoi conti e valutare se questo miglioramento hardware giustifichi il prezzo. Se stessi già usando il Note 1, personalmente attenderei l'uscita del prossimo modello (Note 3?). Per tutti i coloro invece che ancora non usano il Galaxy Note, il mio consiglio spassionato è di procurarsi il Note 2 al più presto. A questo prezzo non potete trovare uno smartphone di fascia alta che sia altrettanto competitivo.

(Foto: Nico Heister/AndroidPIT)

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK