Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Google Assistant si farà sempre più gli affari vostri: in arrivo nell'app Messaggi
Google Applicazioni 2 min per leggere Nessun commento

Google Assistant si farà sempre più gli affari vostri: in arrivo nell'app Messaggi

Allo, una delle tante app di messaggistica lanciate e poi abbandonate da Google, sta per giungere al capolinea. Una delle funzioni principali che caratterizzava quest'app era l'integrazione delle conversazioni con Google Assistant. Google ha deciso di portare questa funzionalità anche nell'app Messaggi.

Durante i prossimi mesi verrà rilasciato un aggiornamento dell'app Messaggi di Google. Questo aggiornamento porterà l'integrazione di Google Assistant nelle varie conversazioni, caratteristica ereditata dall'ormai morente Allo. L'assistente vocale di Google sarà in grado di mostrare all'interno delle vostre conversazioni (di gruppo e non) dei suggerimenti basati sui messaggi che vengono scambiati.

"In arrivo nei prossimi mesi" - una frase che a Google piace particolarmente

Questa funzione vi permetterà di ottenere rapidamente informazioni su ristoranti, persone, eventi e dovrebbe rendere più facile lo scambio di informazioni utili. Non abbiate paura, Google non leggerà i vostri messaggi o per lo meno così afferma. Google Assistant farà comparire nella parte bassa di ogni conversazione i cosiddetti "conversation chips" in totale autonomia. Verranno inviati ai server dell'azienda solamente i termini inclusi in questi collegamenti rapidi, ovviamente questi dati viaggeranno verso i server di Big G nel momento in cui andrete a toccare questi collegamenti per richiedere ulteriori informazioni.

android messages
Una funzione curiosa. / © Google

Non è ancora chiaro come possano apparire questi suggerimenti in applicazioni diverse da Messaggi o se Google attiverà la funzione solo nelle conversazioni in cui tutti i partecipanti usano la sua app. Non è ancora chiaro, inoltre, se la funzione sarà compatibile con gli SMS, gli MMS o solamente con il nuovo (e poco diffuso) standard di comunicazione RCS che dipende dall'operatore telefonico che si utilizza. Per ora ciò che sappiamo è che la nuova funzione inizierà ad essere diffusa in lingua inglese per poi essere sviluppata ulteriormente in altre lingue nel prossimo futuro.

Vi potrebbe tornare utile una funzione simile o preferireste che Google non ficcasse il naso nelle vostre conversazioni?

Fonte: The Verge

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica