Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

2 min per leggere 1 Commento

Google Glasses, l'esperienza d'uso può essere un po' innaturale

google glass 4

Durante una recente intervista, Eric Schmidt, niente meno che uno dei fondatori di Google, ha affermato che l'esperienza d'uso dei Google Glasses può essere un po' strana. I Google Glasses, occhiali dall'interfaccia Android, sono ora in fase di sperimentazione e la loro uscita è al momento prevista per l'anno prossimo. Vediamo il perché di queste esternazioni del presidente esecutivo di Google.

Le frasi di Schmidt sono da ricondurre principalmente alla funzione di comandi vocali dei Google Glasses, definita appunto “la cosa più strana” durante un discorso all'Università di Harvard. Parlare con i propri occhiali, anche solo per impartire semplici comandi, potrebbe essere inappropriato in molti posti.

È indubbio che la curiosità suscitata dai Google Glasses sia alta, ma è anche certo che il percorso che porterà alla commercializzazione dei Glasses per il pubblico sia ancora molto lungo. Google ha anche deciso che tutte le app che avranno la compatibilità per i Google Glasses dovranno essere approvate preventivamente dall'azienda di Mountain View, a differenza di quanto avviene normalmente nel mercato degli smartphone e dei tablet.

google glass 2

I Google Glass come appaiono sul sito ufficiale del progetto

La spiegazione per questa scelta è venuta ancora dallo stesso Schmidt, che ha spiegato che “i Google Glasses sono qualcosa di talmente nuovo che l'azienda ha deciso di procedere con maggiore cautela. Sarà comunque facile aprirsi maggiormente alle novità in futuro”.

(Immagini: Google)

1 Condivisione

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica