Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Condivisione 1 Commento

Google guadagna appena 15 dollari per ogni Nexus 7. Ne vale la pena?

google nexus

Il nuovo Nexus 7 tablet ha provocati un sacco di rumore nel mondo dell'hi-tech. Potente, col suo processore quad-core, bello da vedere e soprattutto venduto negli USA per soli 199 dollari, prezzo che per Google significa un guadagno di appena 15 dollari per unità. La domanda quindi è: ne vale davvero la pena? Perché Amazon e Apple riescono a ottenere profitti ben più alti dai loro tablet?

Secono UBM TechInsights, società di ricerca specializzata nel mercato dei prodotti tecnologici, il costo sostenuto per produrre un Nexus 7 è di 184 dollari, componenti e assemblaggio inclusi, permettendo a Google di guadagnare una quindicina di dollari per Nexus venduto. Per fare un paragone con un dispositivo simile, guadagna da ogni Kindle Fire venduto circa 46 dollari, cioè tre volta tanto di quello che guadagna BigG. E Apple? Premesso che il tablet della Mela è un dispositivo che appartiene a una fascia di mercato diversa, l'iPAD genera un profitto di 171 dollari al pezzo, 11 volte di più di quello che si mette in tasca Google. Perché il Nexus costa così poco?

Google, come dice il suo motto, non sarà “evil” ma di sicuro non è neanche un ente filantropico e il prezzo relativamente basso del Nexus 7 è necessario per rubare quote di mercato al Kindle Fire e, soprattutto, allo store di Amazon. Convincere gli utenti a passare dal Kindle al Nexus equivale a farli passare dallo store di Amazon a Google Play. E' evidente che questo è solo l'inizio di una guerra nel mercato del mobile e che i tablet sono solo una delle armi a disposizione dei due colossi.

La distanza che Google deve colmare per far raggiungere al suo Play Store il livello di Amazon è enorme, basti pensare che in moltissimi paesi su Google Play si possono acquistare solo le applicazioni Android, niente libri, niente musica e tanto meno prodotti fisici.

Se Google riuscirà a sfondare nel mercato degli store online, quello dove in fondo si gioca la vera partita del mercato mobile, allora assisteremo probabilemente anche alla sfida con Apple.

Fonte: CNet

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK