Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
3 Condivisioni Nessun commento

Google Home hands-on: Assistant diventa un coinquilino!

Google ha ampliato la collezione dei suoi prodotti smart home con il nuovo hardware basato su Assistant: Google Home. Ovviamente abbiamo gia' spacchettato e collegato il dispositivo, preparandolo per i nostri test!

Uscita e prezzo

In realtà non abbiamo ancora la certezza che l'azienda di Mountain View voglia portare Google Home in Italia anche se gli indizi suggerirebbero di si. Google Assistant ancora non parla italiano ma il supporto dovrebbe arrivare a breve, entro fine anno. Speriamo assieme all'introduzione dell'assistente vocale nella nostra lingua Big G decida di immettere sul mercato anche questo magico hardware.

AndroidPIT google home 7016
Il copri speaker in tessuto è disponibile in vari colori. / © AndroidPIT

L'assistente vocale casalingo è disponibile in Germania dall'8 agosto al prezzo di 149 euro mentre negli Stati Uniti ed in altri Paesi di lingua inglese è già disponibile da parecchio tempo.

Design e assemblaggio

Siccome il sample da recensire ci ha raggiunto poco prima dell'inizio delle vendite, abbiamo avuto il tempo di spacchettarlo, inizializzarlo e fare solo qualche rapida prova.

AndroidPIT google home 7006
Il touch posto nella parte superiore viene utilizzato per regolare il volume. / © AndroidPIT

Il corpo del dispositivo è totalmente in plastica, fatta eccezione per la copertura degli speaker a 360 gradi posti nella parte inferiore che ha una finitura in tessuto. Il nostro modello è grigio ma è disponibile in vari altri colori. Nella parte superiore abbiamo due microfoni ad ampio raggio pronti a rispondere ai vostri "Ok Google!" e i led RGB che indicano l'attività di Google Home.

AndroidPIT google home 6975
Se i LED colorati di Google Home sono accesi significa che è in ascolto. / © AndroidPIT

Il nostro test kit includeva un Chromecast ed uno starter kit Philips Hue, entrambi controllabili da Google Home.

Software

Siccome recentemente ho dimostrato come controllare le lampade Hue con Google Assistant, non mi è servito riconfigurare completamente tutto. Google Home era già pronto a funzionare.

Google Home Install on Google Play

La configurazione di Google Home grazie all'applicazione che porta lo stesso nome è stata facile e veloce. Il setup mi ha suggerito di iscrivermi ad un servizio di streaming musicale e avendo già un abbonamento con Deezer ho potuto subito collegarlo al mio assistente personale. Il comando vocale "riproduci un po' di musica" ha fatto subito partire Deezer. Scegliere anche quale album o canzone riprodurre è possibile.

Google home setup services news languages
Google Home controlla news, dispositivi smart home e tutto il resto in tre lingue. / © AndroidPIT

L'intero sistema funziona così: collegate il Chromecast audio al vostro stereo, grazie all'app Google Home lo collegate alla vostra Smart Home virtuale e quest'ultima la impostate su Google Home. Rinominando il Chromecast ad esempio in "salotto" vi basterà dire "Ok Google, riproduci brano di Fabio Rovazzi in salotto" e come per magia partirà la musica. Per muoverci tra le varie tracce dovremo farlo a mano.

Potete anche raggruppare diversi dispositivi abilitati Chromecast audio. Se avete degli speaker abilitati al Google Cast oppure un'altro Google Home potrete riunirli assieme ad esempio sotto il gruppo "disco" e riprodurre la musica su tutti i dispositivi del gruppo in maniera sincronizzata.

Audio

Un woofer e due tweeter della dimensione di 2" l'uno irradiano il suono in tutte le direzioni. L'acustica non è male ma di certo non di tratta di audio HiFi. Siccome non è presente una porta jack non è possibile collegarlo direttamente all'impianto stereo. E' possibile collegarlo con il Bluetooth ma la strada più indicata è sempre la funzione Cast.

AndroidPIT google home 6996
Il pulsante disattiva il rilevamento della hotword "Ok Google". / © AndroidPIT

Giudizio iniziale

Nei prossimi giorni mi addentrerò tra le funzioni di Google Home nel dettaglio. Apparentemente la funzione multi-account è stata introdotta, questo permette di riconoscere i vari utenti ognuno con il proprio account. Quando chiederemo "quali sono i miei impegni per oggi?" Google Home risponderà solamente con gli impegni presenti nel calendario della persona che ha fatto la domanda. Questa non solo è una cosa sicura ma anche piena di senso.

Esplorerò queste funzioni e altre più specifiche nei prossimi giorni e vi dirò se questo Google Home è un'alternativa migliore di Amazon Echo. Fino ad allora sentitevi liberi di farmi le vostre domande!

3 Condivisioni

Nessun commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK