Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Google multata per 50 milioni di euro ma se l'è meritato?

Google multata per 50 milioni di euro ma se l'è meritato?

L'anno scorso è entrato in vigore il regolamento generale sulla protezione dei dati, più comunemente noto come GDPR. Questo regolamento europeo impone alcune regole alle imprese, facendo attenzione a chi non le rispetta. Google ne viene a conoscenza a proprie spese, diventando la prima azienda ad essere sottoposta a sanzioni nell'ambito del GDPR. La sanzione? 50 milioni di euro.

La CNIL, acronimo di Commission Nationale de l'Informatique et des Libertés, non è solo una sorta di guardia del corpo per i cittadini francesi nelle loro attività digitali ma è anche l'autorità suprema in questo campo. In altre parole, è meglio evitare di incontrarla sulla vostra strada perché le sue decisioni sono molto importanti. Google lo sta scoprendo oggi: secondo la CNIL, non sta compiendo sforzi sufficienti per allineare i suoi servizi alle normative europee. Più precisamente, le accuse sono "mancanza di trasparenza", "informazioni insoddisfacenti" e "mancanza di un valido consenso alla personalizzazione della pubblicità".

Precedenti sanzioni a Facebook ci hanno abituato a questo tipo di problema ma questa volta è Google a trovarsi in cattive acque. Molte persone si sono rivolte alle associazioni (circa 10 mila per l'associazione LQDN) per fare pressione sulla CNIL affinché agisse. Conclusione: a Google viene inflitta una sanzione di 50 milioni di euro.

Google 04
50 milioni di dollari di multa per Big G. / pixinoo/Shutterstock

Mathias Moulin, Direttore per la tutela dei diritti e delle sanzioni della CNIL, ha affrontato alcuni elementi del problema spiegando che "l'informazione non è facilmente accessibile, è diffusa in diverse pagine". Questo probabilmente non convincerà i sostenitori di Google che troveranno questa multa ingiustificata o esagerata.

Gli utenti (o più precisamente gli annunci che osservano e con cui interagiscono) rappresentano un mezzo di sostentamento che i giganti di internet come Google e Facebook non vogliono vedere riformato. Forse stanno ancora cercando di vedere cosa possono permettersi di fare prima di incorrere in delle sanzioni che, visti i loro guadagni, sono piuttosto misere.

Tutto ciò solleva una domanda interessante: questa sanzione a Google è meritata o l'UE si sta accanendo verso il gigante americano?

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica