Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Google scoperta a rubare da Genius tramite... un codice Morse?

Google scoperta a rubare da Genius tramite... un codice Morse?

L'abbiamo fatto tutti. Non è sempre facile capire i testi di tutte le canzoni, quindi cerchiamo su Google che ci apre la via verso moltissimi siti salvavita dedicati proprio a questo scopo. Tuttavia, spesso non arriviamo nemmeno così lontano, perché Google mostra i testi direttamente nei risultati della ricerca stessa. Alcuni di questi testi sembra siano stati presi senza permesso...

Il sito Genius ha sostenuto a lungo come Google abbia rubato i loro testi in blocco e li ha pubblicati direttamente su Google Search. Ovviamente, questo impedisce agli utenti di entrare effettivamente su Genius e priverebbe il portale di entrate vitali. Genius dice di aver finalmente dimostrato il furto dei testi di Google con l'aiuto di messaggi in codice Morse nascosti all'interno dei testi.

Genius ha deliberatamente usato apostrofi dritti e curvi alternati. Questa filigrana digitale utilizza la codifica Morse per scrivere "red handed" ed è apparsa in Google Lyrics con l'esatto watermark più di 100 volte. Genius ha sostenuto che Google sta violando la legge antitrust, le sue condizioni di servizio, il tutto nonostante Google sia stata avvisata del problema già nel 2017.

Google, tuttavia, nega qualsiasi illecito nella seguente dichiarazione alla stampa:

"I testi visualizzati nei riquadri informativi e nei Knowledge Panels su Google Search sono concessi in licenza da una varietà di fonti e non vengono presi da siti web. Prendiamo molto seriamente la qualità dei dati e i diritti di creazione e riteniamo i nostri partner di licenza responsabili dei termini del nostro accordo. Stiamo esaminando la questione con i nostri partner per i dati e, in caso non rispettino delle pratiche lecite, porremo fine a tali accordi"

Ciò che è interessante è che Google afferma che siano i suoi partner a doversi attenere ai termini di servizio, il gigante di Mountain View non crea i pannelli da sé. Una delle fonti per i testi delle canzoni, LyricFind, ha assicurato al Wall Street Journal che il suo staff non fornisce testi di Genius. Ad ogni modo né Google né alcun partner hanno fornito una spiegazione riguardo a come ci sia finita la trappola Morse di Genius nel pannello.

AndroidPIT google is evil 2
Il dominio di Google su internet ha preoccupato spesso i legislatori. / © AndroidPIT

Genius in realtà non possiede i testi che mostra, quindi potrebbe non avere molto da guadagnare nello sfidare Mountain View direttamente su base legale. Comunque sia, Google sta affrontando un sacco di problemi a causa di possibili violazioni delle restrizioni antitrust, sia con casi di successo da parte dell'Unione Europea e potenzialmente un'imminente indagine da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Mentre le autorità indagano alla ricerca di comportamenti anticoncorrenziali, accuse come quelle di Genius non faranno che aggravare una situazione difficile per il gigante della ricerca online.

Articoli consigliati

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica