Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

3 min per leggere Nessun commento

Google starebbe violando la GDPR secondo 7 Paesi dell'UE

Google sta affrontando la sua prima sfida nell'ambito delle nuove leggi europee sulla protezione dei dati, note come General Data Protection Regulation (GDPR), dopo che gruppi di sette nazioni hanno accusato la società Mountain View di violazioni della privacy per via della localizzazione degli utenti.

Era solo questione di tempo, vero? Le agenzie per i diritti dei consumatori dii Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Grecia, Norvegia, Slovenia e Svezia hanno presentato dei reclami sostenendo che Google stia violando le norme GDPR monitorando i movimenti di milioni di utenti.

Ogni gruppo coinvolto ha presentato un reclamo alle autorità nazionali per la protezione dei dati, come stabilito dalle norme GDPR, dopo che si è scoperto che Google è in grado di tracciare la posizione degli utenti anche quando l'opzione Location History è disattivata. È necessario disattivare un'impostazione separata in Attività Web e Attività App, che è attiva per impostazione predefinita, per impedire completamente all'azienda di utilizzare il GPS per tracciare la propria posizione.

android location disable
Android ha un interruttore per disattivare il rilevamento della posizione, ma Google sa ancora dove vi trovate. / © AndroidPIT

La lobby dei consumatori chiamata European Consumer Organization (BEUC), che parla a nome delle associazioni dei consumatori dei vari Paesi, ha affermato che le pratiche sleali lasciano i consumatori all'oscuro dell'uso dei loro dati personali.

La BEUC ha affermato: "Queste pratiche non sono conformi al regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), in quanto Google non dispone di un valido fondamento giuridico per il trattamento dei dati in questione. In particolare, la relazione mostra che il consenso degli utenti fornito in queste circostanze non è dato liberamente".

In risposta ai reclami, un portavoce di Google ha detto a Reuters: "La cronologia delle posizioni è disattivata per impostazione predefinita ed è possibile modificarla, eliminarla o metterla in pausa in qualsiasi momento. "Se si mantiene attiva, aiuta a migliorare i servizi come il traffico previsto sul vostro percorso giornaliero ad esempio".

"Quando si mette in pausa l'accesso alla posizione rendiamo chiaro che, a seconda delle impostazioni individuali del telefono e dell'applicazione, potremmo comunque raccogliere e utilizzare i dati di localizzazione per migliorare l'esperienza con i servizi Google".

EU flaggs hero
L'UE è stata dura in materia di privacy dall'entrata in vigore del GDPR nel marzo 2018. / © Metro

Google ha dichiarato di lavorare costantemente per migliorare i propri controlli e di voler leggere attentamente questa relazione per vedere se ci sono altri fatti che possono essere presi in considerazione.

La GDPR sta già avendo un impatto sulle imprese americane. All'inizio di quest'anno, il commissario irlandese per la privacy dei dati ha detto che avrebbe esaminato Facebook dopo che una falla di sicurezza ha permesso la violazione di dati da 29 milioni di account.

Nel caso questo reclamo contro Google abbia successo, la società Mountain View potrebbe essere tenuta a pagare fino a 4 miliardi di dollari di multe. L'importo è calcolato sulla base delle entrate globali a partire dal 2017, di cui fino al 4% potrebbero essere considerate come un giusto risarcimento.

Cosa ne pensate di queste lamentele sulla privacy? L'Europa è troppo dura con le aziende tecnologiche americane? Fateci sapere nei commenti la vostra opinione!

Fonte: Reuters

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica