Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Guidare un'auto elettrica costa sempre meno
Hardware Mobility CES 4 min per leggere Nessun commento

Guidare un'auto elettrica costa sempre meno

Non è un segreto. I principali problemi che ostacolano lo sviluppo e la diffusione dei veicoli elettrici sono la ricarica e i costi. Le case automobilistiche ne sono ben consapevoli e stanno quindi intensificando le iniziative per risolvere questi problemi. Al CES 2019, le case automobilistiche presentano i loro piani per ridurre i costi al fine di attirare un maggior numero di clienti.

Sì, le fiere riguardo la tecnologia diventano saloni dell'auto e viceversa. La prova di ciò è ancora una volta data dal CES 2019 di Las Vegas. Diverse case automobilistiche sono ovviamente coinvolte e stanno affrontando la spinosa questione del futuro delle città e della mobilità urbana. Questo futuro dipende ovviamente dall'elettricità ma, nonostante i progressi in questo campo siano stati spettacolari negli ultimi anni, in particolare grazie a migliori ottimizzazioni della batteria, bisogna riconoscere che i veicoli elettrici soffrono ancora di un problema con un corto raggio d'azione e la richiesta di frequenti ricariche.

Il numero di stazioni di ricarica è in forte aumento ma resta il fatto che questa paura di rimanere senza energia renda molte persone restie ad acquistare. Anche il costo di un "serbatoio pieno" preoccupa i potenziali clienti, il che non sorprende in un momento in cui l'energia sta diventando sempre più costosa e lo sviluppo delle energie rinnovabili è in forte espansione.

Presenti in loco, molti produttori presentano le loro iniziative per rendere la ricarica più intelligente e sostenere la trasformazione del sistema energetico. Il risultato? Guidare un'auto elettrica potrebbe essere più economico e meno costoso!

audi ces 2019
Al CES 2019, Audi ha dimostrato il suo route planner e-tron e il suo servizio di ricarica e-tron per facilitare la ricarica stradale a corrente continua e alternata. / © AndroidPIT

Ottimizzare meglio i tempi di ricarica...

Come sempre più dispositivi, anche la ricarica diventa intelligente. Il produttore tedesco BMW, ad esempio, vuole digitalizzare l'esperienza di ricarica. Grazie al BMW Digital Charging Service, la ricarica intelligente è in grado di scegliere automaticamente il modo migliore per ricaricare la vostra auto BMW i o BMW iPerformance.

In base alle tariffe standard e ai tempi di utilizzo (ad esempio, le ore di spostamento al lavoro ogni mattina), BMW Digital Charging Service seleziona automaticamente i periodi in cui la ricarica è la più economica. Per fare questo, tutto ciò che serve è avere una tariffa per l'elettricità che varia a seconda dell'ora del giorno. Inoltre, la ricarica include naturalmente anche l'energia dei pannelli fotovoltaici installati nella vostra casa, se necessario.

Al fine di ampliare le capacità di ricarica intelligente dei veicoli elettrici (EV) e dei veicoli ibridi elettrici ibridi plug-in, il produttore tedesco si spinge ancora oltre.

In California, 350 automobilisti BMW i stanno partecipando ad un progetto pilota. Chiamato BMW iCharge Forward, questo programma analizza in dettaglio le condizioni della rete energetica (osserva se molte persone consumano molta energia allo stesso tempo, etc.) per determinare una strategia di ricarica. Analizza anche se il veicolo è in carica a casa o in movimento e dà priorità alle esigenze di mobilità del conducente. L'obiettivo è quello di estendere e testare nuove funzionalità di fatturazione intelligente, offrendo al contempo migliori vantaggi per la rete.

In termini concreti, il conducente sarà in grado di ricaricare l'auto nei momenti migliori della giornata, senza generare emissioni di CO2. Anche l'elettricità viene prodotta in modo neutrale, cioè senza emissioni di CO2 (ad esempio con le turbine eoliche). Inoltre, la strategia di ricarica flessibile e a controllo digitale consente di interrompere il processo di ricarica durante le fasi di richiesta di energia elettrica particolarmente elevate e riduce l'onere per la rete pubblica. In futuro, le batterie ad alta tensione delle auto elettriche BMW e MINI non solo saranno in grado di assorbire quanta più elettricità possibile da fonti rinnovabili, ma anche di restituirla alla rete in caso di carenza di energia da fonti rinnovabili.

... per ridurre i costi di utilizzo

Naturalmente, queste iniziative non sono prive di interesse. BMW vuole minimizzare i costi iniziali e il costo totale che un utente deve pagare per avere un veicolo elettrico, riducendo al minimo l'impatto sulla rete del carico ed evitando possibili problemi in futuro. Il produttore anticipa le future esigenze di rete e lo sviluppo delle energie rinnovabili per rassicurare tutti i suoi clienti (e potenziali clienti).

BMW non è l'unico produttore automobilistico interessato allo sviluppo sostenibile. Volkswagen, che prevede di sviluppare stazioni di ricarica mobile nel 2020 con una capacità di stoccaggio di 360 kWh, vorrebbe utilizzare il riciclaggio delle batterie usate. Anche Tesla, Ford e Mercedes stanno moltiplicando i loro progetti in questo settore.

Cosa ne pensi di queste innovazioni?

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica