Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

2 min per leggere 1 Condivisione 1 Commento

HTC e Huawei: solo dispositivi di qualità

htc huawei

Chi cerca telefoni a basso prezzo, magari chiudendo un occhio sulla qualità dei materiali e dell'assemblaggio non dovrà rivolgersi a HTC e neppure a Huawei. Entrambi i produttori puntano ad avere un listino con prodotti di qualità.

Il CEO di HTC ha dichiarato al Wall Street Journal infatti che la casa coreana non ha nessuna intenzione di rovinare la propria immagine con prodottti che potrebbero potenzialmente danneggiare la reputazione dell'azienda. Questo non significa che HTC d'ora in poi produrrà solo device di fascia alta, ma che l'azienda vuole offrire una linea di prodotti più semplice e attenta alla qualità, a iniziare dai materiali. Difficilmente vedremo d'ora in poi smartphone HTC di fascia bassa.

Discorso simile quello fatto da Huawei, anche se da una prospettiva molto diversa da quella di HTC. In occasione dell'annucio dell'update a ICS per Honour, Huawei ha fatto sapere che in futuro ci si devono aspettare dispositivi di fascia (e qualità) alta anche dalla casa cinese. Il marchio Huawei finora non è certo stato associato a dispositivi di alta qualità, ma piuttosto a quelli dal prezzo contenuto e la volontà del colosso cinese è quello di cambiare lentamente questa percezione da parte degli utenti. In futuro Huawei avrà, oltre al noto Ascend D Quad anche altri dispositivi che saranno in diretta concorrenza dei top di gamma di marchi più importanti.

Mentre tra circa un mese dovrebbe arrivare nei negozi l'Ascend P1 (dual-core, 1GB di RAM), per i device quad-core di Huawei si dovrà aspettare ancora un po'. Forse il produttore cinese teme di bruciarsi prodotti di fascia alta in un momento in cui Huawei non è ancora considerato un marchio top, fatto sta che sia l'Ascend D Quad che il tablet quad-core Mediapad 10 non usciranno prima del tardo autunno prossimo, forse addirittura equipaggiati già con Android Jelly Bean.

1 Condivisione

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più