Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Huawei compie azioni illegali in Iran: i documenti ufficiali compaiono online
Huawei Mate 20 Pro Huawei 2 min per leggere Nessun commento

Huawei compie azioni illegali in Iran: i documenti ufficiali compaiono online

Ricordate l'arresto del CFO di Huawei avvenuto in Canada il mese scorso? Fu ordinato dagli Stati Uniti con l'accusa che il gigante cinese avrebbe frodato il sistema bancario globale cercando di nascondere alcuni affari eseguiti in Iran, una pratica totalmente illegale negli USA. Fino ad oggi, le accuse sembravano solo campate in aria, ma finalmente ecco apparire online i documenti che testimoniano le azioni illecite di Huawei.

Il caso contro il CFO di Huawei ruota attorno ai legami che Huawei avrebbe intrapreso con due piccole aziende. Una sarebbe un venditore di apparecchiature per telecomunicazioni con sede a Teheran, la Skycom Tech Co Ltd, mentre l'altra, Canicula, con sede nelle isole Mauritius. Secondo Meng, le due società sono completamente indipendenti da Huawei, così che le transazioni in Iran possano compiersi liberamente. Tuttavia, alcuni documenti dimostrano il fatto che il gigante cinese ha effettivamente controllato le mosse di entrambe le aziende.

meng wanzhou 1280
Meng Wanzhou, il CFO di Huawei, arrestata e successivamente rilasciata su cauzione. / © Huawei

Scoperti da Reuters, tali documenti rivelano che Skycom avrebbe nominato un dirigente Huawei di alto livello per gestire la compagnia con sede in Iran. Inoltre, si notano i nomi di ben tre persone di nazionalità cinese legate ai relativi conti correnti bancari di Huawei e Skycom in Iran.

I dati mostrano che Skycom è stata poi venduta nel 2007 a Canicula, che ha avuto il possesso delle azioni Skycom per circa 10 anni. Quest'ultima è stata poi volontariamente liquidata nel 2017, così Canicula ha potuto fare affari in Siria per conto di Huawei, facendosi beffa delle leggi statunitensi.

huawei mate 20 pro 01
Huawei Mate 20 Pro è uno dei tanti smartphone cinesi banditi in territorio USA. / © AndroidPIT

Secondo i funzionari negli Stati Uniti, Huawei controllava Skycom per vendere apparecchiature per telecomunicazioni all'Iran, riuscendo a portare ingenti somme di denaro fuori dal paese americano frodando il sistema bancario globale per centinaia di milioni di dollari.

Cosa pensate di questo caso ora che sono apparsi i documenti ufficiali che incastrerebbero Huawei?

Via: Phone Arena Fonte: Reuters

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica