Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione.

4 min per leggere 3 Commenti

La batteria del Huawei P20 Pro non vi deluderà

Il Huawei P20 Pro integra all'interno del suo sottile ed elegante corpo, una batteria di 4000mAh. Le aspettative in termini di autonomia erano alte, soprattutto considerando le ottime prestazioni offerte dal Mate 10 Pro che punta anch'esso su 4000mAh ed è riuscito a rimanere in vita per un weekend intero. Il Huawei P20 Pro sarà riuscito a fare lo stesso?

La batteria è uno degli assi nella manica del Huawei P20 Pro

Dopo aver visto il Mate 10 Pro integrare una batteria da 4000mAh ed essere capace di rimanere in vita quasi due giorni, dal P20 Pro ci aspettavamo delle altrettanto buone prestazioni. La batteria da 3200mAh del P10 e da 3750mAh del P10 Plus ci aveva deluso ma Huawei sul P20 Pro ha migliorato questo non trascurabile aspetto.

AndroidPIT huawei p20 pro 3199
Sotto questa scocca sbrilluccicante si nasconde una performante batteria da 4000mAh. / © AndroidPIT by Irina Efremova

Le prestazioni nell'uso quotidiano

Con il Huawei P20 Pro sono riuscita sempre ad arrivare a fine serata con circa il 20% di autonomia ancora a disposizione. La percentuale può variare a seconda della giornata ma in una settimana di utilizzo, lo smartphone si è comportato più o meno sempre allo stesso modo. Non si è mai scaricato nel pomeriggio ed in alcuni casi è arrivato alla giornata seguente con ancora un po' di energia a disposizione. Ho sempre lasciato la risoluzione del display impostata su FullHD+.

In giornate in cui ho utilizzato lo smartphone in modo intensivo, lanciando continuamente la fotocamera, messaggiando su WhatsApp e Facebook Messenger, guardando video su YouTube e giocando, il Huawei P20 Pro è riuscito ad offrire un'autonomia di circa 15 ore prima di raggiungere il 18/20% di carica residua. 

Huawei p20 pro battery test 2
Il P20 Pro offre circa 15 ore prima di raggiungere il 18/20% di carica residua. / © AndroidPIT

Come potete vedere dagli screenshot sotto, utilizzando lo smartphone in modo meno intensivo per chiamare, messaggiare su WhatsApp, gestire le email, surfare di tanto in tanto su Facebook e Instagram, scattare qualche foto, orientarmi con Google Maps e lanciare qualche video su YouTube, il P20 Pro è riuscito a stare in vita circa 1 giorno e 13 ore registrando il 20% di autonomia ancora a disposizione con schermo attivo per 4 ore, 13 minuti e 34 secondi. Limitare l'suo della fotocamera e la riproduzione di video permette di guadagnare un po' di autonomia in più.

P20 Pro battery
1 giorno e 13 ore di autonomia con schermo attivo per 4 ore, 13 minuti e 34 secondi. / © AndroidPIT

I risultati su PCMark Battery Life

Come sempre abbiamo messo alla prova il dispositivo anche sul test benchmark PC Mark dove ha riportato un risultato di  9 ore e 33 minuti. Durante il test il dispositivo aveva WIFI e Bluetooth attivi, luminosità impostata al 50% e scheda SIM inserita al suo interno.

Huawei P20 Pro a confronto nei test benchmark di PCMark

Smartphone Durata Capacità
Razer Phone 10:43 ore 4000 mAh
Huawei P20 Pro 9:33 ore 4000 mAh
Samsung Galaxy S9 7:15 ore 3000 mAh

Ricarica SuperCharge, ma non wireless

La ricarica SuperCharge offerta dal P20 Pro permette di ricarica il dispositivo in tempi brevi. Nella confezione di acquisto troverete un alimentatore 4.5V/5A ed il cavetto USB di Tipo C che consentono di caricare il dispositivo di poco più del 50% in circa 30 minuti.

A differenza del Huawei Mate RS Porsche Design però, il P20 Pro non offre la ricarica wireless. Peccato visto la scelta di optare per una scocca in vetro.

Non rimarrete delusi dalla batteria del P20 Pro

Durante questa settimana insieme al Huawei P20 Pro, lo smartphone ha dimostrato di riuscire ad offrire una buona autonomia. Huawei ha fatto un buon lavoro ottimizzando uno dei punti deboli della precedente generazione e, come sempre, i mAh, da soli non dicono nulla: si tratta del lavoro comune fatto da hardware e software.

Rimangono poi a disposizione dell'utente la ricarica rapida, per rigenerare lo smartphone in tempi brevi, e le modalità di risparmio energetico (quella normale e quella Ultra). 

Per ridurre i consumi, sul P20 Pro Huawei permette inoltre di:

  • Ridurre la risoluzione del display portandola manualmente o automaticamente (attivando la voce Risoluzione Intelligente) dal FHD+ (2240x1080) a HD+ (1493x720).
  • Cambiare i colori dell'interfaccia dal bianco al nero.
  • Sfruttare i consigli su Ottimizza utilizzo batteria.

Soddisfatti dall'autonomia del P20 Pro?

3 Condivisioni

3 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Scusa VIESPO ma .. Secondo Te allora come mai le aziende che producono dei "medio gamma"con il "doppio dell'autonomia" nn riescono a produrre loro stesse un "top di gamma" con pari autonomia ?
    Mi pare anche ovvio e banale che un medio gamma ottimizzato ma con processori meno energivori, schermi più scarsi , meno luminosi e definiti, qualche sensore in meno magari un po piu spesso e pesante, debba per forza di cose aver più autonomia.

    Tu dici che il Tuo P2, autonomia doppia con carenza delle prestazioni ma "più che accettabili"
    Io ho un P8 nel cassetto perchè odio la sua lentezza !
    E d'altra parte, la diversificazione dei modelli di mercato da parte di ogni azienda, serve proprio a questo; Puoi scegliere di spendere mille euro ed avere quel 10% in meno di autonomia ma hai un terminale scattante e con tutto l'hardware al top, oppure "mediare".

    Ora mi son preso l S9 Plus, a parte che nonostante lo schermo (6.2) più grande e definito di S7 Edge (5.7), i processori più spinti, il 20% in più di ram, il doppio di rom,maggior lumen, e più sensori alimentati (iride ecc), ha più autonomia di S7 edge che vanta 100 Mah di batteria in più !!!!
    Sembra assurdo eh?


  • viespo 2 settimane fa Link al commento

    Ottimo smartphone, prezzo esorbitante.Ancora si parla di processori ottimi ed ottimizzati, eppure nonostante gli aumenti di capacità delle batterie hanno autonomia facilmente battute da medio gamma ( ricordo il mio adorato P2 com autonomia doppia ed unica carenza le prestazioni, anche se più che accettabili, ma tantissimi mediogamma da 200-250 euro hanno autonomia pari se non superiori a questi TOP di gamma)...su uno smartphone da 900 euro, di un marchio recentemente affacciato tra i top, la mancanza di ricarica wireless é già di per sè un handicap.mi dispiace che la gente parli di autonomia da device spento.quello che per me conta, é quanto riesca ad usarlo; col P2 sono tra le 8h30/9 DISPLAY ACCESO in utilizzo, in WIFI 12/13 ore..250 euro.Spendendo 650-700 euro in più, mi troverei con prestazioni più brillanti di cui non vedo alcuna utilità visto che si destreggi agevolmente tra navigatori, youtube, ed altre applicazioni contemporaneamente..a scapito di metà dell'autonomia?


    • Non ha il jack delle cuffie e nonostante ciò il bluetooth è 4.x anzichè 5.0
      Diciamo che in generale gli huawei non mi ispirano: avevo visto il p10 al mediaworld a un prezzo tutto sommato buono, ma mi sembrava un telefono “vuoto”, senza funzioni degne di nota e un software un pò scomodo (si, sto parlando dei tasti software). Un dispositivo per chi ha soldi da spendere e poche pretese, adatto ad un fotografo o ad un businessman, ma non di certo ad un audiofilo (neanche l’ Iphone 8 da cui scrivo lo è, se per questo).

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più