Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Huawei vs USA: perché e come si è arrivati a questo?
Hardware Applicazioni 5G 6 min per leggere 3 Commenti

Huawei vs USA: perché e come si è arrivati a questo?

Guardando un po' alla storia, avremmo potuto (quasi) anticipare il corso degli eventi tra Trump e Huawei. Infatti, il presidente americano cerca ormai da tempo di trovare un modo di contrastare la compagnia cinese e l'argomento è diventato recentemente una "emergenza nazionale di fronte alle minacce informatiche". Ripercorriamo i fatti per capire il presente e anticipare il prossimo futuro...

Ad ogni storia la sua Genesi

trump pointing
Washington mette in guardia da Huawei da oltre un anno. / © CNN

Naturalmente, se Trump ha firmato un'ordinanza che vieta alle società di telecomunicazioni americane di utilizzare apparecchiature straniere, puntando così alla Cina e più in particolare a Huawei, è per una buona ragione. E dietro a questo motivo, ci sono i fatti. Il gioco del gatto e del topo tra l'azienda cinese e il presidente americano non è iniziato la scorsa settimana.

Febbraio 2018: l'inizio del conflitto

Se infatti torniamo all'inizio del conflitto tra gli Stati Uniti e Huawei, arriviamo a febbraio 2018, il 13 febbraio 2018 per l'esattezza. Quel giorno, davanti alla Commissione del Senato, funzionari dell'FBI, della CIA e della NASA hanno seriamente consigliato agli americani di non utilizzare i prodotti Huawei e ZTE.

fbi badge
Lo stesso direttore dell'FBI mette in guardia contro Huawei. / Wikimedia Commons

Chris Way, direttore dell'FBI, mette in guardia contro l'arrivo massiccio di Huawei sul territorio americano, permettendo così alla Cina di "influenzare o addirittura controllare le infrastrutture di telecomunicazione", spiega, con "spionaggio impercettibile". Come? Attraverso il 5G, una tecnologia su cui Huawei sta lavorando duramente e il Consiglio di sicurezza nazionale considera questa una minaccia.

Dicembre 2018: Arresto del CFO di Huawei

Il 1 dicembre a Vancouver, in Canada, viene arrestata la figlia del fondatore e CFO di Huawei, Meng Wanzhou, sospettata di violare le sanzioni statunitensi nei confronti dell'Iran (una serie di embarghi) approvando accordi commerciali per conto di Huawei con il Paese dell'est. Donald Trump ha poi chiesto l'estradizione negli Stati Uniti per poterla processare (il caso è ancora in corso, Meng Wanzhou sta lottando contro la sua estradizione e i sospetti non sono ancora stati sollevati, ndr).

meng wanzhou 1280
Meng Wanzhou è stata arrestata a Vancouver, il governo americano ne chiede l'estradizione. / © Huawei

Gennaio 2019: giustizia americana contro Huawei

A gennaio, le tensioni aumentano. Se il 16 gennaio il sistema giudiziario americano apre un'indagine penale contro Huawei, il 28 gennaio annuncia 23 accuse. 13 di essi riguardano Meng Wanzhou e sospetti su Huawei di frode bancaria ed elettronica per eludere le già citate sanzioni statunitensi contro l'Iran.

La società cinese è anche accusata di spionaggio industriale e frode. Mi spiego, l'azienda cinese è accusata di aver rubato la tecnologia di T-Mobile USA, "Tappy" il robot che riproduce il gesto della mano umana per testare gli smartphone, e di difficili relazioni finanziarie con le sue due controllate SkycomTech e Huawei Device USA.

Marzo 2019: il gigante cinese risponde

Huawei non è il tipo che permette che questo accada. Questo è il motivo per cui il 7 marzo, la società ha presentato una denuncia contro il governo degli Stati Uniti. Accusa quest'ultima di vietare a qualsiasi amministrazione o società americana che lavori con essa di acquistare attrezzature o servizi da Huawei, per motivi di sicurezza nazionale, senza alcuna giustificazione. L'azienda denuncia quindi osservazioni che danneggiano la sua reputazione.

Maggio 2019: l'inizio della sitcom

Nel maggio di quest'anno, possiamo dire che le cose hanno seriamente accelerato...

15 maggio 2019

Donald Trump firma un decreto che vieta ufficialmente alle aziende di telecomunicazioni americane di lavorare con aziende cinesi, quindi naturalmente Huawei.

Ink Drop shutterstock 1244119168
Maggio 2019 segna l'inizio dell'embargo contro Huawei. / Ink Drop - Shutterstock.com

16 maggio 2019

Huawei ha risposto denunciando una misura illegittima da parte del governo americano. Il gruppo cinese spiega che impedire il commercio dei suoi dispositivi sul territorio americano "non renderà gli Stati Uniti più sicuri o più forti" riducendo così il Paese a "alternative di qualità inferiore e ancora più costose, lasciando gli Stati Uniti in ritardo nello spiegamento di 5G". Huawei si qualifica come "il leader senza pari della rete 5G".

19 maggio 2019

Molte aziende americane stanno tagliando i legami con Huawei, come Google, Qualcomm o Intel.

Amirul Hakim Bin Baharin shutterstock 1402300823
Google sta interrompendo i suoi rapporti d'affari con Huawei. / Amirul Hakim Bin Baharin - Shutterstock.com

22 maggio 2019

Quattro operatori britannici e giapponesi hanno annunciato che sospenderanno la commercializzazione degli smartphone Huawei. Il motivo? Se questi smartphone non hanno più la tecnologia americana a bordo (Google, chip Qualcom), perdono valore e popolarità. ARM, che sviluppa e concede in licenza l'architettura utilizzata nei processori di quasi tutti gli smartphone presenti sul mercato, ha anche interrotto le sue relazioni commerciali.

23 maggio 2019

È il turno di Panasonic di rompere il legame con Huawei. L'azienda giapponese annulla la consegna di parte dei suoi prodotti all'azienda cinese.

Huawei è un danno collaterale della disputa commerciale Cina-America?

È un grande classico, una storia che si ripete più e più volte: chi sarà il padrone del mondo? La dominazione mondiale ha a che fare con l'economia, ovviamente. Allora perché Trump è arrabbiato? Probabilmente perché teme che il suo Paese perda il primato mondiale (come se non fosse già successo...).

Washington USA 4
L'Ufficio ovale ha annunciato diversi aumenti delle tasse di importazione nel 2018 / © Orhan Cam/Shutterstock

Se torniamo un po' più indietro nella storia, arriviamo a gennaio 2018. A quel punto, possiamo dire che la guerra commerciale Cina-America è inziata con Trump che impone dazi doganali all'importazione di prodotti progettati principalmente in Cina, come lavatrici e pannelli solari.

Perché una tale decisione? A causa della bilancia commerciale, ossia della notevole differenza significativa tra l'importazione e l'esportazione di prodotti tra due Paesi. La Cina importa chiaramente molto di più negli Stati Uniti che le esportazioni del Paese dello Zio Sam verso il Paese asiatico.

La disparità commerciale è sostanziale: 375 miliardi di dollari nel 2017, una cifra che sale a 378,73 miliardi di dollari nel 2018. Così, nel 2018, gli Stati Uniti hanno firmato numerosi decreti che aumentano le tasse di importazione nel proprio territorio, la Cina ha inviato la palla indietro, è stata un'escalation economica.

Ma allora sorgono diverse questioni: la Cina si lascerà trattare così nel caso Huawei? Può imporre un simile embargo alla Apple, ad esempio? Possono queste pressioni commerciali portare a una sorta di guerra fredda? Molte domande che probabilmente riceveranno risposta nei prossimi mesi o addirittura nelle prossime settimane.

Cosa ne pensate di questa guerra commerciale?

Fonte: Le Figaro

3 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Trump non mi è simpatico, trovo che abbia fatto molti errori in politica estera, tuttavia su questa guerra dei dazi ha ragione da vendere, il mercato cinese non è libero, non c'è reciprocità, i cinesi possono operare da padroni negli altri paesi ma impediscono agli altri di costituire aziende in Cina che non siano controllate al 51% dagli stessi cinesi, spesso operano in dumping sovvenzionati dal governo cinese, avete mai comprato su Aliexpress? Io si! Come fanno a spedire merce a 30- 50 centesimi? Solo la spedizione dovrebbe costare assai di più, ovviamente paga lo stato cinese!


  • se fossi nella Cina, vieterei a tutte le aziende e a tutti gli alleati, di acquistare beni di stampo americano e soprattutto il divieto assoluto di vendita. Nel giro di meno di un anno l'America collasserebbe su se stessa. Ma sicuramente nn verrà attuata questa politica da parte della Cina e cercherà di mediare in qualche modo.


    • Se fossi la Cina mi affrettetei a chiudere l'accordo con gli USA, gli esportatori netto sono loro, se perdono il mercato americano ed in seguito magari quello europeo saranno loro a rimetterci, non certo gli Americani!