Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

opinion 3 min per leggere Nessun commento

Perché non dovremmo sperare in un miracolo con l'HubblePhone di Turing?

Sembra troppo bello per essere vero! Il Turing HubblePhone, come mostra la e-mail che ho ricevuto, ha un design futuristico, un fattore di forma interessante, non uno ma ben due nuovi e finora sconosciuti processori Snapdragon, cinque sensori fotocamera, display flessibile, eccetera eccetera. Unico problema: è troppo bello per essere vero, ed è proprio così: non è vero.

Conoscete lo Snapdragon 855, vero? No, non lo conoscete, proprio perché non esiste ancora. L’HubblePhone ne dovrebbe avere due, uniti alla tecnologia Fusion dell’azienda. In più, ricezione 5G, cinque sensori fotocamera, un display 4K pieghevole e molto altro. Come sistema operativo a Turing non basta Android, pretende Keplerian OS, una distribuzione Linux poco conosciuta.

L’HubblePhone K3-XR dovrebbe essere già in fase di sviluppo dal 2016 col nome di “Cadenza” e comprendere quattro dispositivi in uno: smartphone multi screen, 5G, fotocamera professionale con Video Editor e console giochi mobile. Turing svela addirittura prezzo e data d’uscita: la meraviglia costerà 2749 dollari e arriverà sul mercato nel 2020. Quando esattamente? A giugno negli Stati Uniti, ad agosto in Europa, a settembre in Cina e a dicembre nel resto del mondo.

Turing non se la passa bene

Probabilmente non tutti gli appassionati di smartphone conosceranno il produttore, ma qualcuno sì. Quasi due mesi fa il nome di Turing è stato reso noto dai media per l’apertura di una procedura d’insolvenza nei suoi confronti. Naturalmente, secondo il CEO, le cose non andavano poi così male affermando che non si trattava di bancarotta ma solo di difficoltà a breve termine. Certo le precedenti esperienze di Turing in materia di smartphone non fanno sperare in meglio.

turing hubblephone
Questo dovrebbe essere l’aspetto dell’HubblePhone. / © Turing

Il primo smartphone Turing annunciato a grande voce sarebbe dovuto arrivare nel 2015 come dispositivo particolarmente sicuro e criptato. Aveva anche un prezzo poi il lancio è stato rimandato, e di nuovo rimandato e alla fine non se n’è saputo più nulla.

Secondo smartphone, stesso gioco, questa volta con servizio Concierge al posto della crittografia. Ritorna l’annuncio in pompa magna, l’etichetta salata e poi più nulla. Questo trucchetto è già noto con altre aziende, come Saygus col V2 ma nessuno ripropone il trucchetto in maniera così coerente ma allo stesso tempo fallimentare come Turing.

hubblephonelive6
L’immagine dovrebbe mostrare un prototipo di Turing HubblePhone. / © Turing

Con l’HubblePhone andrà a finire proprio come con gli altri smartphone Turing finora: non arriverà mai sul mercato. L'azienda può annunciare tutte le date ed i prezzi che vuole. Semmai l'HubblePhone dovesse arrivare sul mercato come è stato annunciato ora, mi morderò la lingua.

Non fraintendetemi, trovo eccezionale che le aziende inventino prodotti che a primo impatto sembrano stupidi ma che poi si rivelano avvincenti. Ciò porta una ventata di aria fresca e nuove idee sul mercato. Con Turing ho però l’impressione che oltre alle idee si tratti di fumo e niente arrosto. Si possono nominare tutti gli appuntamenti ed i prezzi che si vogliono ma se poi non arriva niente sul mercato non si tratta più di uno scherzo divertente.

Che ne pensate della nuova idea di Turing?

1 Condivisione

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati