Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
2 min per leggere 1 Commento

I nuovi Nexus saranno prodotti da Samsung, Lg e Sony?

nexus logo

Appena ieri erano apparse sul web le specifiche di quello che potrebbe essere il prossimo smartphone Nexus, prodotto da Samsung e Google. A quanto pare però, BigG non vorrebbe affidarsi solo al colosso coreano e almeno altri due Nexus sarebbero in arrivo da altrettanti produttori: Sony e Lg.

Le voci di un cambio di strategia di Google per quanto riguarda i device Nexus erano già circolate qualche tempo fa, quando si era parlato di una lista ristretta di produttori di hardware che sarebbe stata scelta da BigG per la fabbricazione dei nuovi dispositivi ufficiali Android. A quanto riporta il sito AndroidNoodle, il gestore telefonico giapponese NTT DoCoMo avrebbe in programma di commercializzare ben tre Nexus diversi: Samsung Galaxy Nexus II (GT-I9260), Lg Optimus Nexus e Sony Xperia Nexus.

Del Nexus prodotto da Samsung si conoscerebbero già alcune caratteristiche tecniche, pubblicate nella giornata di ieri da SamMobile. Il Galaxy Nexus II avrebbe un display Amoled da 4,65'' e monterebbe un processore dual-core con clock a 1,5 Ghz, fotocamera posteriore da 8MP e frontale da 1,9 e disporrebbe di 16 GB di memoria interna, espandibile tramite SD.

Sebbene degli altri Nexus non si conoscano ancora le specifiche, è presumibile che ognuno di questi appartenga a fasce di prezzo diverse, con Sony maggior indiziata per la produzione del Nexus più economico data l'ampiezza della gamma Xperia e la grande offerta di buoni smartphone di fascia bassa.

Samsung, LG e Sony... tra i maggiori produttori di hardware Android mancano all'appello HTC e Motorola. Se un l'arrivo di un HTC One Nexus non è affatto escluso, sembra anche possibile che Google possa voler sfruttare le potenzialità dell'appena acquisita Motorola, vista soprattutto la voglia di rilancio che si respira dalle parti della casa americana.
 

Fonte: Phandroid

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK