Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Il 5G sarà la novità del 2019 più difficile da vendere

Il 5G sarà la novità del 2019 più difficile da vendere

Il nuovo standard per la connettività di rete fa parlare di se da parecchi anni. Il 2019 dovrebbe essere l'anno in cui la connettività di nuova generazione diventerà mainstream grazie alla diffusione di nuovi smartphone con supporto al 5G ma sarà davvero così? Lo dubito fortemente...

L'hardware è costoso

Il primo scoglio che la nuova tecnologia dovrà affrontare per una maggiore diffusione è abbastanza ovvio. Gli smartphone 5G sono costosi, molto costosi. Il nuovo Galaxy S10 5G supererà quasi sicuramente la soglia dei 1000 euro mentre l'alternativa Huawei, che non si limita a vantare la connettività 5G, supera i 2000 euro!

AndroidPIT huawei mate x folded
Al momento il Mate X di Huawei è lo smartphone 5G più completo grazie al suo esclusivo chip Balong 5000. / © AndroidPIT

Solo Xiaomi, per il momento, è stata in grado di mostrare uno smartphone dotato di antenne 5G dal prezzo competitivo. Questo perché l'azienda cinese ha semplicemente lanciato una variante di uno smartphone esistente, il Mi MIX 3, aggiornando le sue specifiche tecniche.

Chi sarà disposto ad offrire così tanto solo per poter provare per primo la rete mobile di quinta generazione?

Consumi di batteria elevati

Alcuni smartphone 5G, tra quelli annunciati di recente, dispongono di batterie capienti. Galaxy S10 nella variante 5G dispone di addirittura 4500mAh. La maggioranza, al contrario, utilizza delle normali batterie dalla capienza che non supera di moltissimo la media, come il Mi MIX 3 5G ed i suoi 3300mAh.

Questo potrebbe essere un grosso problema per la prima generazione di smartphone 5G. La nuova connettività di rete, al momento, presenta un consumo energetico considerevole e, giudicando i risultati di resistenza degli smartphone attuali, dubito si possa riuscire ad arrivare a sera tranquillamente rimanendo sempre connessi ala rete next-gen.

AndroidPIT samsung galaxy s10 5g back btha
Galaxy S10 5G ha 4500mAh di batteria: basteranno? / © AndroidPIT

Infrastruttura praticamente inesistente

Parliamoci chiaro. Per quanto gli operatori vogliano darla a bere con progetti pilota o esperimenti con videochiamate o trasmissioni video sotto rete 5G, la struttura necessaria a rendere il 5G disponibile sulla maggior parte del territorio ancora non esiste. Solo le più grandi città si stanno già attrezzando con antenne di nuova generazione, la maggioranza del territorio nazionale dovrà aspettare mesi (se non anni) prima di poter godere della nuova tecnologia.

dl lte techniker 1
Ce ne sono di antenne da installare... / © Telekom

Vi ricordate quanto tempo è passato dall'arrivo sul mercato del 4G al momento in cui avete potuto utilizzarlo ovunque? Questa è una domanda a trabocchetto perché il 4G ad oggi ancora non è disponibile ovunque, le lacune sul territorio sono presenti per tutti gli operatori di rete. Certo, una copertura del 100% è forse utopica ed impossibile. Ad ogni modo, prima che il 5G possa essere utilizzato dalla maggior parte degli utenti, passerà un bel po' di tempo...

I contratti telefonici saranno costosi

Proprio così. Sempre paragonando il lancio del 5G a quello della rete LTE, all'inizio i contratti proposti dagli operatori saranno estremamente costosi. Come se la copertura di rete inesistente non fosse già uno scoglio all'adozione del 5G, dovrete pagare un considerevole extra per potervi proiettare nel futuro.

Questi contratti per il momento ancora non esistono ma dubito fortemente che l'accesso alle nuove reti venga dato per garantito a tutti gli utenti. Dei contratti appositi dovranno essere stipulati dagli utenti interessati.

AndroidPIT italian providers
Come si comporteranno a riguardo gli operatori? / © AndroidPIT by Irina Efremova

Inoltre sarà interessante osservare il comportamento dei vari gestori riguardo al traffico dati. Se credete che 50GB di dati mobili siano tanti, immaginatevi il traffico generabile sotto rete 5G. Le altissime velocità di trasmissione dati sono in grado di prosciugare anche i più generosi contratti telefonici in davvero poco tempo se non si presta attenzione. Probabilmente assieme alle tariffe 5G verranno lanciati anche dei contratti con molti più GB per la navigazione o addirittura flat e questi di certo non saranno economici come le ricaricabili Iliad.

Meglio aspettare

Sembra un consiglio stupido ma credo che prima di saltare sul carro del 5G sia meglio attendere. Stipulare un contratto telefonico costoso solo per poter provare una rete che probabilmente non è nemmeno disponibile nella maggior parte dei luoghi che visitate quotidianamente potrebbe non essere una grande idea.

Anche investire una cifra considerevole in un dispositivo compatibile 5G non è una grande idea. Prima che la rete diventi sufficientemente diffusa da poterla sfruttare come si deve, molti altri smartphone vedranno la luce e la componentistica necessaria alla connettività 5G diventerà più economica facendo abbassare i prezzi dei prodotti.

Inoltre la tecnologia delle antenne e dei SoC continuerà a migliorare riducendo consumi e migliorando l'affidabilità, un motivo in più per attendere ancora un po' prima di farsi prendere dalla smania per il 5G.

Voi cosa ne pensate? Non vedete l'ora di acquistare uno smartphone 5G oppure come me preferite attendere?

Articoli consigliati

2 Commenti

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Come sempre un articolo pieno di giuste e ponderate e riflessioni che non è nemmeno necessario commentare tanto sono condivisibili.
    Per tutti questi motivi non penso assolutamente ad un 5G, ma sono convinto che, quando sarà arrivato il momento, anche i prezzi saranno scesi parecchio. Certo resterà il problema dei contratti...ma staremo a vedere