Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.
Il Face Unlock commette un errore ed un adolescente finisce in galera
Hardware Apple 2 min per leggere 1 Commento

Il Face Unlock commette un errore ed un adolescente finisce in galera

Un adolescente di New York ha intentato una causa da un miliardo di dollari contro Apple sostenendo che il sistema di riconoscimento facciale di Cupertino ha portato al suo falso arresto. Ousmane Bah, 18 anni, è stato arrestato dalla polizia di New York il 29 novembre in relazione ad una serie di furti all'Apple Store di Boston, New Jersey, Delaware e Manhattan. Ousmane sarebbe stato vittima di di uno scambio di persona.

Sembra che il vero criminale fosse in possesso di un documento d'identità rubato al giovane malcapitato e che lo abbia utilizzato per rubare circa 1200 dollari di merce nell'Apple Store di Boston. Secondo l'accusa, il riconoscimento facciale di Apple ha riconosciuto il volto del giovane adolescente, così la polizia lo ha incolpato anche per i successivi furti avvenuti nei negozi in New Jersey, Delaware e Manhattan.

Tuttavia, dopo aver esaminato i filmati della videosorveglianza, si è giunti alla conclusione che Bah e il vero ladro non avessero nulla a che fare l'uno con l'altro, soprattutto perché il giovane era presente al ballo di fine anno a Manhattan quando si è verificato il furto di Boston, dunque non poteva assolutamente essere colpevole. Le accuse contro Bah sono poi state archiviate in ogni stato tranne in New Jersey, dove il caso è ancora in sospeso.

Facial recognition 3
Ricordate il curioso caso del 3D Face Unlock "difettoso" di Huawei? / © AndroidPIT

Non è ancora chiaro se la causa reggerà in tribunale o se il giovane riuscirà ad ottenere il miliardo di dollari richiesto come risarcimento, ma il caso offre buoni punti di riflessione su questa tecnologia biometrica in relazione alle forze dell'ordine. L'accusa sostiene infatti che "l'uso da parte di Apple dei software di riconoscimento facciale nei suoi negozi per rintracciare le persone sospettate di furto è un tipo di sorveglianza che i consumatori temono, soprattutto perché la maggior parte dei consumatori non sono consapevoli che i loro volti vengano segretamente presi in analisi".

Dato che l'occhio umano ha scagionato Bah in pochi minuti dando un semplice sguardo ai filmati di sorveglianza, sarebbe il caso di non fare un eccessivo affidamento della sicurezza biometrica.

Fonte: New York Post

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Mah, insomma...magari non otterrà un miliardo di dollari (che sinceramente mi sembra un po' tanto), ma due lire secondo me gli arrivano. :-)