Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

Il lato nascosto dell'Intelligenza Artificiale vi farà rabbrividire

Il lato nascosto dell'Intelligenza Artificiale vi farà rabbrividire

Sappiamo da tempo che la tecnologia ha i suoi lati oscuri e l'Intelligenza Artificiale è ben lungi dall'essere un'eccezione alla regola. Se vogliamo tenere a mente gli aspetti positivi delle nuove tecnologie (ad esempio, rilevamento e trattamento delle malattie), i risultati non sono necessariamente così evidenti come ci piacerebbe credere.

Umanesimo, transumanesimo, tecno-fanatismo?

Guardiamola da una prospettiva storica. Il Rinascimento ha visto l'arrivo di una corrente di pensiero (che più tardi divenne una dottrina filosofica) chiamata umanesimo. Basato su un'antica filosofia, questo movimento cerca di determinare le caratteristiche dell'umanità a partire dall'essere umano e, per preservare ciò che rende la nostra specificità, il carattere umano della nostra natura. L'Illuminismo del XVIII secolo ha aggiunto due elementi importanti a questa nozione di umanesimo: l'idea di natura e l'idea di società.

Molto più recentemente, nel secolo scorso, le cose si sono evolute ulteriormente con il transumanesimo, che riprende molti elementi dell'umanesimo ma ha un approccio un po' diverso, poiché l'obiettivo è più focalizzato sull'evoluzione dell'essere umano. Questa è la logica conseguenza degli ultimi due secoli, segnati dalle scoperte scientifiche, dalla crescita fenomenale dell'industria e dal commercio su larga scala. L'uomo si adatta a questo nuovo mondo basandosi in particolare sulle nuove invenzioni e su quella che il prossimo secolo chiamerà tecnologia.

AI robot 02
Il futuro dell'uomo è nelle mani della tecnologia? / © Jirsak/Shutterstock

Il mondo attuale è chiaramente guidato da un'ondata transumanista che spesso vuole farci credere che la tecnologia è una benedizione per l'essere umano. ovviamente con il tacito e interessato sostegno delle aziende e delle loro pubblicità. È una nuova tecnologia, quindi è necessariamente qualcosa di buono, insomma. Non ci volle molto tempo prima di vedere i primi abusi: i giganti della tecnologia approfittarono della situazione (e così molti altri) per creare i loro eserciti di seguaci, pronti a difendere il loro logo mettendo le mani sul portafoglio, oltre che cantando le lodi della loro sacrosanta compagnia.

L'AI: figliol prodigo con ambizioni divine

Lo scopo della tecnologia è quello di creare invenzioni e, più in particolare, strumenti utili per l'adattamento dell'uomo al suo nuovo ambiente. Ecco l'ultima nata, l'Intelligenza Artificiale che, oltre alla sua funzione utilitaristica, mostra naturalmente l'ambizione di un Messia: questa tecnologia mira a salvare il mondo. Che sia in grado di farlo (cosa che probabilmente sarà) o meno, è solo un dettaglio per i fanatici del progresso di cui sopra, così come per alcuni dei suoi creatori che lo vedono anche come fonte di profitto.

L'intelligenza artificiale è un metodo di adattamento. Lasciamo da parte per il momento il buon vecchio dibattito sulla tecnologia che sostituisce i lavoratori, è un argomento spinoso che non c'entra niente con l'argomento trattato oggi. Ci viene detto a voce alta che l'AI è più una collaborazione con gli esseri umani che una sostituzione e le applicazioni mediche si stanno muovendo in questa direzione, almeno per il momento. Eppure, pensandoci, cosa fa l'intelligenza artificiale? È programmata per fare le cose meglio di noi: si pone le domande che ci porremmo, fa quello che faremmo, ecc.

AI robot 03
L'uomo di fronte alla macchina. / © maxuser/Shutterstock

I pessimisti diranno che nel lungo periodo rinunceremo (consapevolmente o inconsapevolmente) alla fine alla nostra libertà di pensare e agire. Gli ottimisti, invece, diranno che delegare compiti complicati è una buona cosa, ma che dobbiamo comunque tenere d'occhio la situazione. Poi è la volta di quelli che diranno che dobbiamo dare pieni poteri all'AI così da non doverci più preoccupare di nulla. È facile immaginare come la natura umana, così manipolabile, possa essere influenzata dalle aziende e dei tecnofili. In nome del progresso, le poche libertà che fino ad allora erano poche, se non nessuna, sono in pericolo.

Facciamo un esempio concreto: la macchina che pensa al nostro posto. Stiamo già vedendo i primi risultati con alcuni aggregatori che si adattano alle nostre preferenze per mostrarci solo ciò che ci interessa, isolandoci così da altre informazioni.

Apprendimento automatico: il tuttofare che inconsciamente sogniamo

L'AI, che sta per diventare un vero e proprio tuttofare, ha un grande vantaggio: l'apprendimento automatico. Si tratta del cervello dell'Intelligenza Artificiale, ciò che la rende intelligente: grazie ai dati assimilati, impara e si adatta. Una caratteristica molto umana, insomma, con la differenza che l'uomo continua a credere di essere superiore. In realtà, la produttività della macchina sarà superiore a quella dell'uomo in molte aree. Per questo motivo, già oggi e probabilmente molto di più in futuro, l'AI rappresenta un'autorità che viene e verrà seguita senza discussione. L'uomo, sebbene si sia autoproclamato come il riferimento più alto nella nostra scala di valori, si inchinerà. L'AI sarà una sorta di guida per la conoscenza e alla ragione.

AI robot worship 02
Gli umani si sottometteranno mai all'AI? / © Shutterstock & AndroidPIT

Creatura ibrida, umana e sovrumana, la natura dell'AI è il problema principale. Non sappiamo come definirla, ma vogliamo farne lo strumento universale che possa sostituire tutte le lacune che abbiamo. Alcuni osservatori arrivano addirittura a dire che alcune sue applicazioni e, più in generale, della tecnologia moderna, sono una manifestazione inconscia del desiderio di evitare il contatto umano. Il fenomeno dei chatbot illustra abbastanza bene questo punto: uno studio dimostra che gli utenti preferiscono parlare con gli esseri umani piuttosto che con i chatbot, ma che la tendenza cambierà.

Fino a che punto può arrivare la "sostituzione" dell'uomo con la macchina? Un elemento della risposta è dato dai risultati di un sondaggio condotto da TV Dave: la tendenza mostra che le domande più frequenti poste a Google sono domande alle quali nemmeno Google ha una risposta. Queste domande non solo dimostrano che ci siamo abituati a cercare tutto su questo motore di ricerca, ma la natura delle domande stesse dimostra che Google non è solo un'enciclopedia moderna, ma anche un esperto di paranormale, psicoterapeuta o detective e, soprattutto, che ci aspettiamo tutto da lui.

Al momento, non tutta l'Intelligenza Artificiale di Google è in grado di rispondere a domande come "cosa succede dopo la morte" o "qual è il significato della vita?", ma due cose sono certe: gli utenti preferiranno discutere di questo con Google piuttosto che con i professionisti, così Google farà del suo meglio per garantire che la sua AI un giorno sarà in grado di rispondere.

L'accettazione dell'Intelligenza Artificiale è inevitabile. Accogliamo a braccia aperte tutto l'aiuto che ci può dare, soprattutto nella lotta contro le malattie. È una ragione sufficiente per accettare i cambiamenti che porterà alla nostra società? Qualunque sia la risposta, il meglio che possiamo fare è tenere le cose il più possibile sotto controllo.

Come pensate che l'AI cambierà la nostra società?

Articoli consigliati

1 Commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica
Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

  • Sarebbe meglio capire cosa sia l'IA, quanto sia lontana ancora come obiettivo, e sopratutto capire che quella che viene chiamata "IA" come sui cellulari sono semplicemente algoritmi sofisticati che NULLA hanno a che vedere con una vera IA anche solo teorica .....