Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. OK
4 min per leggere 1 Condivisione 1 Commento

iOS 6, 200 funzionalità nuove, ma non per Android

ios6 contro android

Ieri è uscito la nuova versione del sistema operativo di Apple, iOS. Con l'ultima release su iPhone i Pad arrivano nuove funzioni, mentre altre invece se ne vanno. Me delle 200 nuove feature di iOS 6 quante sono nuove davvero? Per saperlo abbiamo confrontato il nuovo OS di Apple con Android Jelly Bean...

Le nuove mappe

Una delle novità più importanti di iOS 6 è naturalmente l'abbandono di Google Maps in favore delle mappe sviluppate direttamente da Apple e che utilizzano i dati di TomTom. Un confronto con la versione beta di Apple Maps e le mappe di Google lo avevamo già pubblicato e Cupertino non era uscito bene. Arrivata la versione definitiva... il risultato non cambia, anzi. Le mappe di Apple sono molto meno dettagliate, a volte si trovano errori clamorosi e anche la funzione Flyover regala qualche perla di surrealismo.

apple maps contro google maps

Casomai dovessi venire a vivistare la redazione di AndroidPIT, meglio usare le mappe di Google :)

Integrazione con Facebook

Altra novità di iOS 6 è l'integrazione con Facebook dell'intero sistema operativo, un po' come succedeva già su iOS 5 con Twitter. Addirittura è possibile postare il proprio status su Facebook dalla barra delle notifiche. Comodo, indubbiamente, ma non certo nuovo. Su Android queste cose erano già possibili e non solo per Twitter e Facebook, ma anche per Dropbox e qualunque altra applicazione o servizio che voglia usare le API messe a disposizione da Google. Su Apple però la sincronizzazione dei contatti di Facebook è diretta e senza problemi di sorta, al contrario che su Android dove, a causa della decisione del social network di non usare le API pubbliche, i contatti possono essere sincronizzati solo per vie indirette e a volte problematiche.

ios6 facebook

Nuovo App Store

Con l'arrivo di iOS 6, anche l'App Store riceve un aggiornamento dell'interfaccia e ne guadagna in facilità d'uso e chiarezza anche grazie alle icone più grandi.

ios 6 app store

Di contro, queste occupano più spazio e il numero delle app mostrate in una schermata è abbastanza limitato, soprattutto se si usano dispositivi con un display non ampio come un iPod. Per quanto il Play Store sia lontano dall'essere un market user-friendly secondo me, sembra ancora più usabile della controparte di Apple, anche se c'è da dire che in questo caso molto dipende dai gusti personali e da quanto si è abituati a usare questo o quel market.

google play

Passbook

L'idea è semplice, ma brillante: avere sul proprio smartphone biglietti del cinema, di concerti o biglietti aerei pronti per essere scansionati all'ingresso direttamente dal display del dispositivo. Si tratta di una feature di iOS 6 molto interessante, l'unica pecca è che il sistema deve essere accettato anche dal cinema dove andiamo, dalla compagnia aerea che usiamo e così via, cosa che in Italia per adesso non può essere certo definita frequente.

passbook ios6

I biglietti salvati possono essere anche visualizzati direttamente sul display bloccato

Non disturbare

Con iOS 6 si possono impostare gli orari in cui si possono ricevere chiamate e quelli in cui non vogliamo essere disturbati da una chiamata. È anche possibile stabilire delle eccezioni e impostare via libera sempre e comunque per quei numeri da cui presumibilmente riceveremmo solo telefonate importati o in caso di emergenza. La stessa funzionalità manca su Android, ma è presente di default su molte ROM modificate, per non parlare del fatto che già da tempo si possono scaricare dal Play Store applicazioni che fanno esattamente lo stesso.

ios 6 non disturbare

Conclusioni

Apple dice che iOS 6 offre 200 nuove funzionalità, ma la maggior parte di queste sono in realtà piccoli miglioramenti o feature presenti già da tempo su Android, sia nativamente sia installabili con una app. Il sistema operativo di Apple si sta evolvendo, ma resta fedele agli esordi del lontano 2007... forse anche un po' troppo. La pagina iniziale, per esempio, è ancora la solita dove non trovano posto gli widget e quindi per accedere alle funzioni o alle informazioni di un'applicazione è necessario aprirla effettivamente non essendo possibile averle direttamente sull'homescreen.
 

 

1 Condivisione

1 Commento

Commenta la notizia:

Questo sito web utilizza cookies per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Scopri di più

OK