Utilizziamo i cookie sui nostri siti web. Le informazioni sui cookie e su come è possibile opporsi al loro utilizzo in qualsiasi momento o terminarne l'uso sono disponibili nella nostra Informativa sulla privacy.

3 min per leggere Nessun commento

Kirin 970: il chip Huawei con l'intelligenza artificiale integrata

Coloro che si aspettavano di vedere annunciato il Mate 10 durante l'IFA 2017 potrebbero rimanere delusi dal keynote di Huawei. In realtà il brand cinese ha fatto salire sul palco una parte del futuro phablet, il chip Kirin 970, il primo chip con intelligenza artificiale.

Richard Yu, CEO di Huawei, entra in scena. Stavolta però non ha tra le mani uno smartphone, uno smartwatch o un altro dispositivo. Yu si fa portavoce di un importante tema, quello dell'intelligenza artificiale, e lo fa in modo concreto. Con il nuovo Soc Kirin 970 di HilSilicon il brand mostra al pubblico dell'IFA che è lui ad avere in mano il primo chip per smartphone con questo interessante bagaglio.

Ancora più potenza per i nuovi flagship

Il fulcro del Kirin 970 è una versione migliorata del Kirin 960 integrato nel Mate 9 e Huawei P10. Sono ancora otto i nuclei che lo compongono mentre si contano 12 nuclei per quanto riguarda la parte grafica. Ecco le sue caratteristiche tecniche di base:

  • Processo a 10 nanometri
  • 5,5 miliardi di transistor per 1 centimetro quadrato 
  • Otto nuclei (4xA53, 4xA73, max. 2,4 GHz) 
  • Dodici nuclei grafici (Mali G72MP12)
  • LTE Cat.18 fino a 1,2 Gbit/s
  • Due ISP per la lavorazione della doppia immagine
  • Mobile Computing Architecture AI NPU (Neural Network Processing Unit)

Ancora non specificati i dettagli relativi al tipo di nuclei ed alla loro velocità ma nonostante ciò le specifiche sono interessanti. Nonostante il numero di transistor, il Kirin 970 sta sopra lo Snapdragon 835 e l'Apple A10. Tuttavia il dettaglio più interessante è un altro: l'intelligenza artificiale. Come la rivista Winfuture ha anticipato, questa tecnologia riesce a lavorare fino 25 volte più rapidamente rispetto ad una CPU convenzionale consumando il 50% in meno di energia.

Il motore dell'intelligenza artificiale di Huawei lavora come la maggior parte dei sistemi di intelligenza artificiale basati su reti neurali e continua ad imparare. Tra i task che si possono svolgere con la nuova tecnologia integrata nel nuovo chip troviamo il riconoscimento vocale, rilevazione automatica di oggetti e persone in foto e video e la fotografia intelligente.

Il debutto con il Mate 10

Huawei toglie ogni dubbio in merito: il nuovo chip debutterà nel mese di ottobre. Il Mate 10 sarà quindi uno dei candidati alla fascia di migliore smartphone dell'anno, come del resto è stato per il suo predecessore nel 2016. Da precisare che il lavoro fatto dal brand sul chip non è certo limitato ad un singolo smartphone.

Il brand continuerà a lavorare sull'intelligenza artificiale ed a utilizzarla in altri chip e smartphone. Per il futuro prossimo il Kirin 970 sarà destinato ai dispositivi di fascia alta.

Nessun commento

Commenta la notizia:
Tutte le modifiche verranno salvate. Nessuna bozza verrà salvata durante la modifica

Articoli consigliati